Oasi Fontane Bianche a Fontigo

L’Oasi Fontane Bianche è situata a Fontigo vicino Farra di Soligo ed è un’area naturalistica compresa tra il terrazzo fluviale e l’alveo del fiume Piave in una zona dove le acque di falda della piana del Quartier del Piave emergono in superficie sgorgando per tutto l’anno. Alla rotonda di Falzè di Piave si imbocca la strada verso Fontigo/Vidor e dopo circa 800 mt sulla sinistra si prende la stradina di campagna (tabella segnaletica) che ci conduce in questo luogo. Ci sono due parcheggi: il primo vicino al mulino vecchio e l’altro proprio all’entrata dell’oasi per un totale di circa 20 posti auto. Il percorso circolare della durata di 1 ora e mezza è esclusivamente pedonale e attraversa il bosco golenale tra risorgive e specchi d’acqua che creano degli scorci veramente incantevoli.

Le stagioni più indicate per visitare questo luogo sono l’autunno per osservare gli uccelli migratori (martin pescatore, germano reale, airone cenerino) e la primavera per la fioritura della flora locale (orchidee, olivello spinoso, salice bianco)… ma credo anche che d’estate qui si possa trovare riparo dalla calura. Oltrepassato su passerella il guado Barnes, si entra nell’oasi e ci si dirige verso destra entrando nel bosco golenale, il tragitto è sempre ben segnalato e non presenta alcuna difficoltà. Punto si osservazione. In breve tempo si arriva al punto di osservazione degli aironi cenerini e poco dopo alla torre di osservazione degli uccelli migratori che al suo interno contiene un pannello illustrativo sulle specie più rappresentative del posto.

Scesi dalla torre si prosegue lungo il tragitto sempre accompagnati dal fragore delle acque; se ogni tanto vi fermate a scrutare al loro “interno” potete anche intravedere qualche trota e uno strano insetto, del quale non ricordo il nome, che si muove nelle acque creando delle strane figure. Poco prima di completare l’itinerario si passa davanti a un capanno, dove è possibile fare una sosta, e a una sorta di penisola attrezzata con panchine e tavoli dove al tramonto il sole crea strani giochi di luce e dove vi invito a soffermarVi a guardare lo scorrere delle acque per notarne la purezza; in certi punti sembra che sul greto del fiume siano stati posati apposta dei sassi per creare un effetto pavimento.

Testi e foto tratti dal sito www.timetotravel.it

______________

Passeggiata alle Fontane Bianche da Sernaglia della Battaglia

Difficoltà: bassa
Tempo di percorrenza: 1 ora e 30 circa
Abbigliamento: comodo, consigliate scarpe sportive
Periodo: tutto l’anno

Partenza da piazza Martiri della Libertà a Sernaglia della Battaglia. Si prende per viale della Rimembranza e via Gravette fino all’incrocio con la circonvallazione. Subito a destra per 300 m. circa, in direzione Fontigo e quindi si prende la strada vicinale della Valle in corrispondenza del cartello stradale “Fontane Bianche e Parco Naturalistico”.

Lungo la “strada de la Valle” a sinistra si trova il “vecio mulin de Oria” e subito dopo si arriva al Piave e più precisamente al suo primo ramo denominato appunto “Fontane Bianche”: il nome, che prende spunto dalla limpidezza delle acque, identifica un’affascinante area golenale, allo sbocco dei torrenti Rabòs e Rospér nell’alveo della Piave, tra i paesi di Fontigo e Falzè di Piave.

La zona è quasi tutta ricoperta da una densa vegetazione, e percorsa da una fitta ragnatela di corsi d’acqua, alimentati dalle numerose sorgenti che qui affiorano.

Attraversati i tre ponticelli in legno, subito a destra si trova l’indicazione “percorso ecologico”; si costeggia sempre il ramo Fontane Bianche finché si arriva alla strada di via Casona (m 90).

Si risale la strada suddetta fino a raggiungere la chiesetta di Santa Libera e quindi attraversata la circonvallazione di Fontigo si ritorna al punto di partenza.

 

Descrizione passeggiata e mappa tratta dalla rivista ‘Festa – anno 2011′

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

_______


Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.

_______


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______