‘Le Inglesi ad Asolo’ – 14 Settembre 2013

Tornano “le inglesi ad asolo 2013”,
il raduno di auto UK celebra quest’anno Rupert Guinness.

Asolo – 14 Settembre.

La corsa, alla quale sono ammesse solo 50 vetture Inglesi, si svilupperà lungo un percorso di circa 200 km: partenza prevista da “Villa Corner della Regina” a Vedelago (Treviso). Il percorso poi si snoderà tra le belle colline trevigiane con soste a Refrontolo, al Molinetto della Croda dove si potrà assistere al lavoro della macina come avveniva nell’800, a Castelfranco Veneto, dove le autorità cittadine faranno conoscere la Torre dell’Orologio appena restaurata, ed infine ad Asolo dove piloti e navigatori potranno conoscere i risultati e successivamente partecipare alle premiazioni. Alla sera, ore 21.00, prevista una cena di Gala presso l’hotel Villa Cipriani.

Quest’anno il raduno di auto storiche sarà dedicato alla figura di Rupert Guinness (proprio la famiglia della nota birra inglese e del libro dei record), legatissimo alla Città dei Cento Orizzonti.

Al raduno potrà partecipare un gruppo ristretto di amici al volante di auto anche non di origine inglese (solo su invito): si tratta del segmento Vif ossia Very Important Friends, le auto avranno una numerazione di colorazione diversa e saranno riconoscibili proprio dall’acronimo Vif .

CHI ERA RUPERT GUINNESS

Rupert Edward Cecil Lee Guinness, secondo conte di Iveagh, è nato a Londra il 29 marzo 1874 ed è scomparso il 14 settembre 1967. Ha studiato all’Eton College e al Trinity College di Cambridge: era il figlio maggiore di Edward Guinness, primo Conte di Iveagh; è stato il ventesimo Cancelliere dell’Università di Dublino. Nel 1927 Rupert ha acquisito il titolo di Conte di Iveagh, succedendo a suo padre, ed è divenuto presidente dell’azienda di famiglia: il famoso birrificio Guinness che ha sede a Dublino. Rupert ha diretto per 35 anni la ben nota azienda della birra lavorando soprattutto all’espansione all’estero dell’attività di famiglia impiantando fabbriche a Londra, in Nigeria e Malesia. Guinness è stato anche un abile politico, appassionato di scienza: questa passione lo ha portato a sostenere, anche quando il padre era in vita, diversi istituti di ricerca fra i quali l’istituto di microbiologia Wright-Fleming.

Rupert si è anche interessato di agricoltura trasformando la sabbiosa tenuta di Elveden, nel Suffolk, in una fattoria produttiva. Ed è proprio nella veste agricola che l’erede Guinness ha scoperto l’Italia acquisendo terreni in quel di Asolo (Treviso). Qui, nel 1938, Rupert fonda la “Società Calzaturieri Asolani Riuniti Pedemontana Anonima” il cui acronimo, Scarpa, è ad oggi una tra le aziende leader mondiali nella produzione di calzature tecniche per la montagna. 

Un’altro segno del suo passaggio la famiglia Guinness, sempre ad Asolo, lo lasciano a Villa Cipriani. L’immobile costruito in epoca palladiana ha subito notevoli interventi nel XVIII secolo: in quegli anni il poeta inglese Robert Browning decide di acquistarlo conferendogli l’aspetto di una nobile dimora toscana. Dopo essere stata adibita a residenza estiva di campagna del poeta d’Oltre Manica la Villa, sotto la proprietà della famiglia Galanti, diviene una locanda. E’ negli anni ’60 che pero’ fa la sua comparsa la famiglia Guinness che acquista la locanda e la offre in gestione a Giuseppe Cipriani, fondatore dell’Harry’s Bar di Venezia, che la trasforma in una dimora di charme.

Tra le straordinarie intuizioni di Guinness ci manca citare forse la più nota nel mondo: il libro “The Guinness Book of Records”, ideato nel 1955 con Sir Hugh Beaver, amministratore delegato di Guinness.

Rupert Edward Cecil Lee Guinness, con la sua famiglia, è un personaggio straordinario ed ha dato, in qualità di fine imprenditore, amante della cultura, filantropo e appassionato di sport, moltissimo all’umanità intera: è per questo che l’edizione 2013 de “Le Inglesi ad Asolo” intende celebrarlo.

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______