Quattro Campioni Olimpici per l’inchino del Giro d’italia al Muro di Ca’ del Poggio

Quattro Campioni Olimpici per l’inchino del Giro d’italia al Muro di Ca’ del Poggio

articolo collegato:
Ca’ del Poggio, uno spettacolo colorato di rosa.
E il C.T. Cassani pronostica: “Vincera’ Quintana”

_____

Passaggio clou sulla salita simbolo della terra del Prosecco per la tappa che mercoledì 28 maggio si concluderà a Vittorio Veneto. Attesi migliaia di appassionati e un gran numero di campioni d’altri sport, a partire dagli olimpionici Igor Cassina, Silvio Fauner, Pietro Piller Cottrer e Oscar De Pellegrin

Insieme, fanno 12 medaglie olimpiche. Cinque delle quali d’oro: dalla ginnastica allo sci nordico, al tiro con l’arco. Il Giro d’Italia, per Igor Cassina, Silvio Fauner, Pietro Piller Cottrer e Oscar De Pellegrin, è un appuntamento da non perdere.

Anche per questo, Cassina (oro alla sbarra ad Atene), Fauner (primo con la staffetta 4×10 km sulle nevi di Lillehammer), il collega di specialità Piller Cottrer (vincitore nella staffetta ai Giochi di Torino) e De Pellegrin (titolo a squadre alla Paralimpiade di Sydney e individuale a Londra nel tiro con l’arco) saranno sul Muro di Ca’ del Poggio, in occasione della 17^ tappa della corsa rosa: quella che dopodomani, mercoledì 28 maggio, porterà i ciclisti da Sarnonico a Vittorio Veneto.

La celebre salita di San Pietro di Feletto, simbolo della terra del Prosecco, a venti chilometri dal traguardo, assegnerà il terzo e ultimo Gran premio della montagna di giornata. Lungo la striscia d’asfalto che s’inerpica tra i vigneti (sviluppo di 1,3 km, con pendenza media del 15% e punte del 19%) si giocheranno, con ogni probabilità, i destini della tappa trevigiana.

Al terzo passaggio del Giro d’Italia negli ultimi cinque anni, il Muro di Ca’ del Poggio è ormai diventato un’attrazione che, quando a popolarità, segue da vicino le mitiche salite alpine. Dal Muro, il panorama spazia per 180 gradi, regalando una visione unica delle colline del Prosecco. Il resto, lo farà il fascino del Giro.

Per l’ennesimo passaggio della corsa rosa è attesa una cornice di migliaia di persone: e, ai tanti appassionati pronti ad applaudire il transito dei ciclisti, si aggiungerà un autentico “parterre de roi” di campioni dello sport.

Alle quattro stelle olimpiche, si aggiungeranno infatti un trio di ex campioni del pallone, i milanisti Pierino Prati, Filippo Galli e Stefanio Eranio; la dieci volte iridata di pattinaggio artistico inline, Silvia Marangoni; la sprinter Manuela Levorato; l’ex arbitro di calcio, Gabriele Gava, e un ciclista di primo piano: il coneglianese Sacha Modolo, in preparazione per il Tour de France.

Tra gli appassionati che mercoledì prenderanno d’assalto Ca’ del Poggio, ci saranno anche i tifosi di Davide Malacarne, il ciclista bellunese già protagonista otto giorni fa con il secondo posto nella tappa appenninica di Sestola. Malacarne ha promesso battaglia: “Ho dato appuntamento al mio fans club sul Muro – ha detto il ciclista feltrino -. Sogno di transitarvi in testa al gruppo”.

Il passaggio del Giro a Ca’ del Poggio avverrà tra le 16.30 e le 17. Poco prima, alle 15.30, farà tappa sul Muro la Carovana rosa. Sarà solo la prima giornata di una doppia festa rosa. Sabato 31 maggio, giorno della tappa con arrivo sul monte Zoncolan, Ca’ del Poggio Ristorante & Resort ospiterà l’edizione numero uno di “PROSA | PROSECCO & ROSA”, serata evento dedicata ai vini più ambiti e desiderati dell’estate, il Prosecco e i Rosè, con trenta cantine che faranno conoscere e degustare i loro prodotti d’eccellenza in una serata che si preannuncia indimenticabile.

 

 

CA’ DEL POGGIO, DOVE IL PROSECCO INCONTRA IL MARE

Via dei Pascoli, 8 – 31020 San Pietro di Feletto (TV)
Ristorante Tel. +39 0438 486795
Hotel Tel. +39 0438 787154

ristorante@cadelpoggio.itwww.cadelpoggio.ithotel@cadelpoggio.it

___________

Ristorante Relais Cà del Poggio

magnarben2014

Vista spettacolare, servizio professionale, cucina concreta. L’offerta del Relais Ca del Poggio vince con questi requisiti, una garanzia costante negli anni e oggi c’è anche la nuova area adiacente dedicata all’accoglienza per un servizio d’ospitalità a 360°. Ma parliamo del ristorante fondato dalla famiglia Stocco molti anni fa: grandi vetrate, servizio raffinato ma allo stesso tempo famigliare, cucina solida. In sala Alberto ed in cucina Marco (mamma e papà comunque si vedono spesso nell’area accoglienza); Marco guida la cucina, classica di pesce ma con un tocco di ricerca. Dal menù apprezziamo: il piatto del crudo con carpaccio di branzino, scampi, gamberoni, canestrelli, ostriche; risotti all’onda stagionali, tagliolini al granchio, l’ombrina al forno o in cartoccio con porcini e olive, branzino al forno, gamberoni grigliati. In sala c’è Alberto che dirige il traffico e che cura un’ampia carta vini di 300 etichette che ben partono dalla Docg del territorio, in effetti il loro slogan è “dove il Prosecco incontra il mare”. Completa l’offerta il panoramico Hotel Villa del Poggio con 28 camere (3 suite), ampia terrazza panoramica e SPA.

Recensione tratta da Guida Magnar Ben – Best Of Alpe Adria 2014

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______