I Vini Venezia D.o.c. indossano la prestigiosa fascetta – 25 novembre, Villa Foscarini Cornaro

Contrassegni di stato per le D.O.
Lison-Pramaggiore, Piave e Venezia

25 NOVEMBRE 2013 ore 18

Villa Foscarini Cornaro – Via Palazzi, 10
Gorgo al Monticano (TV)

I continui successi dell’agroalimentare italiano, in Europa e nel mondo, rafforzano e consolidano le nostre eccellenze, ma le espongono, inesorabilmente, alla contraffazione causando un ingente danno a tutta l’economia del comparto. Tale situazione fa sì che il consumatore abbia sempre più bisogno di essere garantito sulla qualità e provenienza dei prodotti che mette sulla sua tavola. Nel settore vitivinicolo, la massima garanzia viene data dal contrassegno di Stato, una fascetta, prima in esclusiva delle Docg, ora estesa anche alle più importanti Doc italiane. Il Consiglio di amministrazione del Consorzio Vini Venezia, consapevole di dover affrontare con il giusto approccio le nuove esigenze del consumatore, ha deliberato di “vestire” con la fascetta anche le bottiglie delle Doc Venezia, Lison-Pramaggiore e Piave dal 1° gennaio 2014.

«Un passaggio fondamentale – afferma Giorgio Piazza, presidente del Consorzio Vini Venezia – che permetterà di salvaguardare ulteriormente le tipologie più rappresentative, in primis il nostro Pinot Grigio. Nella convinzione che questa scelta non sia un limite ma un valore aggiunto per i nostri vini».

Per approfondire con tutti i produttori le azioni annunciate, il Consorzio Vini Venezia organizza per lunedì 25 novembre alle ore 18 un incontro nel quale interverranno i rappresentanti di Valoritalia e dell’ ICQRF per illustrare tutte le procedure necessarie per questo delicato passaggio.

 consorziovinivenezia-logo

Consorzio Vini Venezia
Sede legale
Sestiere San Marco, 2032 – Venezia
Tel. 0421 799256
consorzio@consorziovinivenezia.it

www.consorziovinivenezia.it
FacebookTwitter

_____________

Rossi intriganti, bianchi aromatici e vivaci rosè: garantiti dalla vigna alla bottiglia, tutti i Vini a Denominazione di Origine Controllata “Venezia”, “Piave” e “Lison-Pramaggiore” vestiranno la prestigiosa fascetta, massima garanzia di qualità.

Il percorso di valorizzazione delle Denominazioni prodotte nel Veneto nord orientale è iniziato nel 2010 quando il Lison e il Malanotte del Piave hanno ottenuto il massimo riconoscimento con la D.O.C.G., la Denominazione di Origine Controllata e Garantita.

Il passo successivo è stato segnato dalla scelta lungimirante dei produttori dell’area trevigiana e di quella veneziana di unire le loro forze in un unico consorzio, nato a settembre del 2011. Nel 2012 il Consorzio Vini Venezia ha ottenuto dal Mipaaf l’autorizzazione a svolgere le attività di tutela, promozione, valorizzazione, informazione del consumatore e cura degli interessi relativi alle Denominazioni in “erga omnes”.

Con la vendemmia 2013, tracciabilità e qualità delle produzioni saranno garantite dal rigoroso sistema del contrassegno di Stato per tutti i vini D.O.C. Un processo di trasparenza e di tutela che parte dalla vigna e arriva alla bottiglia a tutela dei produttori e dei consumatori.

«Questa è la precisa volontà dei produttori della denominazione – afferma Giorgio Piazza, presidente del Consorzio Vini Veneziaespressa unanimemente in consiglio del Consorzio, a conferma dei percorsi di qualità, sicurezza, origine e serietà intrapresi da molti anni sia in vigna che in cantina ed anche nel mercato, da tutti i vitivinicoltori».

Anche le Denominazioni tutelate dal Consorzio Vini Venezia si affiancheranno dunque alle più rinomate D.O.C. italiane che lasciano il lotto e approdano al contrassegno di Stato, stampato dalla Zecca di Stato secondo le più moderne tecniche anti contraffazione.

 consorziovinivenezia-logo

Consorzio Vini Venezia
Sede legale
Sestiere San Marco, 2032 – Venezia
Tel. 0421 799256
consorzio@consorziovinivenezia.it

www.consorziovinivenezia.it
FacebookTwitter


_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

_______


Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.

_______


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______