I° simposio culturale sul mondo del Bio: vino biologico e benessere all’azienda agricola Le Carline

I° simposio culturale sul mondo del Bio: vino biologico e benessere all’azienda agricola Le Carline

Vino Bio, luci ed “ombre” di un prodotto diventato cultura

Daniele Piccinin, titolare dell’azienda agricola Le Carline, si occupa di viticoltura biologica sin dall’inizio della sua avventura nel mondo del vino che risale a 25 anni fa. Ora ha pensato che sia il momento di condividere la sua esperienza con quanti hanno il desiderio di saperne di più su un mondo tanto affascinante quanto ancora sconosciuto. Convinto che occorra fare chiarezza. Ecco perché ha deciso di promuovere una serie di simposi culturali sul mondo del Bio.

Il “I° simposio culturale sul mondo del Bio: vino biologico e benessere” si è tenuto presso l’azienda Le Carline il 23 gennaio scorso e ha riunito attorno al tavolo del dibattito esperti del settore che si sono confrontati sul tema con giornalisti e blogger.

L’intento di questo incontro era quello di cercare di fare chiarezza su un tema tanto attuale quanto ancora confuso, soprattutto per fornire al consumatore i giusti strumenti di valutazione e confronto.

«Noi produttori di vino biologico – ha affermato Daniele Piccininnon abbiamo la pretesa di dire che il nostro vino è migliore degli altri, ma chiediamo con forza che ci sia correttezza da parte di tutti, e che arrivi un’informazione più esaustiva su cosa contengono e su come vengono prodotti i vini naturali, biodinamici e biologici».

Dal simposio è emerso che, innanzitutto, occorre fare chiarezza sulla terminologia utilizzata: vino convenzionale, vino naturale, vino biologico e vino biodinamico. Inoltre sia i vignaioli che i consumatori hanno l’urgente necessità di disporre di regole chiare che permettano ai primi di fregiarsi del marchio del biologico secondo canoni precisi e uguali per tutti. E ai secondi di essere in grado di comprendere appieno ciò che stanno acquistando. Medici e professori hanno infatti spiegato ed evidenziato la forte relazione, scientificamente provata, che sussiste tra la scelta di un’alimentazione sana e biologica e il benessere che ne deriva per l’organismo.

«Il mondo del vino è entrato a pieno titolo tra gli argomenti principali delle nostre discussioni – afferma PiccininSiamo passati da un vino-alimento a un vino-cultura. Il risultato è stato un notevole innalzamento del livello qualitativo del vino italiano e un conseguente aumento del livello culturale del consumatore. Oggi ci troviamo di fronte ad un nuovo Risorgimento del vino, un momento di transizione notevole dove si mettono in moto dinamiche commerciali internazionali che finora non erano state considerate. I passi importanti sono già stati fatti, ora però è il momento della consapevolezza e della presa di coscienza del vero significato del prodotto vino. In questo mare magnum regna sovrana la confusione e gli attori di questo mondo si trovano nella necessità di improvvisare rincorrendo un mercato che cambia spesso direzione. Occorre fare chiarezz e noi de Le Carline stiamo già organizzando il II Simposio».

Al “I simposio culturale sul mondo del Bio” hanno portato il loro contributo la dott.ssa Cristina Micheloni, agronomo, vicepresidente AIAB e coordinatrice scientifica del Progetto Orwine, che ha affrontato la questione normativa ed in particolare come siamo arrivati, dopo 20 anni di lunghe discussioni, al nuovo Reg. CE 203/2012.

L’enologo Orazio Franchi, il quale ha spiegato le novità che il regolamento ha portato in cantina.

Il dott. Massimiliano Degenhardt, laurea in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Padova nel 1979, si è poi formato in agopuntura, elettro-agopuntura, manipolazioni vertebrali e omeopatia, il quale ha contribuito a far comprendere l’importanza che gli alimenti biologici hanno per l’equilibrio e il benessere psicofisico.

Il dott. Paolo Chinellato, sommelier delegato AIS Venezia e biologo, che ha illustrato le diverse esperienze sensoriali dei vini convenzionali e biologici, accompagnando i presenti in un percorso guidato di degustazione di due anteprime dei vini senza solfiti aggiunti firmati Le Carline dell’ultima annata.

Ed infine la dott.ssa Marcella Tresca e Alessandro Strada, produttori di prodotti Bio, dell’azienda agrituristica Cà di Rico di Dovadola (FC), partner di questo evento, che hanno deliziato i presenti con un ottimo buffet sapientemente preparato dal loro staff di cucina.

L’azienda agricola Le Carline sarà lieta di inviare la cartella stampa dell’evento a chi desideri approfondire gli argomenti.

***    ***    ***    ***    ***

AZIENDA AGRICOLA LE CARLINE di Piccinin Daniele
Via Carline 24, Pramaggiore (VE)

L’Azienda Agricola Le Carline di Piccinin Daniele si trova nel cuore del comprensorio Enologico a Denominazione di Origine Controllata Lison-Pramaggiore, dove si incontrano le province di  Venezia, Treviso e Pordenone. E’ in questo territorio che nascono i nostri vini biologici, genuini e di ottima qualità, che produciamo dal 1988 utilizzando esclusivamente uve prodotte seguendo le norme previste dal Reg. CE 834/07, nel rispetto della natura e dell’ambiente che ci circonda.
I nostri vini sono inoltre in linea con i requisiti imposti dal Reg. UE 203/2012 per il vino biologico.
Nelle coltivazioni biologiche sono banditi tutti gli anticrittogamici e gli insetticidi di sintesi, in modo che la conduzione della viticoltura è  totalmente naturale.
Coltivare biologico significa non sfruttare le piante e il terreno, rinunciare a produzioni abbondanti, ma soprattutto ottenere uve di qualità pregiata, ricche di tenore zuccherino  e di aromi intensi.
Queste uve sono rigorosamente controllate e certificate da ICEA (Istituto Certificazione Etica Ambientale) e vengono vinificate in azienda secondo la più antica tradizione enologica, avvalendosi però di attrezzature all’avanguardia che permettono di ottenere un prodotto finale genuino e di qualità eccellente.
Scegliere di coltivare in modo biologico ci ha portato ad ottenere ottimi risultati ed è per questo che abbiamo voluto intraprendere la strada della produzione di vini senza l’aggiunta di solfiti, né di altri coadiuvanti enologici. Sono nati, così il Refosco dal Peduncolo Rosso DOC Lison-Pramaggiore, il Cabernet  DOC Lison-Pramaggiore ed il Bianco DOC Lison-Pramaggiore.
Quest’anno presentiamo ai nostri clienti il Lison DOCG Classico, prima DOCG dell’area enologica
Lison –Pramaggiore.

Gli innumerevoli sforzi per proporre sempre sul mercato un prodotto apprezzato sono ripagati dai premi ottenuti nel tempo dai nostri vini. Ultima, in ordine di tempo, è stata la doppia vittoria alla rassegna dedicata ai dei vini biologici “Biodivino 2011”, in cui il nostro Carline Rosso 2007 IGT Veneto Orientale e il Dogale Passito IGT Veneto Orientale hanno vinto la medaglia d’Argento.
Le Carline è presente in numerose ed autorevoli guide di settore, tra cui: Vini d’Italia di Gambero Rosso, i Vini di Veronelli e l’Annuario dei migliori vini di Luca Maroni.

 

Per maggiori info:

AZIENDA AGRICOLA LE CARLINE di Piccinin Daniele
Via Carline 24, Pramaggiore (VE)

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

_______


Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.

_______


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______