Nòte Santa di Borgo Stramare – 18 dicembre 2015

“La nòte santa” a Stramare

Passeggiata tra canti, luci,
degustazioni e frammenti di storia.

uno degli eventi più caratteristici
del Natale in Pedemontana

Dalle ore 19.15  alle ore 22.30 circa
Ingresso Libero

Natale è il momento dell’anno in cui l’antico borgo di Stramare, minuscolo e suggestivo borgo della Pedemontana oggi pressoche’ dissabitato, torna a rianimarsi di canti e musiche popolari, grazie ad una consuetudine recente, ma seguita con molta partecipazione, promossa dal Coro di Stramare.

Venerdi 18 dicembre 2015 davanti alla chiesa di Santa Lucia a Segusino prende il via alle ore 19.15 l’ormai tradizionale appuntamento natalizio, promosso dal Coro del borgo di Segusino, con il percorso tra Riva Secca e Riva Grassa.

L’iniziativa è portata avanti dal gruppo spontaneo “AmareSTRamare” che si è posto come obiettivo quello di far conoscere lo straordinario paese sulle Prealpi Trevigiane. Ed ecco allora anche quest’anno la tradizionale passeggiata in notturna che corre lungo l’asse Segusino – Riva Secca – Riva Grassa – Stramare con accompagnamento delle voci del Coro di Stramare. Il Coro, sorto nel 2008 in questi luoghi, si pone l’obiettivo di diffondere e tutelare la memoria del borgo ed il suoi canti più antichi a cominciare proprio da “La nòte santa” , un’antica lauda natalizia risalente al XVI-XVII secolo.

Il programma della passeggiata in notturna prevede alle 19.15 il ritrovo nel piazzale della chiesa Santa Lucia, alle 19.45 fermata a Riva Secca “sot al portego dei Furbi” con anticipo musicale, ospiti del gruppo spontaneo della Contrada. Alle 20.30 fermata al “cason de Giovanel” con beve esibizione e alle 21.15 circa arrivo a Stramare e concerto del Coro che proporrà le tradizionali melodie natalizie cristiane, carols inglesi e canti tradizionali della vallata segusinese, in repertorio che spazi dalla musica popolare regionale ad incursioni nel repertorio folklorico europeo, popolare e colto, oltre a quelli legati alle varie fasi dell’Unità d ’Italia, dal Risorgimento alla Grande Guerra, canti di lavoro, di lotta e, naturalmente, di tradizione alpina.
Seguirà l’immancabile momento conviviale con la degustazione dei piatti tradizionali offerto da AmareSTRamare.
Per la sicurezza e per un maggiore effetto coreografico i partecipanti sono invitati a munirsi di lanterna.

Stramare di Segusino
Via II Giugno, 17
Segusino, Treviso 31040 Italia

_________

Stramare

Stramare è un borgo del Comune di Segusino, sulle Prealpi Trevigiane, adagiato a 420 m sul fondo di una valle che sale fino sul monte Doch, a 1394 m, dal quale è possibile ammirare le Vette Feltrine a Nord e scorgere la Laguna di Venezia a Sud.  All’inizio del Novecento il paesino contava anche 140 abitanti e fino a poche decine di anni fa, pur nel  progressivo calare di residenti, continuava a vivere come una grande famiglia in una sua particolare forma di  autonomia tendente all’autarchia, con la chiesetta di San Valentino, la scuola elementare con una pluriclasse,  l’osteria, la festa patronale, le usanze e le superstizioni, la socialità nei filò di stalla, la solidarietà e la  cooperazione, la saggia divisione di compiti con accordi mai scritti ma ufficializzati nel tempo, i suoi canti  tradizionali…  Oggi, Stramare non ha più abitanti. Dopo una storia plurisecolare, iniziata con un insediamento di carbonai  forse provenienti dall’Istria all’inizio del Seicento, attirati dalla presenza di boschi e di acqua buona e perenne,  oggi vi è solo la saltuaria presenza dei proprietari di case suddivisi fra originari e villeggianti.

Il Coro di Stramare nasce nel 2008 nel piccolo borgo omonimo, da tempo disabitato, in un tentativo di recupero delle tradizioni e della storia del luogo iniziato nel 2008 con la scoperta de La nòte santa, un´antica lauda natalizia risalente al XVI-XVII secolo. Il Coro, nato per iniziativa di Mariano Lio, è dal 2009 diretto da Elena Filini (insegnante di canto lirico all’Istituto “A. Miari” di Belluno, oggi dipartimento provinciale del Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza). Il repertorio spazia dalla musica popolare regionale ad incursioni nel repertorio folklorico europeo, popolare e colto (ballate dell´Inghilterra di Enrico VIII; canti tradizionali natalizi europei, oltre a quelli strettamente locali; canti legati alle varie fasi dell´Unità d´Italia, dal Risorgimento al primo conflitto mondiale; canti di lavoro, canti di lotta, repertorio alpino).

Per maggiori info www.corodistramare.org

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______