Angelo Branduardi in concerto a Montebelluna – 8 aprile 2018

The Hits Tour Teatrale

Angelo Branduardi in concerto
al Palamazzalovo di Montebelluna

domenica 8 aprile 2018, ore 21:00

“Camminando, camminando”,
riprendo a viaggiare col mio gruppo.

Alla sezione ritmica, ormai ultra collaudata, formata da Antonello D’urso, Davide Ragazzoni e Stefano Olivato si è aggiunto l’elemento nuovo, la sorpresa, Andrea Pollione, al pianoforte e tastiere. Il concerto sarà basato sui miei brani più famosi, i cosidetti Hits, che nel corso della mia ormai lunga carriera, sono diventati veramente numerosi. Ce ne sarà per tutti e nessuno resterà deluso perciò: A presto!”
Angelo Branduardi

Biografia di Angelo Branduardi.

Angelo Branduardi nasce nel 1950 a Cuggiono, piccolo paese della campagna vicino a Milano. La sua famiglia si trasferisce a Genova, dove Angelo trascorre l’infanzia e la prima adolescenza. Nel conservatorio Niccolò Paganini Angelo inizia lo studio del violino, conseguendo il diploma in giovane età ed esordendo come solista con l’orchestra del Conservatorio. All’età di quindici anni si sposta con la famiglia a Milano, dove comincia a suonare la chitarra. Angelo frequenta la facoltà di Filosofia e in quel periodo inizia a comporre, musicando sia i suoi primi tentativi poetici, sia i poemi degli autori preferiti: Confessioni di un malandrino del poeta russo Esenin, ancora oggi una delle sue canzoni più famose, risale a quegli anni.

L’anno 1974 segna il debutto discografico: la RCA pubblica l’album Angelo Branduardi, sorprendentemente arrangiato da Paul Buckmaster. Nel 1975 il secondo album La Luna riprende una collaborazione con Maurizio Fabrizio iniziata nel 1973 con un demo rimasto inedito. Nel 1976 Angelo cambia casa discografica, passando alla Polygram in Italia e all’Ariola in Europa e pubblica Alla Fiera Dell’est, che gli vale il Premio della Critica Discografica.

Nel gennaio 1978 esce l’album La Pulce D’acqua, in cui compare in qualità di ospite il musicista sardo Luigi Lai, virtuoso delle launeddas, antichissimo strumento a fiato. Mario Convertino crea per quest’album nove stampe a colori che illustrano i testi. Nello stesso anno parte un lunghissimo tour che porta Branduardi in giro per tutta l’Europa. A questa tournée segue nel 1980 la Carovana del Mediterraneo, che ha come ospiti Stephen Stills, Graham Nash e Ritchie Havens. Fra le due tournée, nel 1979 esce Cogli la prima mela, album di grande successo a livello europeo, premiato dalla critica tedesca e da quella europea. Nello stesso anno Angelo si esibisce a Parigi alla Fète de l’Humanité davanti a un pubblico di 200.000 persone. All’evento segue la pubblicazione dell’album dal vivo Concerto (1980).

Nel 1981 Branduardi riprende la collaborazione con Paul Buckmaster per l’album BranduardI, che gli vale in Germania il premio come miglior artista dell’anno. Nel 1983 esce Cercando L’oro, realizzato con Maurizio Fabrizio, al quale farà seguito un lunghissimo tour di oltre cinquanta concerti in tutta Europa. Nel 1983 Branduardi comincia a lavorare per il cinema , componendo la colonna sonora del film di Luigi Magni State buoni se potete, per il quale vince il David di Donatello e il Nastro d’argento; subito dopo scrive le colonne sonore di Momo di J. Schaaf (dal romanzo di Michael Ende), Secondo Ponzio Pilato di Luigi Magni e Luci lontane di Aurelio Chiesa. Nel 1984 parte un tour italiano, i cui proventi sono devoluti all’Unicef. Nel 1985 esce l’album Branduardi Canta Yeats: dieci liriche del grande poeta irlandese William Butler Yeats tradotte da Luisa Zappa, moglie di Angelo e coautrice dei suoi testi, e musicate da Branduardi. Nel 1988 tocca all’album Pane E Rose e nel 1990 arriva Il Ladro. Nel 1992 The Best Of segna l’inizio della produzione di Branduardi per la EMI. Nel 1993 esce con ottimo successo di critica e di pubblico Si Può Fare, seguito da una tournée di oltre settanta spettacoli in tutta Europa. Il 1994 è l’anno di Domenica E Lunedì, ancora una volta in collaborazione con Maurizio Fabrizio, autori dei testi Luisa Zappa, Paola Pallottino, Eugenio Finardi, Roberto Vecchioni e Pasquale Panella. Nel novembre dello stesso anno inizia un tour in oltre venti teatri in Italia, seguiti da una sessantina di concerti in tutta Europa. Da questo tour nasce l’album dal vivo Camminando Camminando che include i due inediti in studio L’apprendista stregone e Piccola canzone dei contrari, con testi di Giorgio Faletti. All’album fa seguito una lunga tournée europea. Nel dicembre 1996 pubblica per la EMI Classics Futuro Antico, realizzato con il gruppo Chominciamento di Gioia e diretto dal maestro Renato Serio, un excursus attraverso pagine sacre e profane del medioevo e del primo rinascimento; nel 1999 esce la seconda parte del progetto, mentre Futuro Antico III viene pubblicato nel 2002 e Futuro Antico IV nel 2007. Il Dito E La Luna (1998), nato dalla collaborazione con Giorgio Faletti, vede la presenza di alcuni tra i migliori musicisti italiani. La produzione artistica, curata direttamente da Branduardi, introduce le uillean pipes affidate a Brandan Wade, in una curiosa commistione con i flauti rinascimentali e le bombarde di Cristina Scrima. Nel 2000 arriva L’infinitamente Piccolo, album ufficiale del Giubileo, al quale collaborano Franco Battiato, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, i Muvrini, La Viola e i Madredeus. Il disco esce anche in versione tedesca, greca e francese. A questo album, dedicato a San Francesco, fa seguito una tournée che prosegue per tutto il 2001, arrivando ad oltre 120 concerti in tutta Europa.

Nel 2003 esce Altro Ed Altrove, parole d’amore dei popoli lontani tradotte ed adattate da Luisa Zappa, musicate da Angelo Branduardi, illustrate da Silvio Monti. Dopo Branduardi Platinum Collection e The Classic Collection (entrambi del 2005) e il già citato Futuro Antico IV (2007), nel 2009 è la volta di Senza Spina. Nel 2011 è la volta di Così è se mi pare, lavoro composto da sei brani, quattro inediti e due riletture (di Elvis Costello e dei Pogues). Nel 2012 viene pubblicato una raccolta, Camminando Camminando 2, che comprende vari brani tra il 1996 e il 2011 e l’inedito Rataplan, scritto assieme a Giorgio Faletti.

Palamazzalovo
Montebelluna – Via G. Malipiero, 125/A

Evento organizzato da Icona Music.

INGRESSO POSTI NUMERATI
PLATEA 1 SETTORE € 40,00 + € 4,00 PREV.
TRIBUNA C 1 SETTORE € 40,00 + € 4,00 PREV.
TRIBUNE B-D 2° SETTORE € 35,00 + € 3,50 PREV.
TRIBUNE A-E 3° SETTORE € 30,00 + € 3,00 PREV.
Biglietti acquistabili sul circuito Ticketone.it



_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______