Lo Chef Trevigiano Tino Vettorello cucina per la 72 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Alla 72 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia lo chef Tino Vettorello conquista Vasco Rossi con l’Orata “Spericolata”
 
Dopo il tributo a George Clooney con il rombo, – spiega Tino Vettorello, – ho voluto dedicare alla più grande star della musica italiana una mia creazione. La scelta è caduta sull’orata, cucinata ispirandomi alle sue celebri canzoni. Dunque, prima di infornare il pesce simbolo dell’Adriatico,  ho effettuato un flambè al whisky
.
Vasco Rossi impazzito per l’orata “spericolata”. La grande rockstar intervenuta venerdi sera, 11 settembre 2015, alla 72 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia per L’Official  Party a lui dedicato in occasione della proiezione de “Il decalogo di Vasco” il film documentario di Fabio Masi, e’ stato omaggiato dallo chef Tino Vettorello con una creazione gastronomica. Il regista enogastronomico trevigiano, chef olimpionico,  che da anni cura la ristorazione alla Cittadella del Cinema, ha voluto riproporre in un piatto il mondo di Vasco e il rapporto con il suo pubblico.
.
“Dopo il tributo a George Clooney con il rombo
, – spiega Tino Vettorello,-  ho voluto dedicare alla più grande star della musica italiana una mia creazione. La scelta è caduta sull’orata, cucinata ispirandomi alle sue celebri canzoni. Dunque, prima di infornare il pesce simbolo dell’Adriatico,  ho effettuato un flambè al whisky, il suo spirit preferito e poi adagiata su un letto di rucola selvatica che ricorda il prato degli stadi dove Vasco fa impazzire i suoi fans. Quello stesso pubblico che riempie l’arena è simboleggiato dalla dadolata di verdure contenuta nella griglia di peperone. Un mix di verdure cosi come eterogenei sono gli appassionati della sua musica”.
 
.
L’orata spericolata che ha entusiasmato il rocker di Zocca e’ stata degustata nella splendida cornice della Terrazza Biennale direttamente affacciata sulla promenade del Lido di Venezia, in abbinata ad Soave classico e ad un Moet. Conclusione in dolcezza con la pasticceria tipica veneta, particolarmente apprezzato da Vasco il tiramisù, eseguito secondo la ricetta della tradizione.
.
Ogni giorno nella Terrazza Biennale star del cinema e cinefili da tutto il mondo degustano  le creazioni culinarie di Tino Vettorello. Tra gli ultimi in ordine  cronologico Johnny Depp, Fabio Testi ed Alessandro Gassmann impazziti per salmone selvaggio affumicato al legno di ciliegio con frutti di bosco adagiato su letto di finocchio, Gianna Nannini in solluchero per la cicchetteria e la pasticceria tipica veneziana. Il tutto innaffiato dall’immancabile prosecco DOCG veneto che assieme ai piatti vegetariani rappresenta il must di questa 72 edizione Mostra del Cinema di Venezia.
_
_________
_
Lo Chef Trevigiano Tino Vettorello  cucina per la 72 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: dopo il celebre Rombo alla Clooney, cresce l’attesa per l'”Orata Spericolata” dedicata a Vasco Rossi
.
Dal  2 al 12 settembre 2015, cucina trevigiana e pescato della laguna veneta sulle tavole di attori e cinefili con lo chef olimpionico.
.
Tra i poli di attrazione gastronomica la 
 Terrazza Biennale della Mostra del Cinemaspazio raffinato con una suggestiva vista sul mare, direttamente affacciato sulla promenade del Lido di Venezia
.
Cucina da “Red Carpet”. Alla 72 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ritorna lo chef più’ amato dai divi di Hollywood e dai cinefili di tutto il mondo. Il trevigiano Tino Vettorello firma anche quest’anno la ristorazione alla Cittadella del Cinema di Venezia, offrendo al pubblico l’occasione di gustare le specialità culinarie della Marca e non solo, con il meglio dei prodotti a marchio di tutela DOP e IGP. Al suo fianco un rodatissimo staff  costituito da 25 cuochi e 80 fra barman e camerieri, che lo ha accompagnato nelle più importanti avventure olimpioniche da Vancouver a Sochi Tir ricolmi di frutta e verdura degli orti veneti, pesce freschissimo, bottiglie provenienti dalle più prestigiose cantine regionali e nazionali, salumi e svariate forme del patrimonio caseario veneto. Un paniere di prodotti essenziali per deliziare i presenti con le ricette della tradizione ed incursioni dal sapore internazionale.
.
Se negli anni scorsi il protagonista assoluto era il pesce, basti pensare al celeberrimo “Rombo alla Clooney”, la novità di quest’anno é una cucina che strizza l’occhio anche ai vegetariani come spiega lo chef Tino Vettorello: ” Certo, non esiste ambiente migliore della promenade del Lido per gustare il pescato della laguna veneta marinato o in carpaccio, sorseggiando un calice di buon prosecco. Ma per questa edizione ho deciso di puntare molto sulle verdure, con inediti accostamenti e degustazioni. Spesso la cucina vegetariana secondo luoghi comuni é accusata di essere priva di sapore o poco significativa, invece al di lá degli aspetti etici e ambientalisti, molto importanti, presenta interessanti sfumature tali da renderla gourmet. Non mancheranno comunque i piatti pensati per le star che affolleranno la Mostra. Giá allo studio una orata “spericolata” che sicuramente fará venire  l’acquolina in bocca a Vasco Rossi. E naturalmente da annaffiare con “bollicine ” trevigiane, tanto per rimanere in repertorio discografico del rocker di Zocca”.
.
Imbarazzo della scelta dunque, con vari poli di attrazione gastronomica. Nella Terrazza Biennale della Mostra del Cinema, spazio raffinato con una suggestiva vista sul mare , sono di scena seducenti piatti preparati dallo chef Tino Vettorello che propone ad accreditati ed appassionati un delicato incontro fra il pesce della laguna e i morbidi sapori degli orti veneti. Ricreata un’area enoteca rappresentativa di tutti i consorzi del Veneto con una vasta la scelta di  vini e  una selezione delle migliori etichette  in abbinamento ad una ampia offerta di cocktail internazionali.
.
All’area Garden, spazio dove degustare piatti veloci preparati sul momento, quest’anno dedicato anche alle proiezioni esterne, presente un corner riservato alla pizzeria ed un bar informale aperto dal mattino fino all’ultima proiezione notturna, si affianca la Terrazza Palazzo Ex Casinó di Venezia, location dedicata a colazioni e brunch nelle vicinanze delle biglietterie, dove concedersi di sera un momento di relax con happy hour e dj set, cullati dalle sonorità lunghe e chilo out selezionate da deejay.
.
L’area ristorazione, che include anche un coffee bar ubicato nell’ex Sala Volpi al Palazzo del Cinema, é affiancata da un ricco programma di eventi e cene tematiche a cura di alcuni tra gli chef e i barman più rappresentativi del panorama enogastronomico nazionale.
.
Tino Vettorello, che é chef del Ristorante Tre Panoce di Conegliano Veneto, da quest’anno gestisce sempre al Lido di Venezia un nuovo ristorante a fianco all’Hotel Excelsior: “Lio, food is love”, una veranda sul mare dove gustare il pesce cullati dal suono delle onde.

 

Ristorante Villa Tre Panoce,
un viaggio fra sapori ed emozioni in un contesto unico

Ristorante Villa Tre Panoce e’ location ideale per i vostri momenti speciali e per le occasioni più importanti: matrimoni, feste, banchetti, cene di lavoro e qualsiasi altro evento necessiti di una cornice elegante e prestigiosa. In cucina lo Chef Tino Vettorello ed il suo staff assicurano la massima cura nella preparazione delle portate; in sala sono garantiti un’accoglienza amichevole e garbata e un servizio rapido e cordiale.La fantasia del mare incontra gli orti veneti. Questo il filo conduttore del menù all’insegna dei prodotti di qualità a marchio DOP e IGP del territorio, con uno sguardo rivolto alla tradizione mediterranea.
slide

Per maggiori info:

Ristorante Villa Tre Panoce
Via Vecchia Trevigiana, 50 – Conegliano

_______


Vuoi essere aggiornato sugli eventi?

Iscriviti alla Newsletter Marcadoc

 

_______


MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non è responsabile di eventuali variazioni di programmi e orari, si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

_______


Le foto e i video presenti su Marcadoc.it e Marcadoc.com sono presi in larga parte su Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
E’ sempre possibile richiedere la rimozione di articoli e foto se si riscontrano violazioni di copyright.

_______


Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______