Prosecco Hills, le colline trevigiane destinazione turistica internazionale

prosecco-hills

Da vino italiano più esportato nel Mondo, a meta turistica

Destinazione Prosecco: firmato il contratto di rete

Ben 16 aziende della Pedemontana trevigiana si uniscono e puntano sull’economia turistica

Presentato un progetto di promozione da 400mila euro

Da prodotto a destinazione turistica: il Prosecco è molto più di un vino (il vino italiano più esportato nel Mondo), si identifica nell’immaginario del potenziale turista internazionale come una cultura che rivela il territorio che quel vino l’ha generato. Già oggi la destinazione “Prosecco” è la più ricercata dagli amanti dell’enoturismo di origine anglosassone (mercati USA e GB). Un interesse che riguarda anche il turismo tedesco, russo, cinese e che si riflette nei numeri delle presenze: se il 2016 è stato positivo per tutto il Veneto (18milioni di arrivi) sono infatti i territori della Pedemontana Trevigiana e della Valpolicella ad aver registrato incrementi percentuali a due cifre. Di fronte ad una crescita così importante, ora è nata la Rete d’Impresa Prosecco Hills, che si pone l’obiettivo di rafforzare il tessuto dell’economia turistica, attualmente troppo fragile e frammentario, riuscendo ad imporsi sui mercati internazionali come brand unitario e con proposte di accoglienza commercialmente appetibili.

Il contratto di rete è stato recentemente sottoscritto da ben 16 imprese che hanno sede in tutta la fascia pedemontana trevigiana (dalle pendici del Grappa ad Asolo, passando per le colline del Prosecco Superiore DOCG, arrivando fino a Conegliano). Sono aziende eterogenee, sia per dimensioni che per ambito di competenza: si va dai tour operator, alle aziende di trasporto, dai noleggiatori (bike e Vespa Rent), ai ristoranti e alle strutture alberghiere, fino alle latterie (da Soligo a Perenzin). Capofila, con ruolo manageriale di indirizzo, è UNPLI Treviso, Unione della Pro Loco e organizzatore de la Primavera del Prosecco Superiore, la più importante rassegna enoturistica del Veneto (3 mesi di eventi, 17 mostre del vino, per un indotto di presenze stimato in 300 mila presenze ogni anno). “Siamo orgogliosi che sia stata riconosciuta la nostra esperienza, forte di 22 anni di storia, e la nostra capacità di unire tante diverse realtà, dalla più piccola Pro Loco fino al mondo dei produttori – spiega il presidente Giovanni Follador – . Il volano Prosecco ha permesso di mantenere un territorio integro, perché lavorato dall’uomo, a differenza di tante aree pedemontane italiane in l’abbandono. Oggi possiamo godere di un paesaggio dal valore inestimabile, fatto di borghi rurali, chiesette e capitelli, e passeggiate nella natura, e siamo i candidati ufficiali per l’Italia alla tutela Unesco per il paesaggio. Il futuro qui è sì il vino, ma anche e soprattutto il nostro paesaggio e la nostra storia che sapranno generare una economia nuova”.

Risulta fondamentale, in questo momento, strutturare l’offerta di accoglienza, contrastando la polverizzazione delle attività di accoglienza e ricettività, per riuscire a presentarsi sui mercati internazionali. “Questi territori, tra i primi in Veneto, hanno compreso che bisogna offrire una proposta integrata: cultura, natura, enogastronomia; e sono stati in grado di cogliere le opportunità messe in campo dalla Regione Veneto e dai fondi europei. Sono già 16 le aziende aderenti e sono tante – ricorda l’Assessore regionale al Turismo, Federico Caner –  ma chiedo ad altre aziende di iscriversi, perché più saranno più riusciremo ad affermare Prosecco Hills come meta turistica internazionale di qualità. Dobbiamo far conoscere ai turisti, troppi, che affollano le calli di Venezia, un altro Veneto, non certo inferiore”.

Portare il turista nell’area storica dove si origina il vino Prosecco DOCG è un’esperienza che emoziona e coinvolge tutti i sensi. Il turista interessato a queste aree ha una capacità di spesa molto più elevata, ma è anche più esigente, richiede un itinerario di viaggio personalizzato, che consenta di provare attività coinvolgenti (visite in cantina, degustazioni guidate, escursioni), dove sia evidente il connubio cultura/natura.

Per questo la Rete d’impresa Prosecco Hills si è candidata ad accedere ai progetti finanziati dal nuovo POR (Programma Operativo Regionale) attraverso il FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale). “Abbiamo presentato un progetto per un valore di 400 mila euro, che vede – spiega Federico Capraro, titolare di un albergo della rete nonché presidente del Gruppo Provinciale Albergatori di Trevisola condivisione di calendari di eventi, pacchetti di offerte turistiche, infrastrutture digitali e attività di marketing. Confidiamo che la nostra proposta risulti assegnataria, partendo quindi concretamente già a settembre. Ma il primo più importante obiettivo resta quello di educare il territorio ad un cambio radicale di mentalità, per una cultura d’impresa che, attraverso una dimensione strutturata nell’offerta e una voce univoca nella comunicazione, sia capace di affermare l’appeal internazionale del territorio del prosecco. Dobbiamo dire un grazie all’Unpli regista di questa unione e all’entusiasmo delle prime 16 imprese aderenti. Ma questa è una rete aperta e il mondo delle cantine e dei produttori è pronto ad entrare e sarà benvenuto”.

Dobbiamo aprirci di più, ricevere e accompagnare i visitatori per far capire la storia di questo territorio e i sacrifici che qui si fanno per coltivare le viti o fare gli allevatori. Non solo vino, qui c’è il turismo religioso (penso all’Abbazia di Follina), qui c’è una ristorazione d’eccellenza”, aggiunge anche Lorenzo Brugnera, presidente di Latteria Soligo, realtà entrata nella rete e che ha di recente annunciato la volontà di realizzare attorno allo stabilimento attività ricettive (da un B&B ad una scuola di cultura casearia).

Gli aderenti:

Onda Verde ViaggiAgenzia Incoming (Follina)
Ai Cadelach
Hotel e Ristorante (Revine Lago)
Castelbrando
Hotel e Ristorante (Cison di Valmarino)
Latteria Perenzin
Caseificio e Ristorante (S.P. di Feletto)
Vesparent Dolomiti
Noleggiatore Vespe (Vittorio Veneto)
Canon d’Oro
Hotel (Conegliano)
Coop Altamarca
Gastronomia (Miane)
Al Castello
Ristorante (Conegliano)
Via Roma Bike Rental
Noleggiatore e Meccanico MTB (Paderno del Grappa)
San Giacomo
Hotel (Paderno del Grappa)
Bosa Service
Transfer (Borso del Grappa)
Garden Relais
Hotel e Ristorante (Borso del Grappa)
Antica Abbazia
Hotel , Ristorante e Campeggio (Borso del Grappa)
Ciclomeccanico
Noleggiatore e Meccanico MTB Punto Rosso Wilier (Cison di Valmarino)
Latteria Soligo
Società Agricola Cooperativa (Farra di Soligo)
Discovering Veneto
Agenzia Incoming (Onè di Fonte)

INFO: Rete d’Imprese Prosecco Hills
0438.893385 – proseccohills@gmail.com



I consigli Marcadoc:


www.marcadoc.it
non e’ responsabile di eventuali variazioni di programma e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______

MINIGUIDE della Marca Trevigiana in pdf da scaricare e stampare
Guidebook to the Province of Treviso - English version
Guidebook to Treviso - English version
Guida di Asolo
Guida di Castelfranco Veneto
Guida di Montebelluna e il Montello
Guida di Conegliano
Guida di Vittorio Veneto
Guida di Oderzo
Guida di Cison di Valmarino e Follina
-
MAPPE della Marca Trevigiana in pdf da scaricare e stampare
Mappa Turistica di Treviso
Mappa Turistica di Asolo
Mappa Turistica di Castelfranco Veneto
Mappa Turistica di Montebelluna
Mappa Turistica di Vittorio Veneto
Mappa Turistica di Oderzo
Mappa Turistica di Valdobbiadene

-

By

Tags: , , , ,

Newsletter
Marcadoc


Sapori Italiani e Alpini – 22, 23 e 24 settembre

Cocofungo 41 – Dal 19 settembre

Sposissimevolmente Venezia – 7 e 8 ottobre

Delizie d’Autunno 2017 – fino al 3 dicembre

Cantina La Vis, grandi vini dal Trentino

Tour del Prosecco – l’originale!

Shop.ViticoltoriPonte.it, la cantina a casa tua!

Arcangelo Piai – Fotografo

Conto Marca Like di Banca della Marca

Siti Consigliati