Tiramisù World Cup nelle terre del Prosecco – dall’1 al 4 novembre 2018

TIRAMISU WORLD CUP 2018

NELLE TERRE DEL PROSECCO

Dall’1 al 3 novembre le selezioni, il 4 novembre la finale a Treviso

Nell’edizione di quest’anno il filo conduttore è il Prosecco
e il suo territorio fra Conegliano, Pieve di Soligo e Valdobbiadene.

Parte dalle Terre del Prosecco la Coppa del Mondo di Tiramisu’

La finale si svolgeràno il 4 novembre a Treviso,
la città che negli anni ’70 ha visto nascere uno dei dolci più famosi

 

Arriva a Treviso l’edizione 2018 della “Tiramisù World Cup”, la più grande sfida del famoso dolce fatto in casa che premia chi fa “davvero il tiramisù più buono del mondo”. Quest’anno il filo conduttore della rassegna sarà il Prosecco e il suo territorio: le tappe della selezione saranno infatti i comuni di Conegliano, Pieve di Soligo e Valdobbiadene dall’1 al 3 novembre. Semifinali e finalissima domenica 4 novembre a Treviso.

Sono aperte dunque le iscrizioni alla “Tiramisù World Cup 2018”: l’edizione di quest’anno è ricca di novità, a cominciare dalle location. Le selezioni dei 600 partecipanti – che potranno prenotare il proprio posto alla competizione collegandosi al sito www.tiramisuworldcup.com – si svolgeranno nelle terre del Prosecco: Conegliano (1 novembre presso Chiostro ex convento di San Francesco), Pieve di Soligo (2 novembre, a Villa Brandolini di Solighetto) e Valdobbiadene (3 novembre, Villa dei Cedri).

Correvano gli anni Settanta quando dal Ristorante “Le Beccherie” di Treviso, la signora Campeol diede vita al Tiramisù, divenuto il dolce più famoso, amato e imitato al mondo e quindi proprio a Treviso si svolgerà la finale dell’edizione 2018 della Tiramisù World Cup. La competizione amatoriale decreterà il miglior “pasticcere” sie per la migliore “ricetta originale” sia per la migliore “ricetta creativa”.

In foto : il tiramisù vincitore dell’edizione TWC 2017

TWC 2018 – Le novità

Selezioni in 3 giorni di gara nelle terre del Prosecco:

Giovedì 1 novembre: Conegliano, Chiostro dell’ex-Convento San Francesco;

Venerdì 2 novembre: Pieve di Soligo, Villa Brandolini a Solighetto;

Sabato 3 novembre: Valdobbiadene, Villa dei Cedri;

Semifinali (mattina) e finale (pomeriggio):

Domenica 4 novembre: Treviso, Camera di Commercio di Piazza Borsa.

Giuria: 180 giurati (utenti registrati) dal pubblico nelle selezioni (supportati da un Grand Jury FIPE), 30 giurati “esperti” nelle semifinali, 9 giurati “esperti” nella finale.

Campione: ci sarà un “Campione del Mondo” per ciascuna categoria, uno per la “ricetta originale” e uno per la “ricetta creativa”.

 

ALCUNE REGOLE

  • l’iscrizione è riservata a maggiorenni non-professionisti;
  • è possibile iscriversi alla categoria “ricetta originale” e/o “ricetta creativa”;
  • i partecipanti riceveranno un kit con i prodotti della ricetta base;
  • è possibile scegliere: la data, la location collegata, l’orario di gara e anche uno dei tavoli brandizzati dove poter preparare il proprio tiramisù;
  • il tiramisù non deve contenere alcol;

Partner dell’iniziativa

Hausbrandt Trieste 1892 S.p.A.
Via Foscarini, 52 – 31040 Nervesa della Battaglia (TV)
Tel.0422 8891 – info@hausbrandt.comwww.hausbrandt.com

________


BEST WESTERN PREMIER BHR Treviso Hotel
Via Postumia Castellana, 2 – 31055 Quinto di Treviso (TV)
Tel.  +39 0422 3730  • www.bhrtrevisohotel.itinfo@bassohotels.it

 

__________

Il Tiramisù nasce nel 1962 Alle Beccherie, ristorante di Treviso.


L’atto di nascita e’ stato sancito legalmente
dalla delegazione dell’Accademia Italiana della Cucina
.

Il tiramisù è uno dei dolci italiani più famosi, in Italia e nel mondo. Fa parte della categoria di dolci a strati, come la zuppa inglese: l’originalità della ricetta del tiramisù è negli ingredienti, dove troviamo zabaione, caffè, mascarpone, biscotti secchi (savoiardi). Il tiramisù è nato a Treviso, a dispetto delle varie versioni che sono nate nel tempo.

L’antenato del tiramisù è descritto nel libro “Il ghiottone veneto” del gastronomo Giuseppe Maffioli, dove si parla della tradizione di consumare lo zabaione insieme alla panna montata e a dei biscotti secchi detti baicoli.
Ne “I dolci del Veneto”, pubblicato nel 1983 da Giovanni Capnist, troviamo una ricetta del tiramisù, anche se non viene chiamato con questo nome, mentre solo nel 1988, nel testo “La Marca Gastronomica”, troviamo finalmente il tiramisù, descritto come un dolce preparato nel ristorante Le Beccherie, a Treviso.

Bepo Zoppelli, accademico della Cucina Italiana e delegato trevigiano, non ha dubbi: «Il tiramisù è trevigiano, sono stati i Campeol delle Beccherie a crearlo, moltissimi anni fa. – spiega – E’ vero che forse le radici affondano nel lontano Medioevo, su ispirazione di una zuppa inglese, e che quel dolce girò diverse zone d’Italia. Ma sulla trevigianità non ci sono dubbi. Che poi girino altre ipotesi sulla sua nascita è vero, ma la paternità delle Beccherie è storia, consacrata dai maestri della cultura veneta».

 


Le regole per realizzare l’autentico Tiramisù.

La ricetta per preparare l’originale Tiramisu’

La forma del Tiramesù legittimo alle Beccherie è circolare.

Ingredienti per 12/15 persone:

12 tuorli d’uova
½ kg di zucchero
1 kg di mascarpone
60 savoiardi
caffè quanto basta
cacao in polvere

Preparazione :
Preparare il caffè e lasciarlo raffreddare in una ciotola;
Montare a spuma 12 tuorli d’uova con ½ kg di zucchero ed incorporarvi 1 kg di mascarpone ottenendo così una crema morbida;
Bagnare 30 savoiardi con caffè facendo attenzione a non inzupparli troppo e disporli in fila al centro di un piatto circolare;
Spalmare sui savoiardi metà della crema e poi sovrapporre un altro strato di 30 savoiardi bagnati con il caffè’, spalmare poi la superficie con la rimanente crema di mascarpone;
Cospargere il mascarpone con del cacao magro setacciato;
Passare in frigo sino al momento di servire._

video e ricetta concessi dal sito http://www.tiramesu.it

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______