“Medaglia d’oro Antonio Carpenè” – Dal 1902 al 2018 tutti i medagliati insieme per celebrare il 150° della Cantina

“Storie di Vite”, uno straordinario evento in onore al merito ed alla storia della Scuola di Enologia e della Famiglia Carpenè, da 142 anni sempre insieme in Conegliano.

Un evento unico e straordinario, celebratosi ieri in occasione della 116° anniversario dall’istituzione della “Medaglia d’Oro Antonio Carpenè” nell’anno del 150° Anniversario dalla Fondazione dell’attività d’Impresa.

Il tutto si è svolto alla presenza dei “Medagliati Carpenè” della Scuola di Viticoltura ed Enologia di Conegliano che – per la prima volta nella storia del premio – si sono riuniti tutti insieme per celebrare, insieme alla Famiglia Carpenè, la figura di Antonio quale Fondatore dell’Impresa nel 1868 e della medesima Scuola di Conegliano nel 1876.

“E’ storicamente attestato che il mio trisavolo Antonio sia stato un Uomo di Scienza e Cultura, che ha sempre creduto e fondato il suo impegno nella formazione – ha commentato Rosanna Carpenè, quinta Generazione della Famiglia – e certamente aver riunito, in un evento così unico e straordinario Tutti coloro che nel corso degli anni hanno potuto fregiarsi del riconoscimento della Medaglia d’Oro, ritengo sia il dono più importante che avrebbe potuto desiderare di ricevere proprio nell’anno del 150° della sua Impresa.  Quella che si è celebrata ieri è stata dunque un’ulteriore tappa storica per la Scuola e per il Premio, che il mio bisnonno Etile aveva istituito con il duplice intento di tramandare ai posteri la “memoria e le memorie” del padre Antonio già dal 1902, anno della sua dipartita. Peraltro è stata anche l’occasione per continuare a promuovere l’eccellenza formativa tra le nuove Generazioni, tema particolarmente caro a Tutti Noi Carpenè che dal 1876 siamo impegnati al fianco della prima Scuola Enologica d’Italia”.

 La cerimonia di consegna della 58ma Medaglia d’Oro si è tenuta presso l’Aula Magna della Scuola Enologica di Conegliano mentre l’incontro con i Medagliati Carpenè per celebrare il 150°Anniversario si è tenuto nella sede storica della “Cantina 1868”, sempre in Conegliano.

La Medaglia d’Oro Antonio Carpenè – ha sottolineato la Dirigente Scolastica Damiana Tervilli – rappresenta il legame tra l’Istituto, i suoi Allievi e la Famiglia Carpenè ed essere stati partecipi di una ricorrenza tanto speciale come il 150° Anniversario dalla Fondazione dell’attività d’Impresa è stato per noi tutti motivo di grande orgoglio. Abbiamo accolto con riconoscenza l’invito della Carpenè Malvolti a celebrare tale traguardo, perché se ancora oggi il Premio continua ad esistere è per precisa volontà della Famiglia, sempre impegnata in prima linea affinché tale tradizione possa tramandarsi”.

 La “Medaglia d’Oro Antonio Carpenè” viene ogni anno attribuita per merito allo Studente della Scuola di Viticoltura ed Enologia che abbia conseguito in termini assoluti tutti i parametri previsti da un rigoroso Statuto. Recentemente aggiornato per adeguare la preesistente impostazione all’applicazione della legge di riforma 13/2008, che ha di fatto trasformato in facoltativo il sesto anno del percorso di studi per il raggiungimento della qualifica di Enotecnico. Ad essere premiata quest’anno è stata Deborah Gelisi, Studentessa che frequentando l’indirizzo Viticolo-Enologico presso la Scuola Enologica, e che naturalmente ha ottenuto un voto di diploma di 100 e Lode.

L’aver quindi contestualizzato l’evento all’interno dell’agenda celebrativo del 150° Anniversario dalla Fondazione dell’attività d’Impresa, ha conferito a tale cerimonia un significato altresì storico, essendosi prefissato il proposito di festeggiare tutti gli Studenti che hanno ricevuto il riconoscimento della Medaglia d’Oro dal 1902 ad oggi. Tutti sono stati – e tanti lo sono ancora – affermati Professionisti che hanno contribuito in modo determinante a valorizzare l’offerta enologica nazionale nel mondo.

Le celebrazioni si sono svolte in due distinti momenti. Quello “istituzionale” presso la Scuola Enologica di Conegliano nel contesto del 38° Convegno dell’Unione Ex Allievi; e quello più “storico” presso la Cantina 1868 della Carpenè Malvolti. Questa seconda parte, alla presenza del Sindaco di Conegliano Fabio Chies, si è svolta nella rinnovata sede storica.

Intervistati da Camilla Nata, giornalista di Rai Uno, ognuno ha apportato un contributo intriso di preziosi ricordi e “Storie di Vite”, vissuti con la passione per il proprio lavoro ed il legame con la Scuola Enologica.  Ad ognuno è stata omaggiata una copia del libro “La Vite e il Vino nella Provincia di Treviso” , scritto da Antonio Carpenè ed Angelo Vianello e presentato in anteprima all’Esposizione Mondiale di Vienna nel 1873 nonché pubblicato nel 1874, che ancora oggi costituisce  una pietra miliare per la cultura e la coltura della vite. Oltre al libro ad ogni Medagliato è stata anche consegnata la “Magnum 150°” – numerata e personalizzata tra le 1500 che sono state ideate e realizzate appositamente per la tappa storica traguardata – accompagnata da una personale dedica di Etile Carpenè, attuale Presidente e testimone storico della Famiglia.

Per maggiori info:

Carpene’ Malvolti
Via A. Carpenè, 1, 31015 Conegliano (TV)
Tel. 0438 364611 – info@carpene-malvolti.com – www.carpene-malvolti.com

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______