Mostra Collettiva d’Arte Scultura, Pittura e Incisione a Treviso fino al 4 novembre

Associazione Artisti Trevigiani – Arti Visive invita alla Mostra Collettiva d’Arte Scultura – Pittura – Incisione a Treviso fino al 4 novembre. Nuova collettiva promossa dall’Associazione Artisti Trevigiani – Arti visive, in un viaggio tra pittura, scultura e incisioni. BONAZZA, GOBBO, SIFFI E INNOCENTE IN SALA D’ARME A SANTI QUARANTA. Un viaggio tra informale, scultura e incisioni. E’ la nuova mostra promossa dall’Associazione Artisti Trevigiani- arti Visive di Silvano Bonazza, Ennia Gobbo, Velica Siffi e Celeste Innocente, che si inaugurerà: sabato 13 ottobre alle ore 17.00 presso la sala d’arme – Porta Santi Quaranta aTreviso.

SILVANO BONAZZA sculture, ENNIA GOBBO e VELICA SIFFI dipinti, CELESTE INNOCENTE incisioni. La mostra si terra’ presso la SALA D’ARME di Porta Santi Quaranta, Borgo Cavour, TREVISO. Inaugurazione sabato 13 ottobre ore 17,00. Presenta gli artisti la Dott.ssa Samanta Cipolla. Coordinatore evento Tiziano Marchioni. Seguirà brindisi.

Gli orari della mostra: Sabato, dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 15,30 alle 19,00. Festivi dalle 9,30 alle 12,30 – dalle 15,30 alle 19,00. Giorno mercatino dalle 9,00 alle 19,00, orario continuato.

La mostra e’ organizzata dall’Associazione Artisti Trevigiani – Arti Visive con il patrocinio della Città di Treviso e la collaborazione dell’Associazione Artigiani e Commercianti per Borgo Cavour e via Canova.

__


SILVANO BONAZZA

SILVANO BONAZZA:  scultore. L’Artista lavora ferro, rame, alluminio, legno, riuscendo a liberare l’essenza più profonda. I metalli si piegano in forme sinuose, pronte a generare giochi di luce, mentre il legno scuro e nodoso, percorre le umane sembianze plasmate dallo scultore secondo influenze degli archetipi artistici africani.

Silvano Bonazza è nato a Sant’Elena di Silea nel 1946. Da sempre amante dell’arte comincia la sua attività artistica nel 1972 vincendo il 3° premio per il ferro battuto ad una mostra artistica a Casale sul Sile. La curiosità e la creatività, sono caratteristiche stimolanti che lo hanno coontinuamente spinto alla ricerca e alla sperimentazione. E’ un piacere ascoltarlo nella descrizione della lavorazione e nel vederlo all’opera. La sua anima si esprime con i metalli e i metalli custoditi dalla terra, forgiati e trasformati con creatività e spirito sotto le sue mani prendono forma, colore, vita. “Le riflessioni plastiche di Bonazza si adagiano su profili morbidi ed essenziali. I soggetti hanno valenze eterogenee, spaziano da liriche interpretazioni floreali, a ermetiche descrizioni dell’eros, a sagome intrise di spiritualità. La materia sembra abbandonare i limiti dettati dalla propria fisicità, per ambire a una condizione che ne superi il suo stato di immanenza. L’artista lavora ferro, rame, alluminio, legno, riuscendo a liberarne l’essenza più profonda. I metalli si piegano in forme sinuose, pronte a generare giochi di luce, mentre il legno scuro e nodoso lascia che lo sguardo si soffermi tra le sue pieghe, per percorrere le umane sembianze modellate dallo scultore. L’arte di Bonazza accenna e allude, misteriosa e coinvolgente. L’ispirazione artistica giunge qui da una sorgente profonda e riflessiva capace di plasmare la materia indagando gli anfratti più reconditi dell’intelletto.” Paolo Levi

ENNIA GOBBO

ENNIA GOBBO: nei quadri figurativi la natura ha una forte incisività, ma la forza viene dal gioco delle ombre, dal taglio dei piani, nell’insieme quasi surreale. Negli astratti l’immagine si apre a pochi elementi e i movimenti ed i segni diventano colori che si spezzano e si ricompongono.

Ennia Gobbo è nata a Venezia, vive e lavora a Ponzano Veneto (TV). L’artista ha esordito nella ceramica che è stata determinante per acquisire quella precisione di mano, quella eleganza pulita che si realizza in una suggestiva mobilità espressiva nelle sue opere. La pittura di Ennia Gobbo manifesta un forte sincronismo tra l’emozione tonale e plastica e la materia prodotta. I colori acrilici, le partiture essenziali geometricamente strutturate, risvegliano il dato sensoriale destinato a caratterizzare l’idea–immagine. .Nei quadri figurativi la natura ha una forte incisività, ma la forza viene dal gioco delle ombre, dal taglio dei piani, nell’insieme quasi surreale. Negli astratti l’immagine si apre a pochi elementi e i movimenti ed i segni diventano colori che si spezzano e si ricompongono. La sua pittura è molto apprezzata da pubblico e critica sia in Italia che all’estero.

CELESTE INNOCENTE

CELESTE INNOCENTE: Da anni ha scelto come sua particolare forma espressiva l’incisione, e in particolare l’acquaforte e l’acquatinta. Nel 2006 ha vinto “La farfalla d’oro” al XXIV concorso nazionale “50 e più”, premio Città di Levico Terme.

È nata a Treviso nel 1937. Si è diplomata all’Istituto Magistrale, ma fin da ragazza si è interessata all’arte figurativa in tutte le sue varie forme. Per imparare le varie tecniche e i segreti del mestiere, ha sentito la necessità di frequentare dei corsi di disegno, pittura e di figura del nudo dal Prof. Sergio Favotto, mentre per la tecnica dell’acquerello ha frequentato lo studio del Prof. Walter Furlan. Da anni ha scelto come sua particolare forma espressiva l’incisione, e in particolare l’acquaforte e l’acquatinta. Anche in questo caso per affinare la tecnica di questa difficile arte, ha partecipato a delle lezioni con la guida dei Maestri Incisori Tatiana Serafini e Luisa Asteriti. Attualmente frequenta il Centro Artistico di Grafica “Torchio Piranesi” di Mogliano Veneto (TV) diretto da Gianni Favaro ed Angelo Rando. Fin dal 1983 partecipa con assiduità e costanza, con le sue opere di grafica, a mostre collettive in tutto il triveneto. Nel 2006 ha vinto la “Farfalla d’Oro” al XXIV concorso nazionale “50 E PIÙ” premio Città di Levico Terme (TN). Fa parte dell’Associazione Artisti Trevigiani da una decina d’anni.

VELICA SIFFI

VELICA SIFFI: fondamento del suo linguaggio è la ricerca di una realtà figurativa che si realizzi sulla tela spaziando tra colore ed espressionismo, psicologia e forma. L’Espressività della sua pittura deriva da singolari accostamenti cromatici che evocano, nel linguaggio del proprio  racconto figurativo e simbolico, i più importanti movimenti pittorici della prima metà del novecento.

È nata a Venezia, ha iniziato a dipingere sotto la guida di Giorgio Dario Paolucci e ha successivamente frequentato, sempre a Venezia, la scuola di Miro Romagna. Ha partecipato a numerose mostre collettive a Venezia ( Amici di Ruga Giuffa, Colonete e Colonetedonna, Galleria San Vidal), a Udine (Centro d’arte “G.B.Tiepolo”), a Buje e a Krassiza, in Istria, dove ha anche allestito, a Novigrad (Cittanova), una mostra personale presso la sede della locale “Comunità degli italiani di Cittanova”. Fondamento del linguaggio artistico di Velica Siffi è la ricerca di una realtà figurativa che si realizzi sulla tela spaziando tra colore ed espressionismo, psicologia e forma. Anche se apparentemente diversi, i temi della pittura di Velica Siffi sono in stretto rapporto visivo e simbolico tra loro. L’analisi stilistica e formale spiega questa specificità dell’autrice anche sulla base di alcuni evidenti paralleli e di precise suggestioni culturali quali il rapporto con la grande scuola freudiana e, con riferimento ai nudi, l’originale personalizzazione, sul piano pittorico, delle forme create dallo scultore franco-catalano Aristide Maillol. L’espressività della pittura di Velica Siffi, oltre che dalle forme, a volte rasserenanti, a volte tormentate, deriva anche da una vasta gamma di eccentriche combinazioni cromatiche che evocano, nel linguaggio del proprio racconto figurativo e simbolico, le più importanti espressioni pittoriche della prima metà del Novecento.

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______