Sentiero del Fronte. Dal Falzarego al Lagazuoi. Una finestra sulle Dolomiti.

Si parte dal Passo Falzarego e si percorre con calma (fermandosi a prendere fiato) e fotografando con gli occhi (o con la fotocamera) le meravigliose Dolomiti Bellunesi . Un percorso che riempira’ i vostri occhi e la vostra anima di bellezza e di amore per queste meravigliose montagne che solo noi abbiamo la fortuna di avere nel nostro #Veneto . Viviamo in un Paradiso Terrestre. Godiamocelo, riscopriamolo, valorizziamolo  in questi mesi estivi di riapertura e di rinascita Sentiero del Fronte

Si parte dal PASSO FALZAREGO

Sentiero del Fronte

Questo ampio e ben marcato sentiero che percorre la linea del fronte sul Lagazuoi durante la Grande Guerra, non presenta situazioni di pericolo e può essere percorso da tutti.

                  I DETTAGLI UTILI E LE OPZIONI DI SALITA E DISCESA

Al passo Falzarego, accanto al parcheggio della funivia Lagazuoi, inizia il sentiero ben segnalato n. 402 che si percorre senza alcuna difficoltà fino alla forcella Travenanzes (quota 2507 m).

Si svolta a sinistra sul sentiero n. 401 e si raggiunge la forcella Lagazuoi (quota 2572).

Le CINQUE TORRI, visibili dopo poco tempo dalla PARTENZA

Proseguendo si arriva al rifugio Lagazuoi (vicinissimo alla stazione a monte della funivia Lagazuoi) e con una breve passeggiata da qui si raggiunge la croce di vetta della cima del Piccolo Lagazuoi (quota 2778 m), stupendo punto panoramico che spazia dalla Civetta al Pelmo, dall’ Antelao alle Tofane, dalle Odle a al Sella ed al gruppo dell’Alpe di Fanes.

La discesa si può effettuare per lo stesso itinerario di salita, raddoppiando il tempo di percorrenza,oppure in funivia.

Il Lagazuoi è una montagna senza barriere: la funivia, le sale espositive Lagazuoi EXPO Dolomiti, il rifugio Lagazuoi e  persino il sentiero che porta alla vetta sono accessibili a tutti, anche con passeggini e sedie a rotelle!

Questo ampio e ben marcato sentiero che percorre la linea del fronte sul Lagazuoi durante la Grande Guerra, non presenta situazioni di pericolo e può essere percorso da tutti.

Al passo Falzarego, accanto al parcheggio della funivia Lagazuoi, inizia il sentiero ben segnalato n. 402 che si percorre senza alcuna difficoltà fino alla forcella Travenanzes (quota 2507 m).

Si svolta a sinistra sul sentiero n. 401 e si raggiunge la forcella Lagazuoi (quota 2572).

Proseguendo si arriva al rifugio Lagazuoi (vicinissimo alla stazione a monte della funivia Lagazuoi) e con una breve passeggiata da qui si raggiunge la croce di vetta della cima del Piccolo Lagazuoi (quota 2778 m), stupendo punto panoramico che spazia dalla Civetta al Pelmo, dall’ Antelao alle Tofane, dalle Odle a al Sella ed al gruppo dell’Alpe di Fanes.

La discesa si può effettuare per lo stesso itinerario di salita, raddoppiando il tempo di percorrenza,oppure in funivia.

Cartina del Lagazuoi  >>> 

Il Lagazuoi è una montagna senza barriere: la funivia, le sale espositive Lagazuoi EXPO Dolomiti, il rifugio Lagazuoi e  persino il sentiero che porta alla vetta sono accessibili a tutti, anche con passeggini e sedie a rotelle!

IL RIFUGIO LAGAZUOI

SCHEDA

Punto di partenza Passo Falzarego, piazzale della Funivia

Punto di arrivo Passo Falzarego, piazzale della Funivia

Tempo di percorrenza 1,30 h

Segnavia CAI 402,401

Dislivello totale 661 m

Quota minima 2117 m

Quota massima 2778 m

Tempi di percorrenza: Andata: Passo Falzarego – Rifugio Lagazuoi: Sentieri 402-401 – 2 ore.Ritorno 1: Rifugio Lagazuoi – Passo Falzarego: lungo i sentieri 401 e 402 – 1h 15′

Ritorno 2: Rifugio Lagazuoi – Passo Falzarego: attraverso la Galleria di Guerra – 1h 30′

Totale AR1: 3h 15′ Totale AR2: 3h 30′

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter