Visite Speciali al Museo Diocesano di Treviso – 2 e 3 marzo

Museo Diocesano

Il Tesoro dimenticato: Visite Speciali al Museo Diocesano nelle Giornate Nazionali dei Musei Ecclesiastici

novita’: Alla scoperta del Museo Diocesano con la nuovissima AUDIOGUIDA > scopri tutte le info

Sono i “Musei cancellati”, nonostante siano regolarmente aperti al pubblico, siano davvero tanti (più di mille), ricchissimi per patrimonio e per attività e siano ospitati in luoghi e monumenti tra i più belli delle città italiane. I “Musei cancellati” sono quelli che vanno sotto l’aggettivo di “Ecclesiastici”, ovvero Musei Diocesani, di Cattedrali, Chiese, Confraternite disseminati lungo l’intera Penisola, da nord a sud, isole comprese; un immenso patrimonio che ai più è del tutto ignoto, scarsamente segnalato dalle guide turistiche delle città, “snobbato” da un certo ambiente culturale, soffocato da un’immagine di polverosità e noia che è assolutamente lontana dalla realtà di queste istituzioni.

L’AMEI – Associazione Musei Ecclesiastici Italiani ha deciso di farlo scoprire a tutti, aprendo gratuitamente le porte dei più di 200 Musei Ecclesiastici già aderenti all’Associazione (senza peraltro escludere dall’iniziativa i Musei non ancora iscritti) in una due giorni di visite guidate, attività, incontri, musica.

L’appuntamento con le Giornate dei musei ecclesiastici è, in tutta Italia, per il 2 e 3 marzo. Musei aderenti ed iniziative si possono trovare sul sito dell’Associazione: www.amei.biz.

Anche il museo diocesano di Treviso ha scelto di aderire a questa iniziativa proponendo per quel sabato e domenica l’apertura straordinaria con un orario prolungato il mattino e il pomeriggio. L’entrata al museo diocesano di Treviso è libera  e anche in questa occasione resterà gratuita, inoltre per chi lo desidera sarà possibile usufruire del servizio di visita guidata al costo simbolico di 2,00 euro.

La visita guidata sarà condotta dai collaboratori volontari del “Centro Guide e Servizi Turistici” dando così il via ufficiale alla collaborazione tra il Museo Diocesano e questo gruppo di professionisti che anche durante l’anno garantiranno l’apertura della domenica mattina e la possibilità di usufruire del servizio di visita guidata.

Si auspica che questa prima giornata dei musei ecclesiastici sia anche per Treviso e per i Trevigiani l’occasione di riscoprire la bellezza del museo diocesano.

Fu Monsignor Antonio Mistrorigo nel 1988 a volere l’edificio delle Canoniche Vecchie come sede del Museo Diocesano di Arte Sacra di Treviso. Da allora ancora troppo pochi, anche tra gli stessi trevigiani, sono coloro che hanno scoperto e ammirato un tesoro dell’arte locale capace di raccontare una storia che non è solo quella di una cattedrale con i suoi arredi e paramenti sacri, ma quella di un’intera comunità che attraverso i secoli si è evoluta ridisegnando il volto stesso della sua città.

Oggi e’ Don Luca Vialetto che, insieme al Centro Guide, si impegna a rilanciarlo e promuovere il Museo partendo con questa importante iniziativa.

Le tracce del percorso artistico cittadino si trovano in ogni angolo di Treviso, ancor più tra le mura dei complessi edifici del Duomo che mostrano evidenti i segni di una stratificazione storica di più epoche in dialogo tra loro: dalla paleocristiana alla longobarda a quella romanica, da quella rinascimentale all’imponente ristrutturazione del 1750 fino alla facciata classica dell’800 per giungere ai nostri giorni che vedono la Curia ancora una volta impegnata in un’opera di conservazione, ammodernamento e rilancio di questa importante realtà cittadina.

 Il Museo Diocesano, con l’attigua suggestiva Cripta, costituisce la cellula originaria e il cuore stesso del complesso. Cuore architettonico, essendo questo il nucleo più antico che dal Sacello di San Prosdocimo nel tempo si è sviluppato in altezza articolandosi in piani che, inglobando affreschi originariamente esterni alle facciate, hanno creato ambienti di grande suggestione e antico fascino. Ma anche cuore artistico, perché, grazie alla dedizione e la cura dei canonici nel raccogliere, catalogare e conservare i reperti e i numerosi lasciti, il Museo è diventato nel tempo più che un Museo Diocesano, il Museo del Duomo, ospitando al suo interno opere che oggi sono testimonianza tangibile delle molteplici vicende che hanno fatto la storia della Cattedrale e quindi della città stessa.

Uno scrigno di capolavori che è possibile ammirare attraverso un percorso suddiviso in sezioni:

 La sezione archeologica composta da ritrovamenti di pertinenza funeraria di epoca romana, I sec. d.C..

La Galleria delle Lapidi, illuminata da un elegante loggiato romanico che si affaccia sul piccolo cortile interno, rimaneggiato dopo il bombardamento del ’44.

La Sala del Concilio conserva medaglie e oggetti commemorativi del Concilio Vaticano II oltre ad alcune opere pittoriche tra cui spicca per importanza l’elegante Ritratto di Francesco Benaglio di Pompeo Batoni.

La sezione dei Paramenti Sacri in cui nel silenzio ancora si avverte la presenza dei protagonisti che in queste vesti ricche di preziosi decori e colori simbolici hanno operato e lasciato traccia di sé.

La Pinacoteca nata grazie all’importante opera di Monsignor Solivo e che contiene opere inedite del sec. XVI oltre alla straordinaria scultura in argento di San Liberale e al preziosissimo Sciamito di San Parisio, tessuto trecentesco di pregiata e singolare fattura.

La Sala degli affreschi medievali dominata dal Martirio di Tommaso Becket ma soprattutto dal Cristo Passo di Tomaso da Modena, splendida e commovente testimonianza tra le altre, della cifra stilistica, unica e moderna, che l’artista lascerà a Treviso.

Infine la ricca sezione dedicata al vero e proprio Tesoro della Cattedrale dove brilla per magnificenza e valore simbolico il Paliotto trecentesco in legno dorato, raro esempio di una efficacissima commistione tra iconografia occidentale e orientale e l’antico e originale pastorale in avorio. Nutrita è anche la presenza di oggetti liturgici e di alta oreficeria, reliquiari, sculture, ecc. di delicata e pregiata fattura

Il percorso si conclude nella sala del bellissimo Arazzo cinquecentesco, sala che sorprende offrendo inaspettatamente un suggestivo effetto ottico sulla veduta della Torre Campanaria visibile dalla finestra, davvero unico!

Un patrimonio singolare e prezioso e tuttavia ancora purtroppo poco conosciuto dunque che, grazie alla sensibilità di Don Luca e al supporto dei volontari di Centro Guide, ha trovato nuova vitalita’.

Due giorni che offriranno a chiunque la possibilità di scoprire questo affascinante percorso attraverso visite speciali (con contributo simbolico di e 2,00 p.p.) alle ore 10.00 – 10.40 – 11.20 – 15.30 – 16.10 – 16.50.

Visite che proseguiranno poi nel corso dell’anno con appuntamenti fissi ogni domenica mattina dalle 10.00 alle 12.00 con esclusivo accesso alla cripta.

Per gruppi organizzati e scuole

Su prenotazione, in qualsiasi orario e giorno della settimana, è possibile richiedere la visita guidata del Museo o percorsi tematici riguardanti le epoche storiche e le arti a Treviso.

 
Per ulteriori informazioni consultare il sito
www.guideveneto.it o telefonare allo 0422 56470

clicca sulla foto per ingrandirla

Museo Diocesano di Treviso
Via Canoniche, 9

Orari
da Martedì a Venerdì: 9.00 – 13.00
Sabato: 15.30 – 18.30 (Novembre – Marzo)
16.00 – 19.00 (Aprile – Ottobre)
Ingresso gratuito
Percorsi guidati

OGNI DOMENICA
10.00 – 12.00 (ultimo ingresso alle ore 11.20)
visite al museo con esclusivo accesso alla cripta.
(per gruppi solo su prenotazione).

sabato 2 e domenica 3 marzo 2013
giornata nazionale dei musei ecclesiastici
visite speciali (con contributo simbolico di e 2,00 p.p.) alle ore 10.00 – 10.40 – 11.20 – 15.30 – 16.10 – 16.50

Per info e prenotazioni
Tel. e fax 0422 56470
Cell. 342 6138992
info@guideveneto.it
www.guideveneto.it

Per GRUPPI ORGANIZZATi e scuole
Su prenotazione, in qualsiasi orario e giorno della settimana, è possibile richiedere la visita guidata del museo o percorsi tematici riguardanti le epoche storiche e le arti a Treviso.
Visite e Percorsi Guidati a cura del Centro Guide e Servizi Turistici

La Sede
Il Museo Diocesano è ospitato nell’edificio denominato “Vecchie Canoniche” in quanto prima sede dei Canonici della Chiesa Cattedrale. Il primo impianto del fabbricato risale al sec. XII ed è costituito anche da altri edifici religiosi: i resti del Battistero Paleocristiano, le Nuove Canoniche con la Biblioteca Capitolare e la Sacrestia, la Cattedrale intitolata a San Pietro con la Cripta del sec. X, il Battistero di San Giovanni e la Torre Campanaria. Nel corso dei secoli vi sono state numerose trasformazioni; gli ultimi restauri hanno reso funzionali gli ambienti e portate alla luce eleganti tracce di affreschi di tipo decorativo.

Per info:

Centro Guide e Servizi Turistici
V.lo del Cristo 4 – 31100 Treviso
Tel/Fax: +39 0422 56470 – Cell. +39 348 1200427
info@guideveneto.itwww.guideveneto.it
_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programma e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______

MINIGUIDE della Marca Trevigiana in pdf da scaricare e stampare
Guidebook to the Province of Treviso - English version
Guidebook to Treviso - English version
Guida di Asolo
Guida di Castelfranco Veneto
Guida di Montebelluna e il Montello
Guida di Conegliano
Guida di Vittorio Veneto
Guida di Oderzo
Guida di Cison di Valmarino e Follina
-
MAPPE della Marca Trevigiana in pdf da scaricare e stampare
Mappa Turistica di Treviso
Mappa Turistica di Asolo
Mappa Turistica di Castelfranco Veneto
Mappa Turistica di Montebelluna
Mappa Turistica di Vittorio Veneto
Mappa Turistica di Oderzo
Mappa Turistica di Valdobbiadene

-

By

Tags: , , ,

Newsletter
Marcadoc


Vini da Terre Estreme – 19 e 20 Novembre

A tavola nei Ristoranti del Radicchio

Fiori d’Inverno, le mostre del Radicchio IGP

Fiere di Santa Lucia – 8, 9, 10 e 11 dicembre

Delizie d’Autunno 2017 – fino al 3 dicembre

MIG 2017 – dal 3 al 6 dicembre

Cantina La Vis, grandi vini dal Trentino

Tour del Prosecco – l’originale!

Shop.ViticoltoriPonte.it, la cantina a casa tua!

Arcangelo Piai – Fotografo