Il Giro del Lago di Santa Croce 2020 si presenta a “Itinerando”, il multisalone del turismo di Padova

Dal 31 gennaio al 2 febbraio 2020 il Comitato Alpago 2 ruote & solidarietà sarà presente con un proprio stand, in collaborazione con la Consulta Giovani dell’Alpago e con l’Aics, a “Itinerando“, il multisalone del turismo in movimento della Fiera di Padova. Per il comitato guidato dal presidente Ennio Soccal si tratta del primo evento promozionale dell’edizione 2020 del Giro del Lago di Santa Croce, evento dedicato a ciclisti, podisti e pattinatori che si svolgerà domenica 16 agosto e che celebrerà l’edizione numero 26.

“Come già lo scorso anno, la nostra partecipazione a “Itinerando” è un’opportunità notevolissima per far conoscere il Giro del Lago e le sue finalità, ma anche il territorio dell’Alpago, a una platea vasta che va oltre i confini regionali” dice il presidente Soccal.
“Il lavoro per l’edizione numero 26 è iniziato all’indomani della partecipatissima 25.ma edizione, edizione nella quella abbiamo registrato il record di concorrenti, ma in queste prime settimane del 2020 entra nella sua fase più intensa. E’ confermata la collaborazione con la Via di Natale di Aviano e all’associazione Cucchini di Belluno, le due realtà che si occupano dell’assistenza ai malati oncologici e ai loro familiari, con le quali da tempo abbiamo stretto una collaborazione intensa e proficua”.

Grazie alla partecipazione di 5.049 concorrenti, lo scorso anno il comitato Alpago 2 Ruote & Solidarietà ha potuto raccogliere ben 35.343 euro (questo il ricavato delle iscrizioni, 7 euro a persona), poi equamente divisi tra le due associazioni.

Per maggiori info:

WWW.2RUOTEALPAGO.IT

 


Percorso

L’ormai collaudato percorso del Giro del Lago di Santa Croce, versione cicloturistica e corsa a piedi su strada, vede la partenza dalla centrale piazza Papa Luciani di Puos d’Alpago, per toccare poi nell’ordine le località di Farra d’Alpago, Pojatte, Santa Croce del Lago, La Secca, Bastia d’Alpago, prima di fare ritorno, dopo 17,4 km, a Puos d’Alpago, con arrivo nella piazza principalie del paese.

La pedonata, proposta dall’organizzazione a grande richiesta dal 2017, vede accomunata con il classico Giro del Lago di Santa Croce la partenza e l’arrivo. Il percorso, lungo 7 km, corre lungo l’argine del torrente Tesa da Puos verso Farra, attraversa poi la suggestiva oasi naturalistica a ridosso del lago di Santa Croce, prima di giungere all’abitato di Bastia e risalire lungo la pista ciclabile verso l’arrivo di Puos.

Il giro con i pattini a rotelle, novità introdotta dall’organizazzione quest’anno, vede accomunata con il classico Giro del Lago di Santa Croce la partenza e l’arrivo. Il tracciato, lungo 2,4 km, da ripetere due volte, per un totale di 4,8 km, è interamente pianeggiate e su strada asfaltata. Si snoda lungo via al Lago, da Puos verso Farra, percorre via Cavour, prima di immettersi in via Roma, il rettilineo che conduce verso l’arrivo di Puos.

____________

L’Alpago


Un’ampia conca naturale che si apre immediatamente a nord della Sella di Fadalto, svelando al viaggiatore un panorama vario ed affascinante: il Lago di Santa Croce, un largo e tranquillo specchio d’acqua solcato, nei mesi estivi da vele e windsurf, i boschi del Cansiglio, densi e variegati nelle forme e nei colori delle tante e diverse piante che vi vegetano, e pullulanti della vita frenetica di mille specie animali, dagli insetti ai grandi mammiferi; il lento susseguirsi delle colline, puntellate di villaggi ed abitazioni sparse; il solenne e maestoso ergersi delle cime montuose, che fungono da sfondo, delimitano e coronano il paesaggio.Proprio questa grande varietà d’ambienti rende l’Alpago un luogo ideale per trascorrere vacanze veramente indimenticabili: ognuno può trovarvi stimoli e possibilità per visite istruttive o passeggiate distensive, per praticare un’attività sportiva oppure partecipare ad una manifestazione interessante, toccante o curiosa, per gustare le deliziose specialità locali oppure semplicemente bearsi della vista di quest’angolo di paradiso assaporando l’aria, purissima e frizzante, raddolcita dal profumo dell’erba e dei fiori.Puos d’Alpago inserito al centro di questa cornice paesaggistica di gran fascino è il punto di ritrovo per coloro che vogliono trascorrere qualche ora all’insegna della solidarietà, in compagnia di una bicicletta e di tanti amici.

Come arrivare in Alpago


L’uscita autostradale più vicina è l’uscita dell’autostrada A27 – Lago di S. Croce-Alpago.

  • Da Venezia e Treviso si percorre l’autostrada A27 in direzione Belluno, dopo Vittorio Veneto imboccare l’uscita per il Lago di S. Croce-Alpago.
  • Da Padova e Vicenza percorrere l’A4, uscita Mestre – Venezia areoporto Marco Polo, e imboccare l’A27.
  • Da Bolzano percorrere l’A22 fino allo svincolo Trento Nord, proseguire sulla strada provinciale 235 e sulla strada statale 12 per * Trento , immettersi nella strada statale 47 in direzione Feltre, a cui si arriva tramite le strade statali nell’ordine 50 bis e 50; da * Feltre proseguire in direzione Belluno verso Ponte nelle Alpi (strada statale 50) e l’Alpago (strada statale 51 e statale 422).
  • Da Dobbiaco percorrere la strada statale 51 fino a Venas di Cadore; da qui proseguire sulla statale 51 verso l’Alpago via Longarone e Ponte nelle Alpi.
  • Da San Candido percorrere la strada statale 52 fino ad Auronzo di Cadore, proseguire sulla statale 51 bis verso Lozzo di Cadore e sulla statale 51 verso Longarone via Ospitale di Cadore; da qui proseguire in direzione Alpago.
  • *Da Cortina percorrere la statale 51 fino a Pieve di Cadore, poi proseguire in direzione di Longarone e continuare seguendo le indicazioni per l’Alpago.
  • Dal Feltrino percorrere la statale 50 fino a Ponte nelle Alpi e poi imboccare la statale 51 in direzione del Lago di Santa Croce.
  • Da Tarvisio percorrere la strada statale 13 per Udine, immettersi a Casarsa della Delizia sulla A28, uscita allo svincolo di Conegliano; da qui proseguire sulla A27.


Per tutti i dettagli sull’evento, foto e video:
www.2ruotealpago.it



MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui



Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it