Festival di Serravalle 2014

articolo collegato:
Festival di Serravalle 2018

_______

FESTIVAL DI SERRAVALLE 2014

Teatro al Castello
Castrum di Serravalle – Vittorio Veneto (Tv)

XII edizione

“Maschere, lazzi e commedie”

dal 19 giugno al 24 luglio 2014

Il Festival di Serravalle – Teatro al Castello, sotto la direzione artistica di Luisa Baldi e con il sostegno della Regione del Veneto, RetEventi 2014 della Provincia di Treviso, la Città di Vittorio Veneto e Fondazione Antonveneta giunge quest’anno alla sua dodicesima edizione con una crescente risonanza di pubblico e di critica, divenuto ormai un punto fermo nel panorama teatrale italiano. Si svolge da sempre all’interno del giardino del Castrum di Serravalle, una fortezza medievale circondata da mura merlate che è al centro dell’antico borgo di Serravalle e domina la città di Vittorio Veneto.

Negli anni al Festival hanno partecipato i più importanti attori del teatro italiano: da Giorgio Albertazzi a Gabriele Lavia, da Antonio Salines a Beppe Barra, da Silvio Orlando a Natalino Balasso, da Ugo Pagliai a Carlo Simoni, da Monica Guerritore a Ottavia Fusco, da Mariangela D’Abbraccio a Debora Caprioglio, da Elisabetta Pozzi a Ivana Monti, ecc.

“Maschere e commedie – contaminazioni creative per un teatro popolare” è questo il filo conduttore della dodicesima edizione del Festival di Serravalle 2014 che si inaugura il 19 giugno alle ore 21.30 e proseguirà fino al 24 luglio.

Per ulteriori informazioni www.serravallefestival.it

Sei spettacoli di teatro popolare che trasporteranno il pubblico nella viva tradizione della Commedia dell’Arte e del teatro di maschera.

Commedie di tradizione alcune, altre catapultate nella contemporaneità, in ogni caso spettacoli che rispecchiano fedelmente i capisaldi del teatro popolare come le maschere, la mimica, l’improvvisazione e tutta l’attenzione rivolta ai personaggi che interpretano la realtà che tutti noi conosciamo e abbiamo vissuto.

Un festival che ospita compagnie di attori professionisti che lavorano in Italia e all’estero e che promuovono e conservano la tradizione che ha reso il teatro italiano celebre in tutto il mondo.

Inaugura il Festival di Serravalle giovedì 19 giugno alle ore 21.30 con una prima assoluta La Piccionaia – I Carrara con lo spettacolo “LA LOCANDEJRA” ,una riscrittura de La Locandiera di Carlo Goldoni ad opera di David Conati e Titino Carrara con Titino Carrara, Giorgia Antonelli e Marco Zoppello per la regia di Titino Carrara.

Mercoledì 25 giugno alle ore 21.30 l’ AIDAS – Académie Internationale des Arts du Spectacle – Versailles (Francia) mette in scena LA FOLLIA D’ISABELLA” su testo e regia di Carlo Boso con Marie Giros, Davide Lazzaretto, Clovis Rampant, Emilien Audibert, Rym Bourezg, Emanuele Contadini, Issam kadichi, Thibaut Kizirian, Simon Lapierre, Laurie-Anne Macé. La compagnia, che facciamo arrivare da Parigi, è una delle più attive nel panorama della commedia dell’arte ed è diretta da uno dei suoi grandi esperti mondiali Carlo Boso.

Mercoledì 2 luglio alle ore 21.30 le compagnie Pantakin e teatro Boxer ci propongono la commedia “VILLAN PEOPLE – La solita malastoria” di Andrea Pennacchi, una commedia dell’arte “contemporanea”, con Michele Modesto Casarin, Manuela Massimi e Andrea Pennacchi per la regia di Michele Modesto Casarin.

Giovedì 10 luglio alle ore 21.30 l’Accademia del teatro in lingua veneta e Stivalaccio Teatro aprono il sipario su un protagonista molto conosciuto nella commedia dell’arte “DON CHISCIOTTE – Tragicommedia dell’arte” di Marco Zoppello con Michele Mori e Marco Zoppello con la consulenza artistica di Carlo Boso.

Giovedì 17 luglio alle ore 21.30 Il Carro dei Comici di Pesaro presenta la commedia “GLI AMANTI DELLA ROCCA” per la regia di Carlo Boso con Erika Giacalone, Diego Longano, Giancarlo Cioppi, Maria Paola Benedetti, Michele Pagliaroni e Andrea Vincenzetti.

Giovedì 24 luglio alle ore 21.30 Carla Stella chiuderà la stagione teatrale del Festivalcon “STORIE DI DAME E CAVALIERI” di Fabio Girardello per la regia di Luisa Baldi e Carla Stella.

Durante il Festival si svolgerà la VI edizione della manifestazione “TEATRO E VINO” promossa in collaborazione con l’Associazione Strada del Prosecco e Vini dei Colli di Conegliano e Valdobbiadene e con la consulenza di Cristiana Sparvoli.
Dalle ore 20.30, prima di ogni spettacolo, alcune aziende vinicole del territorio offriranno al pubblico un bicchiere di Prosecco abbinato a prodotti locali anch’essi offerti da alcune aziende locali.

 

BERE, MANGIARE…SCRIVERE è un contest letterario lanciato in rete dal Festival di Serravalle per brevi racconti che abbiano attinenza col bere e il mangiare, funzioni primarie trasformabili in elaborati culturali.

Durante le degustazioni alcuni attori leggeranno i migliori brani giunti al giudizio dei redattori di #svolgimentoblog.com

Per maggiori info e prenotazioni: tel 0438-928029 e-mail castello@serravallefestival.itwww.serravallefestival.it

 

Festival di Serravalle 2014
Maschere, lazzi e commedie a Vittorio Veneto.

Tutti gli spettacoli avranno luogo al Castrum di Serravalle alle ore 21:30.
Ingresso intero € 12; ridotto € 10; studenti (fino a 18 anni) € 5.
Abbonamento libero a 4 spettacoli: intero € 35; ridotto € 26.

Prenotazioni ai numeri 0438/928029 e 348/4238334 oppure via e-mail a castello@serravallefestival.it.
Dalle ore 20.00 presso il Castrum Vendita biglietti la sera di ogni spettacolo.

In caso di maltempo gli eventi si terranno presso il Teatro Da Ponte a Serravalle di Vittorio Veneto.

Il programma degli spettacoli

Giovedì 19 giugno ore 21.30
La locandiera

di David Conati e Titino Carrara
La Piccionaia – I Carrara
Titino Carrara, Giorgia Antonelli e Marco Zoppello
Regia di Titino Carrara
Una rilettura in chiave contemporanea e “messicana” del grande classico di Carlo Goldoni.

Mercoledì 25 giugno ore 21.30
La follia d’Isabella

di Carlo Boso Regia di Carlo Boso
Nella rielaborazione e con la regia di Carlo Boso, uno dei maggiori esperti mondiali di Commedia dell’Arte, dieci attori dell’Aidas – una delle più famose scuole del teatro di Parigi – sono in scena per presentare il canovaccio originale messo in scena dalla famosa Compagnia dei Comici Gelosi nel 1589 in occasione del matrimonio di Cristina di Lorena con il Granduca di Toscana, Ferdinando de’ Medici (un particolare da sottolineare: in quell’occasione è stata la prima volta che una donna ha calcato il palcoscenico). La follia d’Isabella è un’opera importante che mescola oriente e occidente, tragedia e commedia, ragione e follia in un turbine di avvenimenti e di colpi di scena degni della più grande tradizione della Commedia dell’Arte. Gli attori danno prova di un’energia incredibile, cantano, ballano, si battono in duello per la gioia del pubblico.

Mercoledì 02 luglio ore 21.30
Villan People – La solita malastoria

di Andrea Pennacchi
Pantakin da Venezia e Teatro Boxer
Michele Modesto Casarin, Manuela Massimi e Andrea Pennacchi
Regia di Michele Modesto Casarin
E’ uno spettacolo che vira quasi sempre sul comico, o almeno sul grottesco e sul sarcastico. E’ la storia di due disgraziati: lei, con accento laziale, si chiama Dina, ed è una donnetta dalla testa vuota e i fianchi larghi che sogna prima il magnetofono e poi la borsa di Prada; lui, con accento veneto, si chiama Angelo, fa la guardia giurata ed è, di fatto, un criminale, ossia un ladro e un assassino, anche se è chiaro che a lui vanno le simpatie dell’autore, perché resta ostinatamente innamorato di Dina.

Giovedì 10 luglio ore 21.30
Don Chisciotte

di e con Marco Zoppello
Accademia del Teatro in lingua veneta
Regia di Marzo Zoppello e Carlo Boso
Venezia. Anno 1600. Salgono sul patibolo gli attori Giulio Pasquati, padovano, in arte Pantalone e Girolamo Salimberi, fiorentino, in arte Piombino. Accusati di eresia, l’ unica speranza per i due è l’arrivo dei rinforzi, i colleghi della compagnia dei Gelosi corsi dal duca di Mantova per pregarlo di intervenire nella spinosa vicenda. Non resta altro da fare che cercar di prendere tempo nell’unico modo che i due commedianti conoscano: recitando una Commedia. Ma non esistono commedie per due soli attori e i nostri sono costretti a ripescare il racconto di un marinaio conosciuto su di una nave spagnola, poco dopo la battaglia di Lepanto: un tal Miguel de Cervantes. Prendono così il via le avventure di Don Chisciotte e Sancho Panza, filtrate dai ricordi e dall’estro dei due saltimbanco che arrancano nel tentativo di procrastinare l’esecuzione. Duelli, salti, capriole, lazzi ma anche uno sguardo critico nei confronti di un fenomeno tristemente conosciuto, l’inquisizione.

Giovedì 17 luglio ore 21.30
Gli amanti della rocca

Erika Giacalone, Diego Longano, Giancarlo Cioppi, Maria Paola Benedetti, Michele Pagliaroni e Andrea Vincenzetti.
Regia di Carlo Boso
Il soggetto è liberamente ispirato a Giulietta e Romeo di Shakespeare e alla tragedia di Paolo e Francesca cantata da Dante nella sua Commedia. Per rendere più varia l’azione teatrale sono stati inseriti sulle trame originali nuovi personaggi, che vanno ad arricchire il canovaccio costruito sul canone classico della Commedia dell’Arte italiana, fatto di intrighi, amori, fraintendimenti e colpi di scena.

Giovedì 24 luglio ore 21.30
Storie di dame e cavalieri
con Carla Stella
di Fabio Girardello
Amici del Castrum
Regia di Luisa Baldi e Carla Stella
Lo spettacolo è frutto di una brillante intuizione letteraria che vuole ricreare un percorso narrativo tra poema epico, sogno e magia poetica. In un percorso che spazia dal Morgante di Pulci, all’ Orlando Innamorato di Boiardo, all’ Olando Furioso di Ariosto e alla Gerusalemme liberata di Tasso, l’azione teatrale si prefigge di restituire la freschezza e l’immediatezza di testi, poco noti al grande pubblico e di restituire allo spettatore il piacere di ascoltare la narratrice, che – come accadeva ai cantastorie dei racconti canterini, da cui trassero ispirazione i poeti per i poemi scritti – incanta con la magia del ritmo, delle immagini, dei suoni. Ben 13 personaggi, dame e cavalieri, verranno impersonati con grande bravura da Carla Stella in questo spettacolo molto divertente che combina un’Angelica sempre in fuga con le follie dei suoi spasimanti.

Organizzazione e info: Amici del Castrum
tel. 0438/928029 cell. 348/4238334 fax 0438/552497
castello@serravallefestival.itwww.serravallefestival.it
Vittorio Veneto, Castrum di Serravalle Via Roma

_____________

La biglietteria al Castrum di Serravalle apre alle ore 20.00 la sera dello spettacolo.

Prevendite

a VITTORIO VENETO

  • Associazione “Amici del Castrum” (P.zza Flaminio 23 – tel. 0438 928029)
  • Libreria Il Punto (Via Vittorio Emanuele II, 56 – tel. 0438 554664)

a CONEGLIANO

  • Libreria Quartiere Latino (Via XI Febbraio, 34 – tel. 0438 411989)

Info e prenotazioni: tel 0438-928029 e-mail castello@serravallefestival.it

Per ulteriori dettagli: www.serravallefestival.it

Seguici su facebook alla pagina Amici del Castrum

_______

Il Castello di Serravalle o Castrum lega la sua esistenza alla storia dell’antico borgo di Serravalle. Oggi castello e borgo sono integrati nella città di Vittorio Veneto e sono una vera e propria perla urbanistica nel territorio regionale. In passato Serravalle era uno dei comuni di maggiore importanza dell’entroterra della Serenissima, in quanto punto difensivo fondamentale per il collegamento con l’Alemagna e borgo vivacissimo di commerci (lane, spade, fonderie di campane, ecc). Di Serravalle, il Castrum, con la sua ampia spianata circondata da mura, è sempre stato il fulcro principale attorno al quale nei secoli si è formato il borgo. Con l’arrivo dei Longobardi e con la nascita del Ducato di Ceneda si potrà iniziare a parlare di testimonianze difortificazioni a Serravalle e solo con i Franchi della costruzione del Castrum vero e proprio, o meglio, del castello di Serravalle. Sarà nel XII-XIII secolo che il borgo medioevale conoscerà il suo sviluppo, legando le sue sorti ad una delle più potenti famiglie della Marca Trevigiana, i Da Camino ed attraverserà un periodo di grande ricchezza. Estintasi la famiglia Da Camino nel XIV secolo la repubblica di Venezia divenne padrona di Serravalle e il Castello da allora per quasi cinque secoli è stato la sede dei Podestà della Repubblica di Venezia. Dall’inizio del ‘900 di proprietà privata, è ora luogo di attività culturali come il Festival di Serravalle ed ospita un Bed & Breakfast di charme.

Castrum di Serravalle
Via Roma, 21 – 31029 Vittorio Veneto
tel. 0438 57179 – cell. 348-2443059 – e-mail: info@bedandbreakfastcastrum.it
www.bedandbreakfastcastrum.it

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______