‘I cieli di Miyazaki’ in mostra a Treviso fino al 10 marzo 2015

I cieli di Miyazaki

tributo di 33 artisti al maestro giapponese

L’esposizione di acquerelli, chine, matite, disegni digitali
fino al 10 marzo nella sede del
centro culturale Ikiya a Treviso

‘Un’imperdibile mostra-tributo che raccoglie artisti italiani e stranieri per celebrare le opere animate del genio Hayao Miyazaki, fondatore dello Studio Ghibli che con il suo ultimo lungometraggio “Si alza il vento” si ritira dalla scena. Un artista che ha saputo trasmettere emozioni indescrivibili attraverso l’animazione tradizionale giapponese ed è riuscito a emozionare e trasportare lo spettatore in mondi onirici, fatti di meraviglia e stupore. Qualunque età si abbia, i suoi film sono in grado di risvegliare il sogno celato in ognuno di noi, dal quale non vorremmo mai più destarci.’ Mika Madden

Ci ha commosso con “La principessa Mononoke”, ci ha fatto sognare con “Il Castello errante di Howl” e sorridere con “Ponyo sulla scogliera”, e ha conquistato le platee di adulti e bambini in tutto il mondo con “La città incantata”, premio Oscar come miglior film d’animazione nel 2003. È lunga e costellata di successi la produzione del regista giapponese Hayao Miyazaki, che ha “disegnato” l’immaginario collettivo di intere generazioni a partire dal capolavoro della serie animata “Conan, il ragazzo del futuro”, che negli anni Ottanta raccolse molti consensi anche in Italia. Per celebrare la figura di questo amato cineasta, a un anno esatto dal suo Oscar alla carriera, il centro culturale Nipponbashi ospita nei locali del cenro Ikiya a Treviso (in via Manzoni 52)  la mostra d’illustrazioni “I cieli di Miyazaki” . L’artista trevigiana Mika Madden, al secolo Mara Candeago, ha curato l’esposizione selezionando 33 opere di illustratori italiani e stranieri, che si sono ispirati all’universo visivo del regista esprimendosi attraverso diverse tecniche, dall’acquerello alla china, dalla matita al digitale. L’opera di Miyazaki però non si distingue solo per la sua cifra stilistica e il suo tratto artistico, che ne rende i cartoni animati universalmente riconoscibili, ma anche per le tematiche ambientali che ne conservano intatta la modernità nel tempo.

Aspetto che ha conquistato la titolare di Ikiya, Elisabetta Grosso, che ha deciso di ospitare la mostra perché «il maestro Miyazaki ha affrontato questioni particolari e spesso non facili, infatti nei suoi film emerge una critica per l’eccessivo sviluppo urbanistico e industriale e per la minaccia dell’inquinamento, con una condanna per l’operato umano».

Tra i suoi lavori più recenti ricordiamo i film d’animazione “The borrowers” e “Arrietty”, entrambi del 2011, mentre all’inizio di settembre 2013, contemporaneamente all’uscita del suo ultimo lungometraggio “Si alza il vento”, presentato a Venezia, il regista annunciava il suo ritiro dall’attività cinematografica. «La nostra mostra è un tributo allo Studio Ghibli e all’uscita dalla scena del suo geniale fondatore Miyazaki» spiega la curatrice Candeao «Un artista che ha saputo, attraverso l’animazione tradizionale giapponese, emozionare e trasportare lo spettatore in mondi onirici in grado di risvegliare il sogno celato in ognuno di noi».

La mostra è aperta con ingresso gratuito fino al 10 marzo, dal martedì al sabato ore 10-20 e la domenica ore 15-20.

Tratto dall’articolo di Elena Grassi per www.tribunatreviso.it

Gli artisti che hanno collaborato alla realizzazione della mostra sono:

Marisa Erven
Moremita Tiazzoldi
Noemi Gambini
Jimena Sanchez
Wai Kit
Federico Tram
Marika Tantecosebelle
Luciana Nascimento
Diane Bishop
Krayon Rojo
Ismini Sigala
Maria Andree Paiz
Dave Carr
Alexandra Ferreira
Carlotta Rossi
João Gabriel Souza
Tarcila Neves
Ismini Sigala
James A. Castillo Murphy
Sonia Baretti
Mika Madden
Pocket Clouds
kitsune art
Claudio Bandoli
The art of Angi Pauly
Felideus Bubatis
Jezabel Nekranea
Joysuke
Dani Nero
Nelson Cordeiro
Filipe Laurentino
Beatrice Bogoni
Francesca Marina Costa

Per maggiori info: www. ikiya.it

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

_______


Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.

_______


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______