74° edizione della Festa dei Marroni di Combai – Fino al 1 Novembre 2018

Festa dei Marroni di Combai
tra Artigianato, Sport, Cultura, Arte e Gastronomia

dal 5 Ottobre al 1 Novembre 2018

Nello splendido borgo tra le colline del Prosecco torna la manifestazione dedicata al marrone Igp locale: tre settimane di festa all’insegna dei prodotti tipici e della passione per il territorio.

In cartellone fino al 1° novembre eventi culinari, sportivi e solidali.

Sarà come sempre una manifestazione improntata alla gastronomia e strettamente intrecciata al Marrone, il frutto che identifica Combai e che ogni anno nel periodo autunnale attira sulle sue colline migliaia di visitatori.

La scorsa edizione della Festa ne contò più di 80.000 in poco meno di un mese: “Sarà certamente una bella kermesse – esordisce la presidente della Pro Loco Maria Vittoria Moro – abbiamo un calendario ricco e variegato che tiene conto delle esigenze delle famiglie, degli sportivi, dei golosi e dei gourmet. I nostri volontari sono pronti; ai nastri di partenza ce ne sono più di un centinaio. I marroni sono belli e buoni. Non manca nulla”.

La 74° Festa dei Marroni di Combai ha alzato il sipario venerdì 5 ottobre con una serata gastronomica. La mattinata di sabato 6 è stata invece dedicata alle Mostre d’Arte, con l’apertura della personale di pittura di Clara Brasca e di quella dello scultore Roberto Merotto. Domenica si è tenuta la cerimonia di inaugurazione, alla presenza delle autorità civili, religiose e militari. La mattinata è stata animata dall’esibizione del gruppo Lucky Chocks. I visitatori hanno potuto scegliere di passeggiare lungo la Fantastica via con arti e mestieri, sul Sentiero di Comby inseguendo il riccio-mascotte nel parco del castagno, attraverso la Combai Road, con la dimostrazione del formaggio, o di partecipare al Workshop del Fumetto.

Fino al 1 di novembre, come vuole la tradizione, sarà un susseguirsi di appuntamenti. La domenica mattina, protagonista lo sport: il 14 ottobre passeggiata in compagnia di Giovanni Carraro sul sentiero 1025. Il 21, “Marronando” (marcia non competitiva di 6 e 12 chilometri) e il 28, Nordic Walking fra i castagneti secolari. Tra gli eventi speciali, va segnalato il “Torchio Solidale” (giovedì 13 ottobre alle ore 18.30 in piazza Brunelli) e la presentazione del ricettario gourmet “Il marrone” (venerdì 19 ottobre alle 20.45).

La gastronomia proporrà serate speciali a cura di esperti chef: ogni martedì, mondoi e brise (minestra con marroni e porcini); il mercoledì, tortelli ai marroni, mentre il giovedì sarà la volta dello spezzatino ai marroni. Venerdì e sabato, rispettivamente, pasticcio e gnocchetti, rigorosamente ai marroni, cui vanno aggiunti i dolci, il gelato e la birra. Caldarroste? Come se piovessero!

Sempre presso il Salone delle Feste in piazza Brunelli.

Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 24. Il sabato dalle 11 alle 24 e la domenica dalle 11 alle 20 e dalle 13 alle 19. È attivo un comodo e veloce servizio di bus navetta dal Centro Polifunzionale di Miane. Il sabato e la domenica in piazza Brunelli è aperto al pubblico il Punto Informativo (news sulla realtà castanicola, organizzazione visite guidate al parco del castagno, dimostrazione della lavorazione del formaggio in collaborazione con Latteria Soligo).

Combai & i marroni: legame indissolubile

Il marrone di Combai IGP viene prodotto in undici comuni dell’Altamarca Trevigiana, da Segusino a Valdobbiadene, passando per il comune di Miane, quindi Follina, Cison di Valmarino, Revine Lago, Fregona, Sarmede, Cordignano, Tarzo e Vittorio Veneto. Per la popolazione locale è stato una delle principali fonti di sostentamento a partire dalla seconda metà del 1600. La Festa dei marroni, che celebra il ragguardevole traguardo dei 74 anni di attività e che rientra a buon diritto nel circuito delle “Delizie d’Autunno” ideata dall’Unpli, ha contribuito in modo significativo alla valorizzazione del prodotto e del territorio che lo esprime e lo rappresenta. Dal 1995 è nata, sotto la spinta della Pro Loco, l’Associazione dei produttori del marrone di Combai IGP, oggi presieduta da Gianni Pagos: “Questa è una buona annata e consentirà di incrementare la produzione del 30%. La qualità dei marroni è ottima anche se la pezzatura non è da record”. Stando a Pagos le piante sono cariche di frutti: “Il periodo nero è passato – prosegue il presidente dell’Associazione – per fortuna la vespa cinese è solo un brutto ricordo. Dal 2015, anno di rinascita della nostra castanicoltura, siamo tornati alla normalità. Certo il castagno è una pianta che non viene trattata in alcun modo, risente unicamente dell’andamento stagionale e dunque quanto viene prodotto varia a seconda del meteo”. Sulle rostidore giganti di Combai “gireranno” anche quest’anno circa 120 quintali di marroni che verranno serviti nei classici cartocci take away o che potranno essere degustati, comodamente seduti, all’interno del salone delle Feste, accompagnati da Verdiso e Prosecco.

Andar per boschi e cortili

Esplorambiente è una iniziativa rivolta alle scuole elementari e medie. Propone escursioni guidate e laboratori didattici.
Ogni sabato pomeriggio, dalle 15, passeggiata nel bosco con raccolta di marroni. Ogni domenica, escursioni lungo il sentiero del “Bosco incantato” alla scoperta del fascino dei secolari castagneti.
Tutte i week end, la “Fantastica via”. Mostre di arti e mestieri con spettacoli e animazioni per i più piccini.

 

Per maggiori info: PRO LOCO COMBAI
Piazza Squillace – 31050 COMBAI (TV)
Tel. 0438 960056 – Cell. 347 9544623
proloco@combai.it – www.combai.it

articolo collegato: 74° Festa dei Marroni di Combai, presentato il “Ricettario”

articolo collegato: Combai, i marroni e il “Panevin” – Presentazione del libro “25° Panevin”

____________

Riattivato il “Torchio dei reduci”.

La Pro Loco di Combai ha riportato in piazza il “Torchio della solidarietà”. Sabato sera la rievocazione storica.

Una rievocazione storica in piena regola quella andata in scena sabato sera in piazza Brunelli a Combai, nell’ambito della 74° edizione della Festa dei Marroni IGP. La Pro Loco ha infatti voluto riattivare quest’anno, in concomitanza con la chiusura delle celebrazioni per il centenario della fine del primo conflitto mondiale, un’antica tradizione che aveva come protagonista un torchio speciale, utilizzato da un gruppo di ex combattenti per raccogliere fondi in favore di vedove e orfani di guerra.

Tra la fine del 1919 e il 1920 l’agricoltura nei territori liberati era disastrata, le stalle vuote e la popolazione viveva miseramente, spesso di sussidi. Nasce così la torchiatura solidale; in tempo di vendemmia un gruppo di reduci iniziarono a girovagare per Combai e dintorni, di casa in casa, portando un torchio e offrendosi di eseguire la torchiatura delle uve. In cambio del lavoro chiedevano una parte del mosto che, una volta vinificato, veniva venduto a osterie e frasche. Il ricavato infine distribuito alle persone in difficoltà, principalmente vedove e orfani di guerra.

Quel torchio è giunto fino a noi grazie alla sensibilità di Diego Stefani, il celebre poeta contadino di Combai che lo ha ereditato dal padre e conservato gelosamente, consapevole del suo carico di storia e umanità. Le Associazioni d’Arma del comune di Miane (Alpini, Artiglieri, Carabinieri in congedo, Genieri e Trasmettitori) unitamente a semplici cittadini e appassionati di storia e tradizioni locali lo hanno restaurato. Sabato sera per la prima volta dopo quasi cento anni è tornato a fare il suo mestiere di “torchio solidale”.

Dopo una semplice cerimonia, alla presenza dei rappresentanti delle Associazioni d’Arma e di numerosi visitatori della Festa dei Marroni, nel corso della quale lo storico Franco De Biasi ha ricostruito il suo passato glorioso, il Torchio è stato rimesso in funzione. La forza delle braccia di due torchiatori in breve tempo ha prodotto il mosto, che è stato offerto agli astanti: “Esattamente come cent’anni fa – ha detto Maria Vittoria Moro – vinificheremo e poi doneremo. Produrremo un centinaio di bottiglie di vino, le venderemo e il ricavato sarà devoluto alla scuola elementare di Miane”. Per la presidente della Pro Loco viene così perpetrata la solidarietà dei combaioti reduci dalla Grande Guerra. Al termine della cerimonia, naturalmente, caldarroste per tutti.

 

_____________

Eventi in programma

I VENERDI’

Specialità da abbinare alla “COMBAIOTA” (Birra ai marroni)
Venerdì 5 ore 20.00 PASTICCIO AI MARRONI
Venerdì 12 ore 20.00 GALLETTO ALLA BRACE CON I MARRONI
Venerdì 19 ore 20.00 PASTIN E WURSTEL AI MARRONI
Venerdì 26 ore 20.00 SALSICCE AI MARRONI

PER I BUONGUSTAI
Ogni Martedì ore 20.00 “MONDOI E BRISE” minestra con marroni e porcini
Ogni Mercoledì ore 20.00 TORTELLI AI MARRONI
Ogni Giovedì ore 20.00 SPEZZATINO AI MARRONI
Ogni Venerdì ore 20.00 PASTICCIO AI MARRONI
Ogni Sabato ore 20.00 GNOCCHETTI AI MARRONI, anche a mezzogiorno

E’ gradita la prenotazione(solo per il Venerdì) cell: 3479544623

PER GLI AMANTI DELLO SPORT
Domenica 14 Passeggiata in compagnia di Giovanni Carraro
Domenica 21 Marronando
Domenica 28 Nordic Walking Combai, tra i castagneti e le Rive

Fantastica via e dintorni…

Ogni week end torneranno le mostre di arti e mestieri che andranno ad animare le contrade di Combai con la FANTASTICA VIA. Dal mattino alla sera, tutti i sabati e le domeniche sulle bancarelle saranno esposti i prodotti dell’artigianato locale e della gastronomia tipica.
Sabato 13 ottobre, ore 15, passeggiata nel bosco con raccolta dei marroni e laboratorio creativo per i bambini con Maura Nadalin. Cena a base di Gnocchi ai Marroni.
Domenica 14 ottobre, alle 9 passeggiata di otto chilometri in compagnia di Giovanni Carraro. Dalle 10, apertura della Combai Road dedicata ai sapori antichi. Alle 12 apertura della vecchia osteria da Ave Tonet. Alle 15 esibizione del Coro Monte Cimon e spettacoli per bimbi.

___________

Il Sentiero di Comby


Mi chiamo Comby e sono un riccio un po’ speciale vivo in un bosco bellissimo! Ti aspetto in “area Canesella” per accompagnarti alla scoperta dei Marroni di Combai IGP e dell’ambiente in cui crescono i castagni! Sei in piazza Combai? Guarda la montagna e imbocca via Trieste, seguendo le frecce in 15 minuti arriverai da me! Ogni domenica potrai seguirmi lungo il percorso! Ti aspetto!

Per maggiori info: PRO LOCO COMBAI
Piazza Squillace – 31050 COMBAI (TV)
Tel./Fax 0438 960056 – Cell. 347 9544623
proloco@combai.itwww.combai.it



Il Marrone di Combai

Il Marrone di Combai e’ inserito nella lista dei prodotti agricoli tipici del Veneto. La festa dei Marroni di Combai è l’occasione ideale per conoscere le bellezze storico-artistiche del territorio, scoprire i meravigliosi colori e i paesaggi autunnali, di curiosare tra le tradizioni e di assaporare le chicche enogastronomiche di quest’area che in autunno sa offrire il meglio di sé.

Combai si trova in una splendida posizione panoramica, abbarbicato ai piedi delle Prealpi, circondato da maestosi castagni e secolari vigneti. Dal centro del paese partono numerosi sentieri naturalistici che danno la possibilità di immergersi nella natura più vera, sono: il n. 992 “Troj de la Rota”, il n. 1024 “Sentiero dei Marroni” e il n. 1025 “Strada del Verdiso”. A pochi passi si possono ammirare l’Abbazia Cistercense di Follina (XII sec.), il Castello Brandolini Colomban a Cison di Valmarino, il Molinetto della Croda a Refrontolo, l’antica Pieve di San Pietro di Feletto, i Castelli Feudali di Susegana e Collalto, il Santuario della Madonna del Carmine a Miane. Da non perdere, un giro lungo la Strada del Vino Prosecco, passando fra le cittadine di Conegliano e Valdobbiadene.

 

Descrizione dell’area di produzione
L’attuale area di produzione del Marrone di Combai si estende su un ampio territorio (274,69 kmq) che coincide con i confini amministrativi di 11 dei 16 Comuni facenti parte la Comunità Montana delle Prealpi Trevigiane (Provincia di Treviso) e più precisamente: Segusino, Valdobbiadene, Miane, Follina, Cison di Valmarino, Revine Lago, Tarzo, Vittorio Veneto, Fregona, Sarmede e Cordignano.
I confini geografici sono segnati ad ovest dal Fiume Piave che ha creato una stretta valle direttamente connessa con il feltrino ed il bellunese, a nord dalla catena prealpina Cesen – Col Visentin e dalle pendici superiori del sistema orografico del Cansiglio, a sud da rilievi collinari allungati separati tra di loro solamente da incisioni parallele frutto di progressive erosioni, ad est le prime pendici del comprensorio del Cansiglio.

Vivi Combai e dintorni…. Combai si trova in una splendida posizione panoramica, ai piedi della Prealpi, circondato da maestosi castagni e vigneti secolari. Dal centro del paese si snodano diversi sentieri naturalistici che danno la possibilità di immergersi nella natura più vera. Inoltre, recentemente recuperato, consigliamo il sentiero de “La Strada de la Fan”. A pochi passi si possono ammirare l’Abbazia Cistercense di Follina (XIII sec.), il Castello Brandolini a Cison di Valmarino, il Molinetto della Croda a Refrontolo, l’antica Pieve di San Pietro di Feletto. Da non perdere un giro lungo la Strada del Vino Prosecco, passando fra le cittadine di Conegliano e Valdobbiadene. Ecco perché alla Festa dedicata ai Marroni Igp sono sempre abbinate gite ed escursioni.

Maggiori informazioni
Pro Loco Combai
Piazza Squillace – Combai (Treviso)
Tel. 347.9544623 – 0438 960056
www.combai.it

Come arrivare a Combai

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______