Rassegna di Musica da Camera “Giovani Talenti – professionisti under 30” – 27 ottobre 2017 a Soligo

articolo collegato:
Festival “Giovani talenti. Professionisti under 30” 2018

___________

Rassegna di Musica da Camera
“Giovani Talenti – professionisti under 30”

terza edizione dedicata al cav. Pietro Furlan
per la direzione artistica di Vesna Maria Brocca

Venerdì 27 ottobre 2017, ore 20:45
SOLIGO (frazione di Farra di Soligo)
Chiesa parrocchiale SS. Pietro e Paolo

Contrarco Baroque Ensemble
La scuola veneta dell’arco
Claudio Rado, violino
Mauro Spinazzè, violino
Simone Siviero, viola
Giulio Padoin, violoncello
Luigi Baccega, contrabbasso
Alberto Busettini, clavicembalo

Il primo sostenitore di questa rassegna di musica da camera è stato il cav. Pietro Furlan, seduto in prima fila durante i concerti ed anche il primo a complimentarsi al termine con i giovani interpreti. Uomo di profonda sensibilità e sincerità, umana e artistica, che noi dell’Associazione Concertistica Camellia Rubra portiamo nel cuore e per questo motivo abbiamo deciso di dedicare a lui, a pochi mesi dalla sua scomparsa, i concerti dei “Giovani Talenti – professionisti under 30”. Da ogni parte del mondo dove risiedono e si esibiscono regolarmente, torneranno “a casa” musicisti nati e cresciuti in Veneto, molti proprio nell’Alta Marca Trevigiana, per rendere omaggio in musica a colui che, con il suo esempio, ci ha insegnato a crederci, sempre.

«La rassegna si inserisce in un progetto di più ampio respiro con l’obiettivo prioritario di diffondere la promozione della cultura e dell’educazione musicale – spiega il presidente e direttore artistico Vesna Maria Broccadando spazio ai giovani concertisti provenienti da ogni dove ma accomunati dalla bravura e dalla giovane età. Posso affermare con certezza – conclude la musicologa – che l’Alta Marca Trevigiana, grazie a questa rassegna, sta diventando un nuovo polo internazionale di riferimento e di promozione della musica classica per “Giovani Talenti – professionisti under 30” di alto livello».


«Tutti noi membri di “Contrarco Baroque Ensemble” veniamo dalla stessa regione, il Veneto. Abbiamo studiato tutti presso il medesimo Conservatorio, l’”A. Steffani” di Castelfranco Veneto, un città piccola ma molto attiva, a 40 chilometri da Venezia. Per anni abbiamo vissuto le stesse esperienze e la stessa educazione musicale. È per questo motivo probabilmente che quando cominciammo la nostra prima prova con Contrarco, ci rendemmo subito conto che il gruppo aveva già un suono personale, e nella interpretazione dei pezzi già condividevamo moltissime idee. Lo stile del gruppo risulta subito distinguibile, poiché riconducibile ad una scuola esecutiva, ad un “solco nel terreno” mai richiusosi. Bisogna sapere infatti che già nel XVII secolo lo stile esecutivo in voga presso la Repubblica Serenissima era noto in tutta la penisola. Per citare un esempio, in un trattatello anonimo apparso a Venezia nella metà del ‘600 sulla pratica musicale viene scritto: “Vi è differenza evidente tra scuole d’una stessa contrada. Chi non discerne la gaiezza elegante dello stil veneziano dalla erudita gravità nello stil bolognese?”. Questa distintiva sensibilità è viva ancora ai nostri giorni e può essere facilmente assimilabile a quello che oggi viene chiamato “suono alla veneta”, di cui Contrarco Baroque Ensemble vuole essere naturale prosecutore: la ricerca della fluidità e del virtuosismo dell’arco sono accompagnati dal gusto per un suono mai troppo carico o spigoloso, capace di catturare l’ascoltatore per la sua rotondità. Contrarco Baroque Ensemble è specializzato principalmente sulla musica strumentale Sei/Settecentesca della terra natìa, diramandosi poi lungo tutta la penisola fin oltre le Alpi. Sono state altamente formative le nostre collaborazioni come singoli con alcuni dei gruppi più importanti specializzati nella musica antica, come: i Sonatori de la Gioiosa Marca, Venice Baroque Orchestra, European Union Baroque Orchestra, Orchestra Barocca de la Fenice, Academie für Alte Musik Brüneck, La Cetra Barockorchester Basel, LaBarocca di Milano etc. Contrarco Baroque Ensemble, nonostante la sua recente fondazione, ha già una intensa attività concertistica in Italia e all’estero».

LA SCUOLA VENETA DELL’ARCO
L’epoca barocca segna l’apogeo artistico dell’area veneta. Con l’inizio del ‘500 e l’avvento delle nuove rotte atlantiche, Venezia vede il proprio predominio commerciale incrinarsi sempre di più; eppure ha la forza di rimanere uno dei centri culturali più influenti per quasi tre secoli, capace di richiamare artisti da tutto il continente. La città lagunare pullula dei migliori strumentisti e compositori, che concorrono a formare uno stile musicale inconfondibile. La particolare atmosfera politico-culturale, la morfologia del territorio, la presenza di una città sorta su un elemento caratteristico come l’acqua non possono che influenzare profondamente il modo d’essere, di comporre e di suonare di chi abita in questa regione. Già all’epoca lo stile esecutivo nella Repubblica Serenissima era noto in tutta la penisola. In un trattatello anonimo apparso nella metà del ‘600 sulla pratica musicale viene scritto: “Ogniuno conosce oramai le differenze delle maggiori Scuole di Violino italiche: i Veneziani mirano alla velocità de l’arco e alla beltà del suono, i Bolognesi desìano l’arco lento e greve, i Romani seguono il rigore e la compostezza ecclesiastica” oppure ancora “Vi è differenza evidente tra scuole d’una stessa contrada. Chi non discerne la gaiezza elegante dello stil veneziano dalla erudita gravità nello stil bolognese?”. È interessante notare come parte di quello stile sia rimasto immutato fino ai giorni nostri. L’uso dell’arco “alla veneta” mostra ancora i segni di quella ricerca di “fluidità” mischiata a brillantezza dell’epoca barocca. La ricerca del virtuosismo dell’arco è sempre accompagnata dal gusto per un suono mai troppo carico o spigoloso, capace di catturare l’ascoltatore per la sua rotondità.

Per informazioni:
Associazione Concertistica Camellia Rubra
per appassionati di musica, arte e cultura!
Cell.: (+39) 380 86 90 410
E-mail: info@associazione-camelliarubra.org
www.associazione-camelliarubra.org
facebook.com/associazione.camelliarubra

 

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______