Treviso. Opendream inaugura la mostra che riscopre l’individualità

NON C’È + NESSUN VIRGILIO A GUIDARCI NELL’INFERNO

In occasione delle celebrazioni del sommo poeta, dal 26 ottobre al 5 dicembre Opendream propone, attraverso il potente dispositivo dell’arte contemporanea, un progetto che prende spunto dalla sua immensa metafora e tenta di ridefinirne la percezione comune del nostro stare al mondo.

Taglio del nastro martedì 26 ottobre, ore 18:00.

A 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, lo spazio Opendream di Treviso propone un viaggio esperienziale nell’arte contemporanea.

Saranno gli scenografici spazi riqualificati delle Ex Ceramiche Pagnossin – ora di proprietà dell’imprenditore Damaso Zanardo – a ospitare, dal 26 ottobre al 5 dicembre, l’esposizione NON C’È + NESSUN VIRGILIO A GUIDARCI NELL’INFERNO, progetto corale ideato da Martina Cavallarin, che ne cura gli aspetti assieme al co-curatore Antonio Caruso, e che verrà ufficialmente inaugurato martedì 26 ottobre alle ore 18:00.

L’evento, patrocinato dalla Città di Treviso, coinvolge 14 artisti attivi in diverse discipline dell’arte contemporanea e propone un percorso individuale, dell’artista come dello spettatore, che viene richiamato da una curiosità e nell’inciampo con l’opera d’arte deve cercarsi e ritrovarsi.

Opendream, promotore dell’iniziativa con la propria sezione Art, si è rivelato essere il contenitore più adatto per ospitare questo viaggio nella contemporaneità: un ex luogo di lavoro ora rigenerato e diventato spazio pubblico polifunzionale, in cui idee e progetti, produzione e creatività trovano una vetrina internazionale.

La mostra

NON C’È + NESSUN VIRGILIO A GUIDARCI NELL’INFERNO prende il titolo da una scritta a spray sul muro di una casa popolare nel sestiere veneziano di Cannaregio. E tale proposizione meglio incarna il senso di questa iniziativa, ossia la metafora dantesca che invita a entrare e a transitare alla ricerca di una guida che in realtà non c’è. Lo scopo del progetto è quello di ridefinire la percezione comune dello stare al mondo, ricalibrando gli equilibri tra i diversi attori in gioco, stimolando il visitatore attraverso la partecipazione attiva alla mostra e proponendo pratiche multiformi dell’arte contemporanea.

Sono 5 i Passi da fare, esaltando l’individualità dell’artista che mette la sua opera in un contesto comune ma anche quella dello spettatore che prova a ritrovarsi nelle creazioni. Il visitatore si accorge che il presente è formato da mancanza di certezze e di guide ma scopre che attraverso il percorso multidisciplinare può ottenere gli strumenti per reagire.

Il percorso espositivo

Gli artisti, invitati a creare un’architettura ulteriore rispetto al piano curatoriale, lavorano tra griglie orizzontali e verticali confrontandosi ed esprimendosi mediante pittura, scultura, fotografia, installazione e azione, per un’esperienza pluridisciplinare, vero nutrimento atto a donarci gli strumenti di reazione a questo tempo sospeso: analisi, adattamento all’ambiente, abbandono delle certezze, partecipazione collettiva di organismi singoli, crescita nelle differenze, predisposizione allo stupore.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter