Galleria Vittorio Emanuele III

La Galleria Vittorio Emanuele III è un’opera di fortificazione militare veramente grandiosa, realizzata in 10 mesi, a partire dal novembre 1917. Fu progettata dal Col. del Genio Nicola Gavotti per potenziare la difesa del massiccio del Grappa.

Ha uno sviluppo in galleria di circa 5 Km, consta di un braccio principale di m. 1.500, da cui si irradiano numerosi rami secondari, verso le postazioni dei pezzi di artiglieria e delle mitragliatrici, gli osservatori e gli sbocchi per sortite controffensive. Per realizzare la galleria, ricavata al di sotto della Cima Grappa, alta m. 3 e larga da 1,80 a 2,50 m,. fu necessario asportare circa 40.000 metri cubi di roccia impiegando 24 perforatrici meccaniche. Essa venne armata e dotata di impianti tecnici e logistici tali da consentire ai reparti in caverna (circa 15.000 uomini con 72 cannoni e 70 mitragliatrici) la vita ed il combattimento per lungo tempo.

Gli approntamenti difensivi della galleria concorsero efficacemente ad assicurare il possesso dell’importante massiccio nel corso della seconda e della terza battaglia del Grappa. Oggi solo parte del braccio principale, adeguatamente illuminato, è normalmente visitabile.

Accanto all’ingresso della galleria sorge il cippo che ricorda i 600 Partigiani caduti sul Grappa nel periodo 1943-1945.

Purtroppo non è possibile la visita completa della galleria a causa di alcune frane e sbarramenti artificiali. Solo il primo tratto è visitabile in sicurezza, altri due tratti sono solo per esperti ben equipaggiati. La piantina posta all’ingresso, ma anche più all’interno della galleria, danno bene un’idea di quanto fosse imponente questa fortificazione. Una diramazione della galleria porta al vecchio sacrario sotterraneo costruito nel 1925 ed abbandonato per le troppe infiltrazioni d’acqua.

E’ possibile accedere alla galleria dalle 10 alle 15 (estate) e dalle 10 alle 18 (inverno). Ma se arrivate e trovate ancora chiuso chiedete ai militari di servizio al vicino museo che vi apriranno e vi daranno tutte le spiegazioni necessarie.

La visita alla galleria dura circa 40 minuti, ma dopo è consigliato visitare il vicino museo per approfondire i fatti e l’equipaggiamento di quel periodo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter