Masottina partner del Festival “Sulle vie del Prosecco”

MASOTTINA PARTNER DEL FESTIVALSULLE VIE DEL PROSECCO
L’azienda della famiglia Dal Bianco rinnova il suo sostegno alla rassegna diretta dal maestro Yuri Bashmet.

Nelle cene del “Dopo Festival” si brinda con il Contrada Granda di Masottina e i vini fermi a marchio “Ai Palazzi”.

La grande musica classica di scena, ancora una volta, nelle splendide Terre del Prosecco, tra Conegliano e Vittorio Veneto. Dopo aver diretto l’orchestra nella cerimonia di inaugurazione dei mondiali di calcio, Yuri Bashmet, il più grande violista russo, torna nuovamente su queste suggestive colline per la sesta edizione del Festival internazionale “Sulle Vie del Prosecco”, dedicato ad uno dei prodotti simbolo del Made in Italy nel mondo. In questo sodalizio, Masottina rinnova la sua partnership con la rassegna puntando a far emergere ancor di più quel forte legame che esiste tra la famiglia Dal Bianco e questo straordinario territorio.

Anche quest’anno – spiega Federico Dal Bianco, responsabile marketing ed export sales di Masottina – sosteniamo il festival con grande entusiasmo. Questo tipologia di appuntamenti, che hanno un richiamo su un pubblico selezionato e attento, ci consentono di diffondere sempre di più e in maniera trasversale il brand Prosecco Superiore per via delle iniziative collaterali, come i pacchetti turistici e le cene del Dopo Festival, che consentono di far scoprire e vivere il territorio anche da altri punti di vista”.

 

In foto: Federico Dal Bianco, responsabile marketing di Masottina

Il cartellone dell’edizione 2018 del festival “Sulle Vie del prosecco” vede iscritti alcuni tra i più quotati membri dell’élite della musica classica internazionale. Oltre a Yuri Bashmet, in scena nella duplice veste di violinista e direttore dell’orchestra residente “I Solisti di Mosca”, hanno confermato la loro presenza anche l’Insieme vocale Città di Conegliano diretto da Laura Fabbro, il flautista Massimo Mercelli, la violinista russa Valeria Abramova, I Solisti Veneti (i violinisti Lucio Degani, Francesco Comisso, Mikhail Ashurov ,Chiara Parrini e il violoncellista Giuseppe Barutti) e il maestro Claudio Scimone. E poi ancora il trombettista Sergei Nakariakov, il maggiore virtuoso di questo strumento al mondo e Katerina Machalova.
Il festival si aprirà ufficialmente giovedì il 21 e si concluderà domenica 24 giugno mentre i concerti si svolgeranno in alcune splendide e ricercate venue delle terre del Prosecco come la Chiesa di Santi Martino e Rosa, il Complesso del Convento di San Francesco e il piazzale del Castello a Conegliano, e il Castrum di Serravalle a Vittorio Veneto.

Un’attenzione particolare, nel corso del festival “Sulle Vie del Prosecco”, sarà dedicata al vino con tasting esclusivi. Dopo il successo delle scorse edizioni, l’organizzazione ha confermato anche il riuscito format “Dopo Festival” che dà la possibilità, a coloro che lo desidereranno, di cenare con gli artisti a chiusura delle loro esibizioni. Ogni sera, in abbinamento ai piatti inseriti nel menù dei ristoranti che ospiteranno le cene, saranno degustati il Contrada Granda 2017, un Rive di Ogliano in versione Brut di notevole finezza e vertice dei Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG di Masottina, il rosso Montesco 2010 (DOCG Colli di Conegliano) e il bianco Dorsoduro 2017 (DOC delle Venezie) due dei vini fermi a marchio “Ai Palazzi” sempre di proprietà della famiglia Dal Bianco. Per info e prenotazioni (obbligatorie) scrivere a prenotazioni@proseccofestival.com oppure chiamare ai tel. 0438.970350 – cell. 339.1329568

Per maggiori informazioni:

sede legale: via Custoza 2, Conegliano (TV)
cantina e uffici:
via Bradolini 54, Castello Roganzuolo (TV)
Tel. +39 0438 400775 Fax +39 0438 402034 – info@masottina.it www.masottina.it

____
_

Masottina: una storia enologica, una famiglia

Dai legami più forti con il territorio, nascono le storie produttive più intense e durature. Conoscere Masottina vuol dire capire il rapporto profondo che lega la famiglia Dal Bianco alla sua terra e al suo prodotto simbolo, il vino. Chi vive qui ha i vigneti negli occhi e nel cuore, le colline di Conegliano e Valdobbiadene sono un contesto unico per caratteristiche dei suoli, microclima e paesaggio. La vite cresce nel suo ambiente ideale e la mano dell’uomo nel tempo ha fatto, e continua a fare, il resto, ricamando le colline con i vigneti e creando un paesaggio di seducente bellezza. La storia d’amore tra Masottina e la sua terra inizia nell’immediato dopoguerra, nel 1946, con nonno Epifanio che poi trasferisce il suo sapere e la sua passione al primogenito Adriano, affiancato dalla moglie Franca, e ai suoi fratelli, Valerio e Renzo. Oggi, in azienda lavora anche la terza generazione, i due figli di Adriano, Filippo e Federico, che con passione hanno messo la loro dedizione e il loro talento al servizio dell’azienda di famiglia.Adriano, l’enologo di famiglia, e i suoi fratelli, animati da una passione silenziosa e operosa, hanno sempre creduto nel potenziale qualitativo dei vini della loro terra e, quando ancora il Conegliano Valdobbiadene non era sotto i riflettori, hanno iniziato a sviluppare le eccellenze produttive che “la loro natura” gli offriva, dai grandi prosecchi ai vini fermi dei Colli di Conegliano. Rigore, fantasia e tanta esperienza, alimentata dall’umiltà, sono le note caratteriali che distinguono Adriano. Il rigore inizia a coltivarlo fin da ragazzo, si forma alla Scuola enologica di Conegliano, la prima scuola italiana, fucina di centinaia di enologi e professionisti di cantina, oggi divenuta anche corso universitario, e con l’Istituto stringe un legame che negli anni è diventato sempre più intenso e profondo.


I vigneti di Masottina

I 130 ettari di Masottina, tra proprietà e conduzione, di cui circa la metà nell’area storica del Conegliano Valdobbiadene, condotti secondo le migliori tecniche agronomiche, sono un emblema di famiglia, un vanto per la cura e l’attenzione impiegata sulle piante. La raccolta poi è fondamentale, anche solo mezza giornata in più o in meno di sole può fare la differenza. In azienda si racconta che è Adriano a dare il via alla vendemmia, vigna per vigna stabilisce se le uve hanno il giusto grado di maturazione. Forse è solo un vezzo, però quanto la fantasia e l’esperienza dell’uomo facciano la differenza nelle produzioni d’eccellenza è un dato di fatto. E la ricerca della qualità continua anche in cantina, con un occhio all’innovazione, non solo per le tecnologie impiegate nelle lavorazioni ma per aver, in decenni, costruito una solida struttura produttiva, dotata di tutte le novità che aiutano a migliorare e a valorizzare la materia prima. Questi sono solo una parte degli elementi che contribuiscono a dare personalità, a “creare”, i vini di Masottina, come mattoncini che compongono in un unicum le qualità del territorio con quelle di questa famiglia del vino, della sua storia e della sua sensibilità.

I vini di Masottina

E tra storia e innovazione, i vini di Masottina sono frutto e insieme interpreti di un scenario che oggi, più di ogni altra cosa, rappresenta il territorio d’elezione del Prosecco. Proprio nella zona storica del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, Masottina esprime quello che è considerato uno dei suoi grandi talenti produttivi, la vocazione spumantistica. Ottenuto da metodo Italiano, conosciuto anche come metodo Martinotti, qui viene prodotto un vino spumante di grande finezza, esemplare nella sua esecuzione, “Le Rive di Ogliano”. Nel 2009, con l’introduzione della Docg, nella tipologia spumante, che rappresenta quasi il 90% della produzione totale, viene introdotta una nuova selezione, le “Rive”, che evidenzia in etichetta il nome del comune o della frazione di origine delle uve. I vini “Rive” rappresentano l’essenza del territorio, sono prodotti da uve che provengono esclusivamente da una singola località, vendemmiate a mano, in etichetta è riportato il millesimo e la resa per ettaro non può superare i 130 quintali. Un dato su tutti racconta “Le Rive di Ogliano” di Masottina: la prima annata, la 2009, è andata esaurita in pochi mesi. Al vertice della piramide qualitativa della Docg c’è lo spumante della storica sottozona di Cartizze, una piccola area di 106 ettari di vigneto. Per i vini di questa sottozona il disciplinare di produzione è ancora più restrittivo. La resa per ettaro non può superare i 120 quintali e le operazioni di vinificazione devono essere effettuate entro il territorio del solo Valdobbiadene. Il Valdobbiadene Cartizze Superiore Docg Dry di Masottina è uno spumante sontuoso, dal sapore piacevole e rotondo, con una delicata sapidità, alla quale il sottile perlage aggiunge vigore al gusto. Sempre nella tipologia spumante, Masottina produce i Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg Extra Dry e Brut. Il Brut è la versione più moderna, che incontra il gusto internazionale e che si distingue dal Dry e dall’Extra Dry per un più basso residuo zuccherino. L’Extra Dry invece è la versione tradizionale, che combina l’aromaticità con la sapidità esaltata dalle bollicine. Nella zona collinare di Conegliano, esclusivamente dai vigneti di proprietà, Masottina produce anche due grandi vini DocG: il Montesco ed il Rizzardo, entrambi ottenuti dal felice incontro tra alcuni selezionati vitigni autoctoni e uve internazionali e ambedue affinati in barrique. Vini dalle pregevoli doti di invecchiamento, che lasciano il segno con la loro intensità e finezza e che, di annata in annata, stanno dando ragione alle intuizioni e alla caparbietà di Adriano che ha sempre creduto nei vini fermi di questo territorio. E infine, oltre ai vigneti del Conegliano Valdobbiadene, ci sono le vigne nelle terre del Piave e a Gorgo Al Monticano e Mogliano . E’ qui che nascono lo Chardonnay, il Pinot Grigio, il Merlot e il Cabernet Piave Doc. E sempre da queste terre, dai vigneti “Ai Palazzi”, provengono il Cabernet Sauvignon e il Merlot, che maturano lentamente secondo antica tradizione in grandi botti di rovere per diventare dei grandi vini rossi “Riserva”. Qui nascono anche lo Chardonnay ed il Pinot Grigio, eleganti espressioni d’una rigorosa e matura cultura enologica.

Gli Spumanti di Masottina

Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene Docg
“Contrada Granda Rive di Ogliano” – Brut
“Le Rive di Ogliano” – Extra Dry
Prosecco Superiore – Brut
Prosecco Superiore – Extra Dry

Prosecco Doc Treviso
Prosecco – Brut
Prosecco – Extra Dry

Cuvée
Cuvée Brut – Brut
Cuvée Rosé – Brut
Cuvée Dolce – Dolce

I vini fermi di Masottina

Vini Rossi

“Montesco” – Doc Colli di Conegliano “Ai Palazzi”
Merlot – Riserva – Doc Piave “Ai Palazzi”
Cabernet Sauvignon – Riserva – Doc Piave
Merlot – Doc Piave Cabernet – Doc Piave

Vini Bianchi
“Rizzardo” – Doc Colli di Conegliano
“Ai Palazzi” Chardonnay – Doc Piave
“Ai Palazzi” Pinot Grigio – Doc Venezia
“Incrocio Manzoni 6.0.13” – Igt Colli Trevigiani
Chardonnay – Doc Piave
Pinot Grigio – Doc Venezia

Masottina Spa
sede legale: via Custoza 2, Conegliano (TV)
cantina e uffici: via Bradolini 54, Castello Roganzuolo (TV)
Tel. +39 0438 400775 Fax +39 0438 402034 – info@masottina.it

www.masottina.it

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______