Cortina s’accende di rosa per il countdown al tappone dolomitico del 24 maggio 2021

Manca meno di un mese ormai alla partenza del Giro d’Italia, che toccherà la Regina nel tappone Dolomitico Classico: con i suoi 212 km e 5700 m di dislivello, sarà la tappa più impegnativa della competizione.

Manca meno di un mese alla partenza del Giro d’Italia, e le località toccate celebrano l’attesa tingendosi di rosa. Cortina sceglie di illuminare il Campanile della Basilica dei Santi Filippo e Giacomo, in Corso Italia, per unirsi al coro delle altre località del circuito, e mandare all’Italia un messaggio di luce, di colore e di speranza.

Un messaggio che parte dalle origini, nell’anno del 160° anniversario dell’Unità d’Italia e della novantesima celebrazione dell’iconica Maglia Rosa, che guarda a un futuro in cui lo sport possa rappresentare la rinascita economica e culturale del paese.

Un messaggio caro alla destinazione Ampezzana, che nel proprio dna vanta i valori più profondi dello sport, e che si appresta ad ospitare i più prestigiosi eventi sportivi dei prossimi anni.

Ci ha pensato Enel, sponsor del Giro e già partner del Comune di Cortina, a illuminare di rosa il Campanile della Basilica, scelto dalla comunità come simbolo di identità storica della conca.

Alcune curiosità sul campanile: Inaugurato nel 1858 (il precedente risaliva al XII secolo e fu abbattuto nel 1849) si innalza per 65,80 metri e per rivestire la sfera sommitale furono fusi, a Innsbruck, ben 60 ducati d’oro. Anche le campane provengono da Innsbruck e suonarono per la prima volta il 19 novembre del 1858, per festeggiare l’onomastico dell’imperatrice Elisabetta di Wittelsbach, “Sissi”. L’orologio risale agli anni Sessanta e diffonde la musica del Big Ben di Londra.

Photo Credit: Gianluca Lorenzi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter