Oasi Estate 2013 all’Oasi Cervara a Quinto di Treviso

articolo collegato:
Oasi Notte 2015
Appuntamenti d’estate all’Oasi Cervara

___________

Ispirati dall’arrivo dei rapaci notturni che conquistano ogni fine settimana adulti e bambini quest’anno Oasi Cervara presenta una programmazione lunghissima – inserita nella programmazione Reteventi della Provincia di Treviso.

OASI NOTTE trae ispirazione dal tema della notte, la dimensione dei gufi, dei barbagianni, delle civette e degli assioli. Si mescolano racconti, concerti e osservazione del cielo, percorsi in barca e il ballo della notte, il tango.

Nelle FIABE IN MOVIMENTO tutto nasce dal racconto della fiaba, luogo magico di fantasia dove si incontrano personaggi, animali, oggetti animati. Si evocano toni di allegria, di avventura e di…. paura. Dalla narrazione il bambino è catturato e cosi nasce il percorso animato: espressione, gioco, movimento.

ESPOSIZIONI TEMPORANEE AL CENTRO VISITATORI  Per tutta l’estate le sale del Centro visitatori ospitano esposizioni temporanee pensate per incontrare l’arte nella natura.

articolo collegato: Alla scoperta dei gufi nell’Oasi di Cervara a Quinto di Treviso

__________

Oasi notte

La notte racconta. Immagini soffuse, trame sottili, musica e ascolti. I temi universali della natura, dell’amore, dello scorrere del tempo, trovano leggerezza nei racconti della notte.  Ma sarà la natura a dettare le regole dell’ascolto notturno. Posti disponibili limitati, consigliamo la prenotazione.


Sabato 29  giugno ore 21.00

VOCI NEL BUIO
con Stefania Falcone guida naturalistica, Sarah Musco violoncello e Antonella Della Giustina narratrice
La notte è misteriosa e  per noi umani, può essere inquietante. Questo nostro particolare stato d’animo si proietta inevitabilmente sugli animali che durante la notte cacciano, difendono il territorio da eventuali intrusi, corteggiano il partner. Tra questi, un posto speciale spetta ai rapaci notturni dal volo silenzioso e dai grandi occhi.
Ingresso € 5,00


Sabato 7  luglio ore 21.00

GROPPI D’AMORE NELLA SCURAGLIA
con Silvio Barbiero di Tiziano Scarpa

La saga comica e poetica di Scatorchio, che per fare dispetto al suo rivale in amore aiuta il sindaco a trasformare il paese in una discarica di rifiuti. “Scatorchio è una specie di parente scuro, mi scorre nel sangue come un’eredità intima ed estranea. Lo amo profondamente, anche perché mi mette a disagio.” T. Scarpa.
Ingresso € 7,00

Sabato 13  luglio ore 21.00

EROI
con Andrea Pennacchi Regia di Mirko Artuso

Questo non è un tentativo di raccontare tutta l’Iliade ma un episodio solo, che vale per tutti: la storia di Ettore e dei fatti che lo portarono davanti ad Achille, inclusa la storia di Patroclo e della lite che causò la famosa ira funesta, con un prologo, un epilogo e un intermezzo erotico-sentimentale. In quattro giorni.
Ingresso € 7,00

Sabato 20  luglio ore 21.00

CANTO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
Con Valeria Bruniera e Filippo Tantino, e con Rossana Mantese e Samantha Silvestri

Arrivati alla metà dell’estate è canto lo stormire dei salici, il suono dell’acqua che scorre attraverso le pale del Mulino, il verso dell’assiolo… Una passeggiata, qualche sosta, la voce e il contrabbasso, i racconti e la magia dei sentieri dell’Oasi.
Ingresso € 7,00

Sabato 27  luglio ore 21.00

SEMI DI FUTURO – Terza lezione di giardinaggio per Giardinieri Planetari
Con Lorenza Zambon – Casa degli Alfieri

Semi come piccole astronavi che viaggiano nel tempo, erbacce che ricuciono gli strappi nella rete della vita, fiori nelle metropoli del futuro, esplosione degli orti in città, verdure che colonizzano i balconi. E si diffondono gli insegnamenti di maestri giardinieri insospettabili per la  semina di nuovi paesaggi.
Ingresso € 7,00

Venerdì 26 luglio  dalle ore 19,00 alle 21.00

ALICE DELLE MERAVIGLIE
di Mirko Artuso

Lo spettatore attraversa la storia narrata e disegnata da Mirko Artuso incontrando le immagini e i personaggi che animano la celbre storia di Alice. Camminare con Alice nel suo meraviglioso mondo, ripercorrendo i momenti più coinvolgenti della storia, è un’esperienza sensoriale che coinvolge lo spettatore e lo accompagna in un breve viaggio emozionale. Udito, vista e tatto come compagni di viaggio.
Ingresso € 5,00

Sabato 3 agosto ore 21.00

BELLA DI NOTTE     Storie di fiori e profumi
Con Margherita Stevanato (voce) e Sara Girardello (arpa)

Un prato, le lucciole, le stelle, gli specchi… e i fiori notturni… che hanno un meccanismo d’attrazione diverso da quello estetico, che è valido solo di giorno quando le tinte e le forme sono apprezzabili alla vista… I fiori notturni usano il loro profumo per richiamare attorno a sé…
Ingresso € 5,00

Sabato 10 agosto ore 21.00

LA NOTTE DI SAN LORENZO
ovvero Storie e Stelle in una notte d’estate
con Elena Lazzaretto

Lacrime di San Lorenzo, Perseidi , pioggia di meteore o anche “stelle cadenti”: cosa sono e perché hanno tutti questi nomi? Ecco storie, vicine e lontane: leggende antiche o credenze dei nonni, curiosità scientifiche o fantascientifiche. Il cielo è uno spettacolo tutto da scoprire: stella dopo stella, storia dopo storia.
Ingresso € 5,00

Giovedì 15  agosto ore 20.00 FESTA DI FERRAGOSTO

QUARTO DI LUNA CON TANGO
Con Cecilia Diaz e Oscar Gauna Andrea Campagnaro Marta Casari Gianni Bruni

Una cena sotto il quarto di luna della sera di Ferragosto. Mentre i tavoli si preparano il racconto del tango e i ballerini creano un’atmosfera di emozione. Il calore e la passione della coppia scaldano la serata.
Ingresso € 15,00

Aperitivo: Sguardi di tango davanti al Mulino, vino e empanadas
Primo piatto: Milonga nell’isola delle Cicogne, tortillas
Dolce: Passione di tango e Alfajores.

 

Fiabe in Movimento

Le  FIABE IN MOVIMENTO con IL TRABICCOLO DEI SOGNI  nei pomeriggi estivi, sono fiabe che camminano.
Tutto nasce dal racconto della fiaba, luogo magico di fantasia dove si incontrano personaggi, animali, oggetti animati. Si evocano toni di allegria, di avventura e di…. paura. Dalla narrazione il bambino è catturato e cosi nasce il percorso animato: espressione, gioco, movimento. Le fiabe iniziano sempre nel Casone di Palude ma si srotolano lungo la strada, percorrendo i sentieri conosciuti dell’Oasi e quelli inconsueti della fantasia.

Domenica 7 luglio ore 17.00   I SASSI DI POLLICINO

Davvero astuto Pollicino! Se vogliamo saperne di più dobbiamo seguire le sue tracce e vedere dove ci portano! Nell’antro dell’Orco? Speriamo di no! Magari in un posto speciale dove si ascolterà la vera storia di Pollicino.

Domenica 14 ore 17.00   TUTTI LA CHIAMAVANO CAPPUCCETTO  Perfino la sua mamma la chiamava così e sapete perchè? Dovrete venire a scoprirlo e diventare anche voi Cappuccetti Rossi, partire dalla casetta della mamma e arrivare a quella della nonna…. ma attenzione al lupo! Una storia raccontata e giocata

Domenica 21 luglio ore 17.00  CENERENTOLA IN  SCARPE DA GINNASTICA  
La povera Cenerentola non trova più la sua scarpetta: le tocca andar in giro con le scarpe da ginnastica!! Dobbiamo aiutarla cercando in lungo e in largo la scarpetta… Cenerentola ha perfino preparato una mappa, accorrete, la storia deve finire come tutti sanno!

Domenica 28 luglio ore 17.00  LA BELLA ADDORMENTATA  

Che fatica arrivare al castello della bella addormentata! Per questa impresa ci vuole un principe valoroso oppure bambini coraggiosi! Se sei tra questi, aiutaci a liberarla dall’incantesimo!

(La partecipazione alle Fiabe in movimento è compresa nel biglietto di ingresso
all’Oasi Cervara, è necessario chiedere la partecipazione al momento dell’accesso al parco)

_________

ESPOSIZIONI TEMPORANEE

ESPOSIZIONI TEMPORANEE AL CENTRO VISITATORI

 

Dal 7 al   28  Luglio 2013

Francesca Cavallaro    FIABE IN MOVIMENTO Illustrazioni per l’infanzia

Con questo percorso Francesca Cavallaro conduce per mano anche i più grandi a guardare le fiabe classiche con gli occhi di un bambino scanzonato e allegro. Il suo osservare il mondo dei bambini con sguardo curioso e passionale si traduce in un inconfondibile stile colorato, buffo e sorridente.

Inaugurazione Domenica 7 luglio ore 18.00

Dal 4 agosto all’8  settembre

Igino Marangon ARCHITETTURE VENETE  lithografie

«La finalità» spiega l’autore «è quella di fissare nel tempo architetture che rischiano di sparire, e non basta una semplice foto: con questi disegni conosco profondamente l’edificio, nel ricalcare un cesello scopro il lavoro artigianale che lo ha prodotto, nel seguire il profilo di un cornicione apprezzo le maestranze che lo hanno creato. Gli edifici sono come i quadri, come i libri: vanno letti».

Inaugurazione Domenica 4 Agosto   ore 18.00


Dal 14 settembre al 13 ottobre

Teresa Bonaventura e Enzo Barbon DI ACQUE E DI FIUMI  Pittura  e  Sculture lignee

La pittura  e le sculture lignee si incontrano e si fondano per raccontare colori forme emozioni… di acque e di fiumi. Nei dipinti di Enzo si percepisce il rumore dell’acqua sui ciottoli e le infinite trasparenze del fiume  mentre Teresa sottrae la pesantezza dal legno fino a farlo lievitare in forme aeree, senza gravità.

Inaugurazione Sabato 14 Settembre, ore 17.00
 

Info tratte dal sito: www.oasicervara.it

___________

Oasi Cervara, un tesoro ritrovato

L’Oasi Naturalistica del Mulino Cervara è una piccola riserva naturale (25 ettari) che tutela un ambiente palustre di eccezionale bellezza e rappresenta un punto di accesso al Parco Naturale Regionale del Fiume Sile, uno dei più importanti fiumi di risorgiva d’Europa.

L’Oasi è situata a S.ta Cristina di Quinto di Treviso ed ha la forma di un’isola compresa tra i corsi del fiume Sile e del torrente Piovega

Al suo interno sono presenti numerose polle sorgive (in dialetto trevigiano: fontanassi) attraverso cui emergono dal sottosuolo le acque che alimentano la palude e contribuiscono a dare vita al corso del Sile.

L’Oasi è un biotopo di elevato pregio naturalistico classificato come Sito di Interesse Comunitario (S.I.C.) per il rifugio della fauna selvatica e la conservazione della flora spontanea del Sile.

Gli uccelli rappresentano senz’altro gli abitanti più appariscenti dell’Oasi di Cervara, e tra essi il posto d’onore è occupato dagli aironi. L’Oasi ospita una delle più importanti garzaie del Veneto, dove sono stati censiti circa 200 nidi di Airone cenerino, Nitticora e Garzetta. A questi si aggiungono presenze occasionali, ma sempre più frequenti, di Aironi guardabuoi e Aironi bianchi maggiori.

Nell’Oasi convivono due ambienti: la palude a canneto e il bosco umido. La zona a canneto (o fragmiteto), occupa circa 1/3 dell’area protetta, ed è visitabile quasi esclusivamente con l’utilizzo di barche a fondo piatto. Vi sono poi altre associazioni vegetali legate all’acqua corrente oppure ai fontanili di risorgiva, dove si incontrano ancora ampie zone a marisceto caratterizzate dalla presenza del Falasco. I sentieri pedonali dell’Oasi permettono invece di visitare il bosco ripariale umido costituito da Ontano, Pioppo, Salice bianco, Salice cenerino e Salicone. Dove il terreno si fa più asciutto compaiono alcuni esemplari isolati di Farnia e Olmo.

Una interessante varietà di piante tipiche delle zone umide si può ammirare lungo i sentieri dell’ Orto Botanico, alcune delle quali sempre più rare come il Trifoglio fibrino e il Giunco fiorito. Nell’orto botanico si possono osservare altre associazioni vegetali come il giuncheto e il molinieto, rappresentanti rispettivamente la vegetazione delle torbiere e dei prati umidi.

Infine, i canali, lungo i quali si snodano i sentieri dell’Oasi, ospitano le piante sommerse che contribuiscono da sempre a dare al Sile l’appellativo di Fiume Verde, come il Ranuncolo d’acqua, la Callitriche e alcune specie di Potamogeto, tra le cui eleganti fronde nuotano indisturbate numerose trote fario e lucci.

Nel medioevo, il villaggio di Cervara si trovava al limitare di una vasta zona boscosa, il cui toponimo è, molto probabilmente, legato alla parola “cervo”, a testimonianza della ricchezza di vita selvatica di queste terre, a quel tempo per buona parte occupate da paludi e boschi. Infatti, secondo un catasto dei beni della Trevisana del 1486, a Costamala (un’altra località nei pressi di Quinto di Treviso) e a Cervara erano presenti due boschi di 100 campi ciascuno. Del bosco di Cervara nel XVIII secolo rimangono 24 campi “di roveri et legne dolci da frassinare” di proprietà delle monache del monastero di San Paolo in Treviso.

Del Mulino di Cervara esistono riferimenti storici che ne documentano l’attività già nel 1325. Da allora, il Mulino ha attraversato gli ultimi sette secoli trasformandosi in funzione delle esigenze del lavoro e delle tecniche dell’arte molitoria rimanendo produttivo sino agli inizi del ‘900 quando, progressivamente, venne abbandonato. Con il passare del tempo andarono distrutti gli impianti, le ruote e quanto altro costituiva l’attrezzatura interna, cosicché il mulino venne adibito a magazzino e stalla, finché il Comune di Quinto lo acquistò agli inizi degli anni ‘80 e lo restaurò assieme all’oasi nei primi anni ’90 con l’aiuto di alcuni sponsor privati.

L’oasi da allora è diventata fucina di iniziative culturali, artistiche e turistiche. A Cervara, infatti, tutto l’anno è possibile fare visite guidate per privati o scolaresche, escursioni in barca, nella sala conferenza si organizzano eventi formativi aziendali ed associativi ed infine vi si organizzano diversi eventi culturali come: “Oasi in notte”, “Teatro in villa”, “Parlando di natura” e “Le Domeniche del gusto”.

 [youtube]http://youtu.be/IEv88GSVFF4[/youtube]

Informazioni utili

Orari:
L’Oasi è aperta al pubblico tutto l’anno:
• Sabato 14:00 – 17:00 autunno/inverno
– 19:00 primavera/estate
• Domenica e Festivi 9:30 – 17:00 autunno/inverno
– 19:00 primavera/estate

Attenzione: In caso di forte maltempo, l’Oasi non viene aperta al pubblico.

Come arrivare
L’Oasi Naturalistica del Mulino Cervara si trova a S.ta Cristina di Quinto di Treviso. L’ingresso dell’Oasi è situato lungo la Strada Provinciale 17 che da Quinto di Treviso porta a Badoere di Morgano.

Regolamento di Visita
All’interno dell’Oasi i Visitatori sono invitati a:
• Accedere ai sentieri solamente a piedi, lasciando le biciclette all’ingresso
• Non uscire dai sentieri tracciati
• Non danneggiare o asportare piante, fiori e funghi
• Non recare disturbo agli animali
• Non accendere fuochi
• Non abbandonare rifiuti al di fuori degli appositi contenitori
• Non fare schiamazzi a voce, con apparecchi radio o strumenti musicali
• I cani sono ammessi solo se tenuti al guinzaglio e gli esemplari di media e grossa taglia devono fare uso di museruola

Contatti:  Oasi Cervara Srl – Via Santa Bona Vecchia, 43 – 31100 Treviso

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______