Turismo in Provincia di Treviso: la crescita del 2012

Confermata anche a fine anno la crescita del turismo in Provincia di Treviso che si era registrata nel periodo gennaio-ottobre. Negli ultimi 12 mesi dunque, i dati registrano complessivamente +8,56% negli arrivi e +2,66% nelle presenze. E’ soprattutto il turismo straniero a trainare l’incremento (ben +15% arrivi e +8,46% presenze).

Per quanto riguarda i comprensori, si registra la crescita di Treviso Capoluogo (+8,88 arrivi), Treviso Nord (+14,45% arrivi, +15,75% presenze), Treviso Sud (+18.36% arrivi, +6,41% presenze), Asolano (+22,95% presenze!) e in generale di tutte le aree.

Stranieri: le prime nazionalità sono Cina, Germania, Francia, Austria e Usa. In ripresa gli altri asiatici e il Giappone.

Accoglienza: il 68% degli stranieri e anche una maggioranza di italiani sceglie le strutture a 4 stelle o comunque di categoria medio-alta. Il 34% degli italiani invece si rivolge alle strutture extra-alberghiere.

L’indotto turistico in Provincia di Treviso da gennaio a novembre può quantificarsi in 160 milioni di euro, con una spesa media per turista giornaliera di circa 90 euro

_____________

Ad intervenire alla presentazione dei dati, oltre al Presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, e l’‘assessore provinciale al turismo, Floriano Zambon, anche il presidente del consorzio Marca Treviso, Gianni Garatti e il presidente dell’’associazione albergatori della provincia di Treviso, Federico Capraro. Erano presenti anche il rappresentante del settore turismo Unindustria, Tiziano Simonato e la direttrice del CISET, Mara Manente.

Il presidente della Provincia di Treviso ha introdotto la conferenza sottolineando che “i dati del 2012 confermano che siamo una squadra consolidata che sta ottenendo buoni risultati. Infatti, se il Veneto ha avuto un incremento negli arrivi, nella provincia di Treviso questo incremento è stato notevole (+8,56%). Buono anche il risultato delle presenze + 2,66% . Nella regione, il territorio trevigiano ha registrato una delle migliori performance. Il comprensorio di Treviso, poi, è cresciuto ancor più e in maniera importante””.

L’assessore provinciale al turismo, Floriano Zambon, ha aggiunto che l’importanza della “predisposizione delle strutture ricettive a dotarsi per rendere sempre più appetibile il territorio ai diversi target d’età. Gli arrivi di quest’anno non ha avuto pari nella storia della Marca”.

Il presidente del consorzio Marca Treviso, Gianni Garatti ha sottolineato come “i complimenti vanno alla squadra del sistema turistico locale.  Abbiamo risultati soddisfacenti anche perché stiamo modificando il nostro turismo da business a leisure”

Infine, il presidente dell’associazione degli Albergatori, Federico Capraro parlando di condivisione di obiettivi comuni tra pubblico e privato ha sottolineato “l’importanza di questi dati perché sono frutto di un lavoro in tal senso sul territorio. Noi stiamo performando in un periodo drammatico anche dal punto di vista  economico. I dati presentano alcune zone in calo che sono quello con vocazione prevalente al business e non è un caso. Per quanto riguarda le presenze straniere stiamo assistendo ad un trasferimento del mercato: quello tedesco, in calo, è anche quello più  ricco. Oggi abbiamo una tenuta come numeri ma una qualità diversa”

_____________

I dati del turismo a Treviso nel 2012: confronti e considerazioni

Elaborazioni dati ufficiali 2012

I flussi turistici in Veneto nel 2012

A consuntivo il Veneto registra un + 0,32 negli arrivi, ma un calo delle presenze.

Il comprensorio che ha registrato il maggior aumento in termini di presenze è il lacuale; sostanzialmente stabile il comprensorio delle città d’arte, che però aveva registrato la miglior performance negli ultimi due anni. Calo rilevante nelle presenze del montano e del balneare.

Sostanzialmente stabili gli arrivi di entrambi i comparti della ricettività anche se l’extralberghiero registra l’aumento maggiore.

I flussi turistici in Veneto nel 2012

Le uniche Province a non registrare un calo sono quelle di Treviso e Verona. La Provincia di Verona registra gli aumenti numericamente maggiori, ma è la provincia di Treviso a mostrare la migliore performance in termini percentuali.

I flussi turistici nella Marca nel 2012

Nel 2012 si sono registrati 767.050 arrivi e 1.622.985 presenze.

Prosegue l’andamento positivo già osservato nel 2011 e nel primo semestre dell’anno: + 8,56% gli arrivi e +2,66% le presenze rispetto allo scorso anno.

L’andamento rilevato nella Marca è migliore rispetto a quello stimato nell’intera regione, sul fronte degli arrivi .

Come nel primo semestre, anche nell’intero 2012, la perfomance è dovuta prevalentemente alla domanda internazionale: +15,22% gli arrivi e +8,46% le presenze, mentre il turismo domestico è cresciuto solo per gli arrivi.

In calo invece la permanenza media sia per gli italiani sia per gli stranieri.

 

I flussi nei comprensori della Marca nel 2012

3 comprensori registrano una significativa crescita sia degli arrivi sia delle presenze, confermando un andamento positivo: Asolano, Treviso Nord e Treviso Sud. Rispetto al 2011 rallentano invece il Coneglianese, il Montebellunese e l’Opitergino Mottense: si tratta di stabilizzazioni dopo gli expolit degli anni scorsi.

Il movimento degli stranieri nella Marca nel 2012

Le prime 10 nazionalità, da sole, rappresentano ben il 61% degli arrivi della Provincia. Il mercato cinese rappresenta più del 20% degli arrivi totali con un incremento, rispetto allo scorso anno, del 41%. Considerevole anche l’aumento degli altri Paesi dell’Asia, che arrivano a raggiungere quasi il 3% degli arrivi stranieri. Si conferma l’aumento delle tradizionali Germania, Francia e Gran Bretagna; controtendenza per Austria e Spagna.

Il movimento degli stranieri nella Marca nel 2012

Le prime 9 nazionalità, da sole, rappresentano ben il 58% delle presenze straniere della Provincia. Il mercato tedesco rimane, ma per poco, primo per importanza se si ordinano le nazionalità considerando le presenze, secondo invece se si considerano gli arrivi. Rappresenta ad oggi l’11,43% del mercato straniero con un aumento 3,11% rispetto allo scorso anno in termini di presenze.

Il movimento per categoria in Provincia anno 2012

Si conferma la tendenza ad un aumento della domanda nelle categorie medio-alte:
– Il 68% degli stranieri sceglie di soggiornare in alberghi a 4 stelle, il 17% si rivolge agli alberghi a 3 stelle
– Anche gli italiani si rivolgono in prevalenza ad alberghi di categoria medio-alta.
Il 34% degli italiani, contro il 21% degli stranieri, si rivolge alle strutture ricettive extra alberghiere.

La spesa dei turisti internazionali in Provincia di Treviso nel 2012

Nel periodo gennaio-novembre 2012 la spesa dei turisti internazionali in Provincia di Treviso si è attestata a poco più di 160 milioni di euro, in leggera flessione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno per la crisi. La spesa media giornaliera pro-capite è di quasi 90,00 €, sostanzialmente in linea con quella regionale e superiore a quella riferita al primo semestre dell’anno.

Fonte dei dati: elaborazione dati Provincia di Treviso 2011-2012

Clicca qui per scaricare il pdf coni dati ufficiali della Provincia di Treviso

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______