Presentato LIFE VAIA a Fiera e Festival delle Foreste 2021

Il Progetto LIFE VAIA

Nell’ambito dell’ampio programma di “Fiera & Festival Foreste 2021” ha preso il via il progetto LIFE VAIA (acronimo di Valuing Afforestation of damaged woods with Innovative Agroforestry – Valorizzare l’imboschimento dei boschi danneggiati con l’Agroforestazione Innovativa). Introdotto da Maurizio Malè di Venetian Cluster il LIFE VAIA si si concentra sull’adattamento delle aree forestali ad eventi meteorologici estremi implementando concetti di agroforestazione innovativi. L’approccio innovativo si basa su misure agroforestali “temporanee” (15/20 anni) fino alla crescita degli alberi forestali, e finalizzate alla preservazione dell’ecosistema, tutela della biodiversità e sviluppo di filiere produttive in particolare nell’ambito della apicoltura e dei piccoli frutti per la trasformazione. L’obiettivo principale del progetto è puntare a sviluppare e valorizzare i prodotti e i servizi sostenibili nelle aree boschive distrutte da eventi naturali, aumentando così la resilienza ecologica, economica e sociale  degli ecosistemi forestali al fine di affrontare i cambiamenti climatici. Il progetto della durata di cinque anni, con un budget di quasi 6 milioni di euro, vede quale soggetto capofila l’Azienda Rigoni di Asiago e tra i partner, oltre a Veneto Agricoltura, altri nove soggetti: Università di Padova-Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF); Fondazione Edmund Mach (Tn); Comune di Asiago; Comune di Gallio; Association Française d’Agroforesterie (Francia); World Biodiversity Association (WBA); Fiera Longarone Dolomiti; Università di Santiago di Compostela (Spagna) e, appunto,  Venetian Cluster. Francia, Spagna, Italia (Veneto e Trentino-Alto Adige) sono i capofila di un’operazione che può, in estrema sintesi, ricostruire, nelle aree colpite da disastri naturali, il manto forestale con specie e varietà vegetali più adatte al clima di oggi e a quello futuro. Il progetto LIFE VAIA rappresenta un’importante opportunità per il territorio veneto che vede la ricaduta di 3,5 milioni di euro, risorse che saranno rivolte a riparare i danni subiti dalla tempesta VAIA di fine 2018 e essere un esempio trasferibile nei Paesi dell’Unione Europea. Dopo l’intervento di Andrea Rigoni, Ceo della Rigoni di Asiago sul contributo privato per migliorare l’economia forestale attraverso idee innovative, è stata la volta di Giustino Mezzalira, Direttore “Ricerca e Gestioni Agro-Forestali”  di Veneto Agricoltura. «Recuperare le foreste dopo i disastri attraverso nuove metodologie per la sostenibilità futura è un nostro preciso dovere. Non possiamo permetterci di perdere un patrimonio che fa parte non solo della nostra storia ma di quella di tutto il Mondo. LIFE VAIA è un’occasione più unica che rara per confrontarsi anche fuori dai nostri confini e trovare soluzioni biocompatibile e a impatto zero per restituire alla natura quello che un evento meteorologico devastante come è stato appunto Vaia. Il progetto ci permetterà anche di monitorare con più precisione la possibilità di catastrofi ambientali dovute al cambiamento climatico con un lasso di tempo che ci può permettere di intervenire con prontezza». Il progetto coinvolgerà tutti i partners fino al 2026. Nella speranza che se ne aggiungano altri a tutela del nostro patrimonio forestale e boschivo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter