A cavallo o in bici, nuove piste di Marca

Progetto di itinerari tra boschi e vette,
anche per chi va a piedi.

Il piano regionale sfrutta il cammino E7 Portogallo-Romania

I quattro percorsi trevigiani

Quattro sentieri ad anello da percorrere a piedi, in mountain bike o a cavallo, quattro avventure nella natura tra i bochi, le piane e le cime della Pedemontana trevigiana. Quattro tasselli di un grande percorso turistico che si allunga dal Veronese al Bellunese seguendo le orme del lungo E7, il sentiero europeo che da Portogallo arriva fino alla Romania toccando la Marca trevigiana.

Il  progetto.
L’idea è nata nel 2015 e si è concretizzata ora con la delibera regionale che ha approvato la prima fase del grande progetto delle “Ippovie”, sentieri da percorreera cavallo ma aperti i reatà a tutti gli escursionisti, compresi  gli amanti delle pedalate fuori strada. Un anno fa la Regione  aveva chiesto a tutte le associazioni di promozione turistica territoriali di indicare quali potessero essere dei percorsi attrezzati ed attrezzabili lungo la E7 e dopo un anno di valutazioni e selezioni alla fine ha approvato la mappa. Comprende 12 anelli, ciascino con una propria peculiarità. Cinque di questi sono ubicati nei 122 chilometri di percorso europeo tra le provincie di Treviso e Belluno, quattro sono per buona parte trevigiani.

Il monte sacro e le malghe.
È un itinerario alla scoperta dei luoghi meno noti del Grappa e delle sue tavole. Lo si può  imboccare o dal sentiero E7 in località Col delle Farine o nei pressi del sacrario, altrimenti da Campocroce. Si  allarga sul Grappa disegnando un cerchio che incontra la Locanda Campocroce, il Ristoro Valrossa, l’Agritur De Lucchi, Malga Moda, Malga Pat, Malga Cason Vecio e il Ristoro Baita Camol. Ben 23 chilometri in buona parte nel comune di Borso del Grappa per 4 ore abbondanti di cammino (a piedi).

Il Cesen e le vette.
È un percorso «nel suggestivo panorama sulle vette feltrine a nord e sulla laguna di Venezia a sud». Sei ore di tragitto e quasi trenta chilometri di facile trekking che partono dalle Pianezze e aggirano la valle a nord fino ad arrivare sulle pendici dove si incunea Malga Doc tra Vas e Segusino. Lungo il tragitto cinque punti di ristoro, fonti e sterrati.

Il Visentin e si suoi sapori.
Un percorso che «parte da Valmorel nel comune di Limana e si sviluppa in cresta con panoramiche mozzafiato sul versante trevigiano a sud e su quello bellunese a nord» spiega la mappa. Incontra il Rifugio 5^ Artiglieria alpina, e non solo quello; difficoltoso alla mountain bike, meno a cavallo, facile a piedi (se comunque attrezzati). Sei ore e mezza, 33 km che incrociano anche la ventiduesima tappa del percorso Venezia-Monaco.

I boschi delle Serenissima.
Non poteva mancare il Cansiglio, le sue foreste di abete rosso e faggi secolari. Il percorso parte in località Le Rotte, attraversa la piana all’altezza del Monumento alla Resistenza e sale tra pascolo e boschi fino alla Valmenera. Da lì, costeggiando la Riserva prosegue fino a Campon e torna verso i pascoli della piana passando per il Museo Zanardo. Cinque ore di cammino accessibili a tutti, per ammirare i colori di una natura che ogni anno attrae tantissimi escursionisti.

Ora i cartelli.
Individuati i dodici percorsi veneti, ora inizierà la posa dei carteli che dovranno guidare gli escursionisti lungo il tracciato indicando non soltanto la via da seguire ma anche le possibilità di ristoro, di pernottamento (anche per i cavalli) e le caratteristiche naturalistiche del territorio.

Poi la pubblicità.
Ultima tappa del piano regionale è la pubblicità, tanta e anche in tante lingue per promuovere le ippovie e il trekking lungo i loro percorsi a tutti i livelli e a vari turisti. Che questo serva anche a stimolare altre attività locali come allevamenti di cavalli per le escursioni, noleggi bici o altro? La speranza, ovviamente, è di creare indotto.

articolo di Federico de Wolanski dell’11 novembre 2016 tratto da www.latribuna.it

Clicca sull’immagine per ingrandirla

In alto a sinistra il percorso del Grappa. A seguire in senso orario:
il sentiero del Cesen, quello del Col Visentin e del Cansiglio. In rosso il cammino E7

 

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______