Arredamont: inaugurata oggi con il Ministro D’Incà

La casa in montagna è un angolo di paradiso, uno squarcio di bellezza, un sogno che diventa realtà.

(30 ottobre – 7 novembre 2021)

Anche in un anno difficile come questo, Arredamont riesce ad essere un’esposizione completa e moderna dedicata all’arredamento, ai complementi, ai tessuti e all’oggettistica delle case di montagna. L’evento è dedicato a chi vuole arredare la propria abitazione e agli operatori del settore turistico sempre più attenti all’arredamento delle proprie strutture ricettive. Arredamont è storia. La storia di un appuntamento unico nel suo genere in Italia che propone ai visitatori le novità del settore arredamento in legno presentando prodotti originali accanto ai mobili e complementi d’arredo tradizionali. Ogni curiosità, ogni novità trova il suo giusto posto. Anche attraverso gli attesissimi eventi che fanno da cornice alla manifestazione. Con il taglio del nastro da parte dell’On. Federico D’Incà ha preso il via la 43° edizione oggi sabato 30 ottobre che si concluderà domenica 7 novembre.

Nel suo intervento il Ministro per i Rapporti con il Parlamento, ha voluto specificare: «Il settore fiere era rimasto fermo troppo tempo e camminare oggi tra 178 aziende è un’emozione immensa. È il momento di essere orgogliosi perché è la dimostrazione che tutti abbiamo voglia di tornare a vivere e di vedere di nuovo vivere le nostre foreste, di continuare a coltivare il nostro amore per il legno, il bosco, i suoi colori. In un Paese che sta facendo il salto, Arredamont è l’esempio da seguire. Non dobbiamo aver paura, non dobbiamo nasconderci. L’Italia è storia, non solo passata ma futura. E questa storia l’ha scritta anche la montagna, l’ha scritta Arredamont e la esporta a livello internazionale. In queste ore in cui ci stiamo preparando ad ospitare il G20 non possiamo dimenticarci che ospiteremo le Olimpiadi, l’evento sportivo più importante del Pianeta e combatteremo con tutte le nostre possibilità perché tutti i settori legati a questi magnifici posti vengano potenziati e non “abbandonati” al loro destino. Una sfida? Si, una sfida che vogliamo e possiamo vincere. Restando uniti e portando eccellenze come Arredamont ad esempi di eccellenze internazionali. Per cui, ben tornata Arredamont!».

In apertura della cerimonia, il primo, doveroso, saluto è quello del Presidente di Longarone Fiere Dolomiti, Gian Angelo Bellati: «È un evento molto importante. Non è la prima dopo il forzato lockdown ma è rappresentativa del fatto che, piano piano, stiamo tornando alla vita normale. Per noi parlano i numeri di questa 43° edizione: 147 imprese (di cui alcune arrivate all’ultimo minuto perché in questo periodo di emergenza sanitaria molti decidono all’ultimo momento), ma abbiamo con noi anche 178 marchi di prestigio. Ci sono aziende provenienti da 12 Regioni italiane e 6 Paesi esteri. La nostra forza è presentare e rappresentare prodotti che sono tipici della natura delle nostre montagne: ed è certamente questo il nostro tratto distintivo, lo stesso tratto peculiare che rende Arredamont un appuntamento unico nel mondo fieristico, anche di pianura».

Assente il Presidente Zaia per impegni inderogabili, ha affidato a una lettera la sua soddisfazione per la ripresa di Arredamont: «I mobili e gli arredi di montagna hanno il loro appeal e sono frutto di un artigiano creativo ma anche ingegnoso che sa cogliere le richieste di un mercato globale in continua evoluzione. Questo arredamento è anche l’espressione delle montagne più belle del mondo, le nostre Dolomiti, patrimonio dell’Umanità Unesco. Questa è, dunque, una fiera che diventa un volano attrattivo per conoscere il nostro territorio e apprezzarne la ricchezza paesaggistica e culturale. È anche un’occasione di riflessione sulle tematiche legate al legno, una materia prima che è parte del nostro vissuto e che va tutelata, dando vita a una produzione sempre più sostenibile».

È poi la volta del Sindaco di Longarone e presidente della Provincia di Belluno Roberto Padrin: «Questa mattina sono arrivato qui con molta emozione nel cuore nel rivedere riaprire al 100% dopo quasi due anni questi padiglioni. C’è tanta voglia di fiera e questo per me è molto importante: tante aziende ci chiedono di continuare e di partecipare e noi vogliamo accontentarle e andare avanti insieme a loro. Partendo oggi e aspettando l’appuntamento “storico” con la MIG posso solo prevedere un futuro roseo per la Fiera di Longarone».

Per sottolineare l’importanza dell’appuntamento di Arredamont, ha voluto essere presente anche il Presidente di Confcommercio Belluno, Paolo Doglioni che vede in questa 43° edizione un’occasione unica per ripartire ancora più forti. «Non esiste “una” montagna – ha detto Doglioni – senza manifestazioni come queste. Perché la montagna non vive fine a sé stessa ma perché legata alla ricchezza che produce, una ricchezza non solo per Arredamont o per Belluno e per il Veneto, ma per tutta l’Italia. Il rumore del silenzio, la poesia del bosco sono patrimonio di tutto il Mondo».

Ad intervenire è quindi l’On. Roger De Menech, la cui presenza ad Arredamont è per lui sempre motivo di orgoglio. Proprio da questo suo amore per la montagna nascono le sue parole: «Credo che Arredamont e la Fiera siano gli orizzonti che dobbiamo vedere nella nostra provincia. Dobbiamo coltivare queste “nicchie” dove troviamo quell’attrattiva culturale e di eccellenza che solo qui possiamo ricercare. Dietro Arredamont non ci sono solo gli stand ma un futuro da cogliere per non perdere la nostra provincia. Dopo la pandemia che stiamo ancora combattendo, pur vedendo la fine del tunnel, ci siamo accorti dei cambiamenti sociali ed umani e far incontrare questa domanda con la risposta è il futuro che dobbiamo stringere nelle nostre mani per vincere insieme questa sfida».

Dopo l’On. De Menech la parola arriva all’Europarlamentare Gianantonio Da Re. «Arredamont è il trampolino ideale per ripartire non solo per la provincia di Belluno ma per tutto un territorio. Perché abbiamo le caratteristiche d’eccellenza che sono solo nostre. Quindi grazie alla fiera che è la più grande vetrina per mostrare al Mondo quale sia il vero potenziale delle nostre Dolomiti».

Arredamont continua domani e lunedì con orario 10-19, per aprire i pomeriggi feriali fino a venerdì 5 novembre dalle 14 alle 19. Chiuderà col fine settimana del 6 e 7 novembre, orario 10-19.

Arredamont è anche digital online su: https://virtual.arredamont.it

Prevendita online su: http://www.2tickets.it/arredamont.aspx

Altre info su:

www.arredamont.it

www.facebook.com/arredamont.longaronefiere

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter