Mostra “Africa. Storie di animali, uomini e cose” a Montebelluna – PROROGATA fino al 6 aprile 2015

Mostra “Africa. Storie di animali, uomini e cose”.
PROROGATA FINO AL 6 APRILE 2015

Visto il successo di pubblico e la richiesta da parte delle scuole riapre sabato 7 marzo e fino al 6 aprile la mostra allestita dal  Museo di Storia naturale e Archeologia  presso la sede dell’ex-tribunale in Piazza Negrelli, 11 a Montebelluna-Tv. C’è tempo fino al 6 APRILE, dunque, per visitare la mostra fotografica partecipativa “Raccontaci la tua Africa” allestita presso la sede della mostra “Africa. Storie di animali, uomini e cose”, Piazza Negrelli 11, Montebelluna.

Espone Massimo Branca
fotografo del Collettivo Fotosocial.
Antropologo visuale e fotografo documentarista.

Collabora con IRFOSS (Istituto di Ricerca e Formazione in Scienze Sociali) come insegnante e fotografo in diversi progetti di ricerca etnografica in Italia e all’estero. I suoi interessi si concentrano principalmente sui flussi culturali e stili di vita contemporanei nel mondo. Ha lavorato in Ecuador e Colombia (2008), Sardegna (2011), Madagascar (2011-2012), Venezia (2011-2014). Il suo ultimo progetto a lungo termine, iniziato nel 2013, riguarda la vita di strada a Bucarest, in Romania.

Collettivo Fotosocial

Il Collettivo Fotosocial nasce nel 2008 dall’incontro tra fotografi di viaggio e di documentazione, consapevoli che il valore delle storie, dei racconti, stia nella loro narrazione. Nel corso degli anni il Collettivo Fotosocial  è cresciuto nella qualità, nella struttura e nel metodo di lavoro, definendo quel processo etico e dialogico che lo contraddistingue dalle altre realtà fotografiche italiane.
Nel 2013 il Collettivo Fotosocial si è costituito in Associazione di Promozione Sociale., Nasce così una delle realtà collettive più interessanti del  panorama  italiano, impegnata nella promozione della conoscenza attraverso l’immagine e finalizzata alla trasformazione sociale.

Sono il coinvolgimento emotivo, la partecipazione consapevole, la forte propensione all’ascolto e al dialogo a permettergli di riportare i particolari più autentici e le sottili sfumature che tendono, normalmente, a sfuggire al comune sguardo fugace. Ed è forse proprio questa attenzione  che rende il lavoro del Collettivo Fotosocial autentico ed emozionante.
Il Collettivo Fotosocial usa la fotografia  come mezzo per raccontare, analizzare criticamente, riflettere e condividere. È il loro modo di creare coscienza, relazioni e conoscenza.

Espongono: Alessandra Barban, Francesco Braguti, Maria Conte, Giorgia Favero, Dimitri Feltrin, Sonia Ferrara, Raffaella Morlin, Valeria Mazzucato, Alessandro Padovan, Nicola Pin, Michele Poloniato, Monica Saccol, Maria Antonietta Truppa, Anna Zoppas.

__________

Mostra Africa a Montebelluna
Commercio e Cultura una contaminazione produttiva…

Può la cultura uscire dalla sua torre di cristallo per entrare in stretta sinergia con il mondo più ludico e frivolo del commercio? Ebbene si! E si tratta di una sinergia davvero positiva e per certi versi innovativa.

E’ nata così la collaborazione forte tra il Museo di Storia naturale e archeologia di Montebelluna, l’Ascom, l’associazione dei commercianti del centro di Montebelluna “Il Mosaico” e i ristoratori del Montello “Montello a tavola” in occasione della nuova mostra “Africa. Storie di animali, uomini e cose”, voluta dal sindaco Marzio Favero e sostenuto dall’assessore alla cultura Alda Boscaro negli spazi dell’ex- tribunale in piazza Negrelli a Montebelluna.

L’idea è di supportarsi a vicenda, creando un circolo virtuoso che promuove l’iniziativa culturale in spazi non consoni e permette a chi si reca negli esercizi commerciali di Montebelluna di ricevere un coupon per l’ingresso gratuito alla mostra stessa e ad una parte del museo. Un regalo di qualità che i commercianti fanno ai propri clienti permettendo loro di vivere un’esperienza immersiva ed emozionante dove gli aspetti più prettamente naturalistici e scientifici si intrecciano con quelli storici e culturali per vivere e scoprire anche a Montebelluna storie di animali, uomini e cose d’Africa.

L’occasione nasce anche grazie alla riapertura dell’ex-tribunale in una veste completamente rinnovata. Il centro di Montebelluna può godere infatti di questo nuovo spazio come un luogo culturale, che può ospitare mostre ed eventi, e il mondo del commercio montebellunese si è dimostrato sensibile al valore aggiunto che la cultura può dare al centro di Montebelluna.

La mostra Africa si propone anche come un evento con risvolti sociali importanti coinvolgendo le associazioni di volontariato, umanitarie e culturali di migranti presenti nel territorio. Durante questo fine-settimana saranno presenti negli spazi della mostra i volontari del Comitato Unicef di Treviso che illustreranno la propria attività.

Un’occasione per un Natale diverso: la mostra (fino al 17 febbraio) è aperta il sabato e la  domenica, prefestivi e festivi  dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00. Chiuso il giorno di Natale e la mattina del 1 gennaio.

__________

Mostra “Africa. Storie di animali, uomini e cose” a Montebelluna.
Dal 6 dicembre 2014 al 17 febbraio 2015

L’Amministrazione Comunale e il Museo di Storia naturale e archeologia di Montebelluna presentano un nuovo percorso espositivo “Africa. Storie di animali, uomini e cose”.
A partire da sabato 6 dicembre 2014 e fino al 17 febbraio 2015, presso ex tribunale Piazza Negrelli, 11  a Montebelluna.

La mostra è promossa da Confcommercio, Il Mosaico e Associazione Ristoratori Montello a Tavola. Con la partecipazione di associazioni culturali e umanitarie del territorio. Uno spazio pubblico aperto alla cittadinanza e che permetterà di vivere un’esperienza immersiva ed emozionante dove gli aspetti più prettamente naturalistici e scientifici si intrecciano con quelli storici e culturali per vivere anche a Montebelluna storie di animali, uomini e cose d’Africa.

“Africa. Storie di animali, uomini e cose”

L’Africa è un continente straordinario : è uno dei luoghi più ricchi del nostro pianeta per la biodiversità, per la varietà e spettacolarità dei paesaggi e per la diversità delle culture in esso presenti.

Luogo di origine della specie umana, culla di importanti civiltà, ha saputo da sempre attrarre viaggiatori e affascinare a tal punto che chi l’ha visitata spesso, colto dal “Mal d’Africa”, vi ha fatto ritorno più e più volte.

L’Africa è però anche fame, guerra, malattie, dittature o abusi contro i diritti umani: l’altra faccia della medaglia di questo continente.

La mostra, vuole così offrire ad ognuno l’opportunità di conoscere, riflettere e guardare a questo territorio con occhi diversi, anche grazie al contributo di associazioni culturali e umanitarie.

Sarà l’occasione per vivere nel centro di Montebelluna un’esperienza nuova a tu per tu con gli animali africani delle collezioni del Museo e per scoprire oggetti e tradizioni delle culture africane. Verrà inoltre esposta al pubblico la collezione di oggetti africani “Carla Rocca” recentemente entrata a far parte del patrimonio del Museo. La mostra è stata realizzata grazie anche al contributo scientifico del Museo Africano di Verona.

Orari di apertura: Sabato, domenica, prefestivi e festivi 10:00-12:30 / 15:00-19:00
Chiuso Natale e mattina del 1 Gennaio

Costi: Euro 1,50 (gratuito fino a 5 anni).  Se fai un acquisto negli esercizi commerciali di Montebelluna aderenti all’iniziativa riceverai un coupon per l’ingresso gratuito alla mostra.

Per info e contatti Angela Trevisin 0423 609031 info@museomontebelluna.it

articolo collegato: Raccontaci la tua Africa. Mostra di foto e parole. A cura del Museo Civico di Montebelluna, PROROGATA fino al 6 aprile

Associazione Culturale Marcadoc, Turismo Informazione Cultura nella Provincia di Treviso, e’ media partner del Museo.

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______