47 Anno Domini: a Treviso la prima cantina dove si paga in bitcoin

Il progetto è di Triveneto Servizi, azienda veneziana che ha ottenuto una partnership con i professionisti delle transazioni, InBitcoin. Marco Zuin: “Il nostro obiettivo è creare un ecosistema economico parallelo, puntiamo a cento aziende in Veneto nei prossimi mesi”.

Il bitcoin esiste da anni, ma negli ultimi mesi è stato al centro di un rally senza precedenti nel mondo economico, con crescite vertiginose e repentini cali. La criptomoneta da realtà di nicchia per pochi amanti della tecnologia è diventata un fenomeno di moda, acquisendo sempre più estimatori convinti che sia un bene rifugio, simile all’oro. Contemporaneamente, è iniziata la corsa per permetterne l’utilizzo anche nei normali negozi o attività commerciali. Perché un conto è la narrazione quasi fiabesca del dark web e di cinici venditori di droga che usano la transazione in modo illegale, un altro la realtà che si imporrà ineluttabilmente nei prossimi anni: la blockchain cambierà in un modo o nell’altro l’economia reale.

In questo momento storico Triveneto Servizi è in prima linea dell’evoluzione del mercato e ha siglato una storica partnership con InBitcoin, una realtà che si divide tra Rovereto e Milano e ruota attorno a 18 soci fondatori che sono designer, docenti, programmatori e sviluppatori. “Siamo tra le pochissime aziende in Italia che possono proporre e implementare il loro servizio di transazione coi bitcoin”, spiega Marco Zuin, veneziano di 27 anni, uno dei tre soci di Triveneto Servizi (gli altri due sono Andrea Magro, anche lui veneziano di 35 anni, e il bresciano Roberto Bontempi di 49 anni).

Nella sostanza, le transazioni avverranno tramite wallet app e qrcode e codici che chi possiede bitcoin sa come usare. Ma avverranno con un sistema informatico italiano e di proprietà dell’azienda, che così avrà direttamente il possesso del denaro virtuale, senza doversi affidare a mediazioni tramite piattaforme commerciali come avviene oggi. “Siamo pronti a realizzare anche e-commerce in bitcoin e il nostro sogno è quello di coinvolgere almeno un centinaio di aziende nel nostro progetto”, incalza Zuin. “Alla fine, così, creeremo un ecosistema economico reale dove sarà comune passarsi criptomoneta tramite telefonino”.

Per partire, la prima azienda veneta che ha scelto l’evoluto sistema di InBitcoin è una nota azienda vitivinicola di Silea, nel Trevigiano, la 47 Anno Domini, celebre per i propri vini bio-vegani e per la propria gamma di etichette. “Siamo entusiasti di questa novità – spiega il titolare, Cristian Tombacco che speriamo possa portare una ventata di business e farci affiancare a nuovi clienti appassionati di tecnologia e criptovaluta. Alcuni mi chiedono se abbiamo paura di rimetterci per le fluttuazioni del mercato. Noi siamo certi che il bitcoin avrà un grande futuro e quindi vediamo solo opportunità dove gli altri vedono rischi”.

“Lo scetticismo attorno a questa tecnologia sarà vinto non appena l’esperienza-utente nelle transazioni quotidiane avrà dimostrato il suo reale valore aggiunto – aggiunge Andrea Magro, CTO di Triveneto Servizi – ovvero quando pagare comodamente ed in sicurezza con il proprio orologio digitale o telefonino sarà diventata un’abitudine per i normali consumatori. I giovanissimi, nativi digitali, sono già pronti a questa innovazione e condizioneranno inevitabilmente anche le masse meno ricettive: anche i nonni, in fondo, oggi usano WhatsApp per condividere le foto dei propri nipoti. Una volta (giusto qualche anno fa) gli SMS erano materia oscura ed esistevano anche le cabine telefoniche”.


Per maggiori info:

47 ANNO DOMINI
Via Treviso Mare, 2, 31056 Roncade (TV)
tel. +39 0422 849976 – www.47annodomini.it info@47annodomini.it

Moderna e innovativa, la cantina 47 Anno Domini incarna nel suo stile architettonico tutta l’intraprendenza dei due giovani proprietari, Andrea e Cristian Tombacco, che hanno fondato il loro wine lab nel 2008, all’interno di 25 ettari di vigneto che si distendono lungo la Treviso Mare, strada che anticamente era una delle più importanti strade romane, la Claudia Augusta, fondata dall’imperatore Claudio nel 47 d.C. Un terroir fertile, argilloso, ricco di sali minerali che produce vini importanti, raffinati, dall’inconfondibile eleganza e consistenza.

Lo stile architettonico della cantina, basato sull’uso di tre elementi: legno, vetro e acciaio, accostati in elegante contrasto con mattoni facciavista, sceglie una linea minimal, geometrica, pulita e essenziale, che vuole integrarsi con rispetto nel contesto naturale, senza stravolgerlo o dominarlo, esprimendo quel concetto di attenzione per l’ambiente alla base della filosofia aziendale.

Gli eleganti interni ed esterni, sono pensati come spazi polifunzionali, contenitori di eventi culturali e cornice ideale per matrimoni, feste aziendali e private.

L’azienda organizza workshop dedicati al vino e visite aziendali per descrivere il fascino dell’attività di cantina e per raccontare la storia del territorio.



_________

A Casa di Delia ha riservato tariffe speciali per i lettori Marcadoc

Il B&B A Casa di Delia – Charming House è un’oasi di relax poco lontano dal centro di Treviso, in località Sant’Elena di Silea. In posizione strategica, comoda ai caselli autostradali, ma immersa in una pace d’altri tempi, A Casa di Delia offre un’accoglienza esclusiva, perfetta sia per chi viaggia in famiglia, sia per lavoro.

Tre ampie suite con soppalco ● area lounge ● grande giardino con piscina ● colazione con prodotti bio e a km0 ● cambio biancheria quotidiano ● accappatoi e ciabattine ● asciugacapelli ● aria condizionata ● wi-fi ● tv ● frigobar ● riscaldamento autonomo

Per informazioni:

A Casa di Delia, Bed and Breakfast – Charming House
via Belvedere 91, Sant’Elena di Silea (TV)
Contatto: Delia Gualtiero – Tel. 339 5699573 – info@acasadidelia.it www.acasadidelia.it

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______