Santuario Madonna del Covolo a Crespano del Grappa

CRESPANO DEL GRAPPA (TV)

Santuario Madonna del Covolo
Indirizzo: Via Madonna del Covolo 148

Il Santuario della Madonna di Crespano, immerso nel verde, con le sue linee palladiane.

Il Santuario si trova a 600 metri, sulle pendici del Monte Grappa. Verso la metà del XII secolo, la Madonna è apparsa ad una pastorella sordomuta di Crespano che, sola al pascolo con le pecore, durante un temporale si era rifugiata in una grotta (da qui il nome Covolo), dove stava pregando. La Vergine le parlò e le disse di andare a Crespano per dire a tutti che in quel posto desiderava una cappella. La ragazza, che aveva sentito per la prima volta nella sua vita, acquistò la voce e l’udito per fare quanto le era stato ordinato. La prima cappella risale al 1300 e venne ampliata nel 1541 e nel 1605.

Statua della Madonna del Covolo,
opera di un autore ignoto del XVII secolo

L’attuale costruzione è opera dell’architetto Antonio Canova di Possagno che realizzò il nuovo Santuario del Covolo dal 1804 al 1809, conservando l’antica chiesetta incastonata a nord nella roccia e costruendo a mezzogiorno un’elegante rotonda con atrio sostenuto da otto colonne di stile ionico.

Nel 1844 venne costruita l’attuale strada grazie al contributo di numerosi gruppi di volontari provenienti da decine di paesi fra il Brenta e il Piave. Il Venerdì Santo dell’anno successivo un masso si staccò dal Monte cadendo sul Santuario, distruggendo sacrestia e presbiterio.

La statua della Madonna venne recuperata in fondo alla valle intatta.
Nella Valle detta della Madonna, poco a sud del Santuario, si trova la sorgente dei Tre Busi: quest’acqua, da sempre oggetto di grande devozione, scaturì per facilitare i lavori di costruzione della prima cappella.
Lungo i tre chilometri che da Crespano salgono verso il Covolo sono stati costruiti nel 1943 i quindici capitelli dei Misteri del Rosario.

Sul frontone triangolare della facciata è collocato un affresco raffigurante l’apparizione della Vergine alla pastorella. L’ingresso ha un portale di noce, opera del crespanese Fermo Scudo. All’interno, nella cupola della rotonda, troviamo il dipinto della Gloria di Angeli del sacerdote Delmetrio Alpago.

Troviamo decorazioni di angeli che rappresentano i Misteri del Rosario. Nel coro, dopo le quattro colonne, è possibile ammirare, in alto, l’affresco dell’Alpago che rappresenta il tempio completo visto dalla valle, con la Vergine che benedice Crespano e la Natività della Vergine, considerato il suo capolavoro. Inoltre sono illustrati dei simboli che rappresentano i quattro ordini religiosi mariani: i Domenicani, i Serviti, i Carmelitani, i Trinitari.

Le decorazioni sono quasi tutte del primo decennio del XX secolo. Sull’altare maggiore è collocata la statua della Vergine rimasta prodigiosamente intatta dopo il crollo delle mura del 1845. L’8 settembre 1923 venne solennemente incoronata.

Calendario: Vengono celebrati con solennità il 25 marzo, l’Annunciazione; il Lunedi di Pasqua; l’ultimo giorno di maggio, festa delle rose; il 15 agosto, l’Assunzione; l’8 settembre, la natività di Maria Vergine, nonché festa patronale; il 21 novembre, Madonna della Salute e l’8 dicembre, l’Immacolata.

Note:
Diocesi di Padova Tel. 0423/53.206
Accanto al Santuario c’è la Casa di Spiritualità Santa Maria del Covolo, gestita dalle Serve di Maria Addolorata di Chioggia (tel. 0423.53.044).

articolo di Cristina Siccardi per il sito www.donbosco-torino.it

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______