Il mondo di Arlecchino con Soleri e Boso – 25 febbraio 2019 a Padova

UN’OCCASIONE IMPERDIBILE

Soleri e Boso : oltre cinquant’anni di storia vissuti tra realtà e finzione.

Centinaia sono state le città in tutto il pianeta dove Ferruccio Soleri e Carlo Boso si sono esibiti sotto l’egida del Piccolo Teatro di Milano quali ambasciatori preferenziali di una forma di spettacolo, la Commedia dell’Arte, che tanto ha contribuito a rendere famoso il teatro e la cultura italiana nel mondo. Soleri è poi diventato uno dei più grandi Arlecchini della storia del teatro mondiale e Boso si è trasferito in Francia aprendo una sua Accademia, l’AIDAS.

Oggi grazie all’Accademia del teatro in lingua veneta, l’Artista e il Corsaro si ritroveranno nuovamente sulla scena per narrare la loro storia e far rivivere i personaggi che li hanno resi famosi nel Mondo di Arlecchino e di tutti coloro che amano questo bene prezioso dell’umanità denominato TEATRO.

Si consiglia la prenotazione data la dimensione del Ridotto.

tel 348 4238334

direzione@accademiateatroveneto.it

 

 

FERRUCCIO  SOLERI

“Arlecchino servitore di due padroni”, spettacolo del Piccolo Teatro di Milano da Guinness dei primati: la prima rappresentazione risale al 1947, poi rappresentato in tutto il mondo. Ferruccio Soleri, attore di straordinaria agilità fisica e duttilità interpretativa, uscito dall’Accademia Sivio D’Amico, venne scelto da Giorgio Strehler nel 1959 come sostituto di Marcello Moretti per il ruolo di  protagonista nel “Servitore di due padroni” di Carlo Goldoni.
Soleri dava il cambio a Moretti una volta alla settimana, per poi sostituirlo alla sua scomparsa. Da allora è stato indimenticabile Arlecchino per quasi tremila repliche in 40 paesi. Nel 2018 all’età di 91 anni  ha passato il testimone a Enrico Bonavera. È lo spettacolo strehleriano più amato all’estero, «perché è come la pizza – commenta lo stesso Soleri – incarna l’italianità più genuina, l’arte di arrangiarsi con inventiva e un pizzico di furbizia. E poi il linguaggio goldoniano può essere capito da tutti: persino dal pubblico cinese, che in una delle tournée, all’inizio della rappresentazione leggeva i sottotitoli, poi li abbandonava, tanto capiva lo stesso il senso.

 

 

CARLO BOSO

Attore, regista e direttore artistico del teatro TAG di  Venezia dal 1983 al 1992, periodo nel quale è stato responsabile artistico dell’animazione teatrale dell’appena rinato Carnevale  di Venezia con Scaparro. È certamente una delle personalità che più ha contribuito alla riscoperta e  valorizzazione della Commedia dell’Arte. Nato a Vicenza nel 1946, si è formato alla scuola del Piccolo Teatro di Milano col quale ha lavorato dal ‘78 all’ 82 come attore. Nel1983 ha fondato  il gruppo TAG Teatro che ha realizzato nel corso degli anni molti   canovacci, spettacoli tuttora indimenticati che hanno partecipato ai più rinomati festival in Italia e  all’estero, quali “Il falso magnifico”, “Scaramuccia” e “La pazzia di Isabella”. Del TAG facevano parte attori divenuti poi molto famosi quali Eleonora Fuser, Eugenio Allegri,  Adriano Jurissevich. Dal 1982 Boso vive a Parigi e lavora tra Francia, Italia, Austria, Spagna, Grecia, Inghilterra, Canada, Belgio, Corea, Messico in qualità di regista e direttore dell’AIDAS-Académie Internationale des Arts du Spectacle che partecipa ogni anno al Festival di Avignone con i propri spettacoli.

 

Accademia del teatro in lingua veneta
c/o ASI, P.le Stazione 7 35131 Padova
cell. 348/4238334 – 347/9756989
www.accademiateatroveneto.it
PEC info@pec.accademiateatroveneto.it

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

_______


Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.

_______


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______