Collezione Salce, i manifesti in mostra a Treviso – Tra le 2 guerre, dal 14 ottobre 2017

manifesto_collezione-salce

La Collezione Salce,
un grande patrimonio dell’arte italiana,
in mostra a S. Margherita e S. Gaetano

A Treviso il Museo Nazionale Collezione Salce.

Nella chiesa dei Templari il museo italiano della pubblicita’ che ospita la famosa collezione

A Santa Magherita la conservazione dell’intero patrimonio
di 24.580 cartelloni, a San Gaetano le esposizioni

Illustri persuasioni. Capolavori pubblicitari dalla Collezione Salce.
Tra le 2 guerre

dal 14 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018

Il nuovo Museo Nazionale della Collezione Salce svela una seconda importante tranche dei suoi quasi 50 mila pezzi: dal 14 ottobre al 14 gennaio, saranno esposti un centinaio di magnifiche testimonianze dell’arte pubblicitaria tra la prima e la seconda guerra mondiale, dal 1920 al 1940.

Sono manifesti che declinano una stagione distinta spesso nettamente, dalla precedente del Liberty oggetto della precedente esposizione.
Non a caso, in questa mostra, il focus è posto sugli autori dei manifesti. Riconoscendo loro il ruolo e la virtuosità di abili persuasori. I loro sono anni in cui la propaganda assume un ruolo ufficiale e nella grafica raggiunge livelli di straordinaria eccellenza. Sono i decenni in cui nel vecchio Continente, ma non solo, si affinano gli strumenti della comunicazione di massa.

Sono anni in cui anche i grandi geni già affermati, come Leonetto Cappiello e Marcello Dudovich, sperimentano la tenuta delle loro idee comunicative attraverso un linguaggio più volumetrico e incisivo, continuando ad inventare personaggi indimenticabili come il folletto nella buccia d’arancia per Campari o l’elegante donna in blu per la Fiat Balilla. E sulla loro scia si muovono nuove stelle, come il francese Achille Luciano Mauzan, sempre pronto all’ironia più esuberante.

In altri autori, che si affacciano ora al mondo della grafica pubblicitaria, i volumi e le geometrie riconducono più chiaramente ai paralleli percorsi della pittura, tra cubismo e futurismo: le splendide nature morte di Marcello Nizzoli per il Campari o per il Vov; le marionette ironiche di Fortunato Depero di Enrico Prampolini e di Bruno Munari; le figure solidificate di Lucio Venna, di Giuseppe Riccobaldi del Bava e del novecentista Mario Sironi, grande anche nella grafica; le donne raffinatissime di Franz Lenhart, memori di quelle di Tamara de Lempicka.

Anche il mondo più discreto e minore dell’illustrazione suggestiona gli autori pubblicitari, esprimendo con estrema raffinatezza le prerogative più coerenti dell’Art déco: straordinarie e inedite sono in tal senso le prove giovanili di Erberto Carboni, tra cui spiccano per felicità inventiva, quasi fiabesca, quelle per la O.P.S.O. di Parma.
Ma è lo stesso Carboni, qualche anno più tardi, a sviluppare un altro sorprendente e nuovissimo rapporto: quello tra la grafica pubblicitaria e la fotografia, che entra con vigore nei manifesti fin dagli anni ’30. Giaci Mondaini è tra coloro che ne faranno ampio uso, anche con immagini della piccola figlia Sandra; e così il geniale Xanti Schawinsky, che porterà in Italia le ricerche del Bauhaus.

Atmosfere fotografiche e cinematografiche sono implicite anche nell’imponente lavoro di Gino Boccasile, quello delle signorine grandi firme.
Le sue donne sensuali dai sorrisi smaglianti sono – afferma Marta Mazza – cifra identificativa di un’epoca mai esuberantemente ottimista come la precedente ma capace di messaggi seduttivi formulati con forza e con una consapevolezza linguistica totalmente nuova.

Illustri persuasioni. Capolavori pubblicitari dalla Collezione Salce
dal 14 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018: Tra le due Guerre

Seguirà una mostra monografica sul celebre cartellonista italiano Federico Seneca:

FEDERICO SENECA (1891-1976). Segno e forma nella pubblicità
dal 3 febbraio al 3 giugno 2018

Il terzo appunto di Illustri Persuasioni. Dal secondo dopoguerra al 1962, è stato posticipato all’estate 2018

Museo Statale Collezione Salce a Treviso, città dove il collezionista Nando Salce nacque e visse. La Raccolta Salce è la più importante nel suo genere in Italia, e in Europa divide il primato con il parigino Musée de la Publicité. Treviso gli dedica due spazi: la chiesa di Santa Margherita e dell’edificio comunicante con la chiesa di San Gaetano, in via Carlo Alberto. Nella prima delle due, la chiesa di Santa Margherita, hanno trovato collocazione, in grandi cassettiere tecnologiche, i 24.580 manifesti raccolti da Nando Salce, a partire dal 1895, e dalla moglie Regina Gregory in una lunga vita di appassionata ricerca e catalogazione. Qui, sono aperti anche i laboratori scientifici nei quali si provvede alla loro conservazione e manutenzione: sono pur sempre di carta, e dunque delicatissimi.

L’ingresso del Museo affaccia sul sagrato della chiesa di San Gaetano/San Giovanni del tempio, non lontano dal complesso conventuale di Santa Caterina, oggi museo civico. Il Museo si articola su quattro piani che ospitano spazi di servizio e superfici espositive appositamente ideate per i materiali grafici. Esiguo ma attentamente e specificamente progettato, tale spazio espositivo non avrà un assetto permanente ma vivrà di mostre temporanee, tali da valorizzare il maggior numero di pezzi della Collezione nel rispetto delle esigenze conservative: la fragilità dei materiali cartacei, infatti, non è compatibile con una esposizione alla luce che si protragga per oltre quattro mesi.

Il Museo non si limita a conservare e valorizzare il patrimonio Salce, ma si propone anche di incrementarlo, aggregando raccolte diverse, a continuazione della Collezione originaria, conclusa nel 1962. È il seme del Museo Nazionale Italiano della Pubblicità, omologo al parigino Musée de la Publicité (Museé des arts décoratives).

In occasione dell’ingresso al Museo, e’ possibile visitare la chiesa di San Gaetano, edificio dei Cavalieri Templari ricco di storia e di opere d’arte. Importanti, tra l’altro: il cinquecentesco monumento funebre a Ludovico Marcello; la ricca quadreria; i dipinti di Giovanni Battista Canal; l’organo settecentesco di Gaetano Callido, uno degli strumenti più preziosi presenti in città. Nella Chiesa di San Gaetano sono allestiti dei cartelloni mobili per la didattica e vi e’ proiettato in loop un video sulla collezione Salce.

La prima sala del Museo Salce è dedicata a Erbert Carboni, firma delle storiche pubblicità della Barilla. A seguire la sala Marcello Dudovic, autore di cui il museo vanta 600 pezzi e nome rappresentativo della cartellonistica più antica. Al piano sottostante la sala Grignani, gemella della Carboni. Il museo ospiterà, a rotazione, i materiali della Collezione Salce.

Orari: il museo sarà aperto da giovedì a domenica dalle ore 10 alle ora 18, il venerdì sino alle ore 21.

Museo Nazionale Collezione Salce
Via Carlo Alberto, 31 31100 Treviso

____________

Vuoi organizzare una visita guidata?

CENTRO GUIDE E SERVIZI TURISTICI
Vicolo del Cristo, 4 31100 TREVISO
Tel. 0422 56470 – cell. 348 1200427 info@guideveneto.it www.guideveneto.it

___________



I consigli Marcadoc:


www.marcadoc.it
non e’ responsabile di eventuali variazioni di programma e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______

MINIGUIDE della Marca Trevigiana in pdf da scaricare e stampare
Guidebook to the Province of Treviso - English version
Guidebook to Treviso - English version
Guida di Asolo
Guida di Castelfranco Veneto
Guida di Montebelluna e il Montello
Guida di Conegliano
Guida di Vittorio Veneto
Guida di Oderzo
Guida di Cison di Valmarino e Follina
-
MAPPE della Marca Trevigiana in pdf da scaricare e stampare
Mappa Turistica di Treviso
Mappa Turistica di Asolo
Mappa Turistica di Castelfranco Veneto
Mappa Turistica di Montebelluna
Mappa Turistica di Vittorio Veneto
Mappa Turistica di Oderzo
Mappa Turistica di Valdobbiadene

-

By

Tags: , , , ,

Newsletter
Marcadoc


‘Mi è Caduta la Marca nel Piatto’ a Conegliano

Cocofungo 41 – Dal 19 settembre

Arredamont 2017 – dal 28 ottobre

Mostra di Giovanni Mascia a Conegliano

Delizie d’Autunno 2017 – fino al 3 dicembre

Sposissimevolmente Treviso – 4 e 5 novembre

Prealpi in Festa a Cordignano

Cantina La Vis, grandi vini dal Trentino

Tour del Prosecco – l’originale!

Shop.ViticoltoriPonte.it, la cantina a casa tua!

Arcangelo Piai – Fotografo

Conto Marca Like di Banca della Marca

Siti Consigliati