La leggenda del Prosecco

A Col San Martino, tra un bicchiere e l’altro, circola la leggenda di Mastro Bortolo.
Un tale, Mastro Bortolo, coltivava l’uva attorno alla chiesetta di San Martino; ci metteva tutta l’anima e, con sacrifici e dedizione, era riuscito ad ottenere un vino così buono da chiamarlo: “Elisir Prosecco”. Alcuni nobili possidenti locali, venuti a conoscenza di queste uve speciali, mandarono i loro scagnozzi a vendemmiare l’uva di Mastro Bortolo, senza il suo permesso e con molta prepotenza: Il contadino era impotente di fronte alle angherie dei signorotti e capì che l’unica cosa da fare era vendemmiare prima che arrivassero a rubargli l’uva.  Doveva però anche nascondere l’uva e il vino che ne avrebbe ricavato; finalmente, dopo un lungo pensare, ebbe un’idea.
Ai piedi della collina c’era un gigantesco albero di rovere ritenuto sacro e inviolabile da tutti, anche dalla nobiltà, perché si riteneva fosse stato piantato dal dio Endimione, figlio di Zeus; era perciò un ottimo nascondiglio.
Per mesi e mesi il contadino lavorò sodo, scavando un tunnel sotterraneo che dalla sua vigna portava fino a sotto il grande rovere. All’interno del gigantesco albero riuscì a ricavare una cantina e una stanza per spremere l’uva, facendola così in barba ai prepotenti signorotti.
Da quella vendemmia in poi, l’Elisir Prosecco” poteva essere così gestito dal legittimo proprietario e bevuto soltanto dai suoi amici, in buona compagnia.

Tratto da “Guida insolita del Veneto” di Maurizio Vittoria

Esiste ancora il grande rovere? chi ne ha notizia?…

Notizia segnalata da:

B&B La Calpena
Via Calpena, 39 – 31015 Conegliano Treviso

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______