La mostra propone una rielaborazione in chiave contemporanea dell’iconografia più tipica della vanitas: la natura morta, con una particolare ricerca sull’immagine del fiore reciso. Sublime, pregno di significato, eppure ambivalente, il linguaggio del fiore reciso è per antonomasia simbolo di bellezza e di effimera gioventù, ma...