Museo di strumenti musicali a Castelfranco Veneto

Museo di strumenti musicali allo Steffani
di Castelfranco Veneto

Il conservatorio ospiterà dalla prossima primavera la collezione comunale: 198 pezzi storici

Un museo permanente al Conservatorio Steffani con una collezione di strumenti musicali d’epoca. Dopo anni d’attesa il progetto è arrivato a compimento. Nella primavera 2014 aprirà un’esposizione permanente dei pezzi della collezione di proprietà comunale. Un tesoro rimasto finora nascosto alla cittadinanza. Gli strumenti, in tutto quasi 200 strumenti musicali di pregio, sia ottocenteschi che novecenteschi, appartenevano a un privato. Il Comune riuscì ad acquisire la collezione. Dopo l’acquisto però gli strumenti rimasero depositati nei magazzini comunali. Il progetto di realizzare un’esposizione degli strumenti è stato portato avanti dal direttore del Conservatorio Steffani, in tandem con il Comune. E il risultato è stato raggiunto. Per la prossima primavera due sale di Villa Barbarella, attuale sede del Conservatorio Steffani dentro le mura, saranno sistemate e allestite per l’esposizione degli strumenti. I pezzi dell’esposizione sono 198. «Non sarà possibile per motivi di spazio esporli tutti contemporaneamente», spiega Troncon, «ma pensiamo di esporli a rotazione, in modo da valorizzare l’intera collezione». Ci sono pianoforti, tastiere, alcune viole. Lo strumento più antico è un spinetta veneziana del 700, strumento che appartiene alla famiglia degli strumenti a tastiera con corde pizzicate, assieme al clavicembalo e al virginale. Ci sono alcuni liuti (strumento a corde simile a una piccola chitarra) napoletani di grande valore, una ventina di cetre (altro strumento a corda simile alla citara suonata nell’antica Grecia) e anche delle chitarre classiche e acustiche. «Questa esposizione sarà un’ottima occasione per avvicinare ancor di più i cittadini al nostro Conservatorio», dichiara l’assessore alla Cultura Giancarlo Saran, «un’eccellenza del nostro territorio e della nostra città». L’esposizione sarà permanente ed entrerà a far parte dei punti attrazione turistica della città, in rete con gli altri musei della Castellana.

Tratto da articolo di Daniele Quarello per www.tribunatreviso.it

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

_______


Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.

_______


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______