Collezione Salce, i manifesti in mostra a Treviso – FEDERICO SENECA (1891-1976). Segno e forma nella pubblicità – dal 17 marzo 2018

federicoseneca-baciperugina

FEDERICO SENECA (1891-1976).
Segno e forma nella pubblicità

Il maestro indiscusso della grafica pubblicitaria
del Novecento Italiano

dal 17 marzo al 2 settembre 2018

Il nuovo Museo Nazionale della Collezione Salce interrompe, per accogliere un evento davvero d’eccezione, il proprio progetto inaugurale denominato “Illustri Persuasori”, progetto che prevede una sequenza di tre esposizioni cronologiche dedicate a presentare il fior fiore della Raccolta Salce. La prima di esse è stata dedicata ai grandi cartellonisti de “La Belle Epoque”, la seconda – appena terminata – è stata riservata alla grafica pubblicitaria tra le due guerre, mentre la terza sarà dedicata agli anni tra il secondo dopoguerra e il 1962.

Sarà quindi proprio questo terzo appuntamento a slittare di una stagione per far posto ad una grandiosa monografica interamente riservata a Federico Seneca, il “papà dei Baci Perugina”.

La mostra illustra l’intero percorso creativo di Federico Seneca, dagli esordi belle époque agli sviluppi futuristi alla teatralità di matrice Bauhaus, arrivando a delineare una personalità originale e unica nel panorama della grafica pubblicitaria universalmente inteso.

 

seneca

“Questa rassegna è – nella visione di Marta Mazza, che del Museo è il direttore e l’anima – il perfetto medio proporzionale tra il secondo ed il terzo appuntamento del nostro progetto: focalizza infatti alcune delle campagne comunicative più importanti e celebri ideate tra gli anni Venti eTrenta e introduce, con alcune straordinarie creazioni dei primissimi anni Cinquanta, gli anni del boom economico”.

Per la Collezione Salce, la mostra su Seneca sottolinea anche la vocazione del nuovo Museo Nazionale ad essere protagonista e punto diriferimento nella progettazione culturale di eventi e ricerche a livello nazionale ed internazionale.

“Ben 40 dei pezzi esposti in questa magnifica mostra –sottolinea il Direttore Mazza – appartengono alla nostra Collezione. E non può che farci piacere ospitare questa monografica arricchita anche da non meno importanti opere di provenienza diversa. Unite a creare un percorso di visita davvero completo”.

“E’ infatti – continua Marta Mazza – attraverso gli splendidi manifesti, ma anche attraverso bozzetti disegnati e scultorei di proprietà privata, totalmente inediti fino a questa mostra, che si rende omaggio al grande direttore artistico della Perugina e della Buitoni, al geniale creatore delle immagini per il Bacio di cioccolato, per la pastina glutinata e ancora, per altre prestigiose committenze come Modiano, Ramazzotti,Cinzano, Talmone, Chlorodont, Lane BBB, Agipgas, di indimenticabili personaggi dalla valenza plastica e teatrale, perfetto preludio alle invenzioni della pubblicità animata per la televisione”.

La mostra, curata dai direttori del Museo Nazionale Collezione Salce Marta Mazza e del m.a.x. museo di Chiasso Nicoletta Ossanna Cavadini, è accompagnata da un ampio catalogo, realizzato da Silvana editoriale, corredato da un ricco apparato iconografico, e da saggi delle curatrici e di Dario Cimorelli, Renato Covino, Luigi Sansone.

A completare l’esposizione, un video realizzato da Ultrafragola, con interviste alle curatrici della mostra e al figlio dell’artista, Bernardino Seneca.

Biglietto intero: 8 Euro
Biglietto ridotto: 4 Euro

orari : da giovedì a domenica, dalle ore 10 alle ore 18; venerdì fino alle ore 21

____________

Vuoi organizzare una visita guidata?

CENTRO GUIDE E SERVIZI TURISTICI
Vicolo del Cristo, 4 31100 TREVISO
Tel. 0422 56470 – cell. 348 1200427 info@guideveneto.it www.guideveneto.it
____________

Museo Statale Collezione Salce

La Collezione Salce,
un grande patrimonio dell’arte italiana,
in mostra a S. Margherita e S. Gaetano

A Treviso il Museo Nazionale Collezione Salce.

Nella chiesa dei Templari il museo italiano della pubblicità che ospita la famosa collezione

A Santa Magherita la conservazione dell’intero patrimonio
di 24.580 cartelloni, a San Gaetano le esposizioni

Museo Statale Collezione Salce a Treviso, città dove il collezionista Nando Salce nacque e visse. La Raccolta Salce è la più importante nel suo genere in Italia, e in Europa divide il primato con il parigino Musée de la Publicité. Treviso gli dedica due spazi: la chiesa di Santa Margherita e dell’edificio comunicante con la chiesa di San Gaetano, in via Carlo Alberto. Nella prima delle due, la chiesa di Santa Margherita, hanno trovato collocazione, in grandi cassettiere tecnologiche, i 24.580 manifesti raccolti da Nando Salce, a partire dal 1895, e dalla moglie Regina Gregory in una lunga vita di appassionata ricerca e catalogazione. Qui, sono aperti anche i laboratori scientifici nei quali si provvede alla loro conservazione e manutenzione: sono pur sempre di carta, e dunque delicatissimi.

L’ingresso del Museo affaccia sul sagrato della chiesa di San Gaetano/San Giovanni del tempio, non lontano dal complesso conventuale di Santa Caterina, oggi museo civico. Il Museo si articola su quattro piani che ospitano spazi di servizio e superfici espositive appositamente ideate per i materiali grafici. Esiguo ma attentamente e specificamente progettato, tale spazio espositivo non avrà un assetto permanente ma vivrà di mostre temporanee, tali da valorizzare il maggior numero di pezzi della Collezione nel rispetto delle esigenze conservative: la fragilità dei materiali cartacei, infatti, non è compatibile con una esposizione alla luce che si protragga per oltre quattro mesi.

Il Museo non si limita a conservare e valorizzare il patrimonio Salce, ma si propone anche di incrementarlo, aggregando raccolte diverse, a continuazione della Collezione originaria, conclusa nel 1962. È il seme del Museo Nazionale Italiano della Pubblicità, omologo al parigino Musée de la Publicité (Museé des arts décoratives).

In occasione dell’ingresso al Museo, e’ possibile visitare la chiesa di San Gaetano, edificio dei Cavalieri Templari ricco di storia e di opere d’arte. Importanti, tra l’altro: il cinquecentesco monumento funebre a Ludovico Marcello; la ricca quadreria; i dipinti di Giovanni Battista Canal; l’organo settecentesco di Gaetano Callido, uno degli strumenti più preziosi presenti in città. Nella Chiesa di San Gaetano sono allestiti dei cartelloni mobili per la didattica e vi e’ proiettato in loop un video sulla collezione Salce.

La prima sala del Museo Salce è dedicata a Erbert Carboni, firma delle storiche pubblicità della Barilla. A seguire la sala Marcello Dudovic, autore di cui il museo vanta 600 pezzi e nome rappresentativo della cartellonistica più antica. Al piano sottostante la sala Grignani, gemella della Carboni. Il museo ospiterà, a rotazione, i materiali della Collezione Salce.

Orari: il museo sarà aperto da giovedì a domenica dalle ore 10 alle ora 18, il venerdì sino alle ore 21.

Museo Nazionale Collezione Salce
Via Carlo Alberto, 31 31100 Treviso

-

-

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______

Tags: , , , ,

Newsletter
Marcadoc


Primavera del Prosecco Superiore 2018

Vespa Rent Dolomiti: esperienza VESPA

Mostra Teodoro Wolf Ferrari a Conegliano

Malanotte d’Estate, eccellenze del Piave

Reptiles Day a Longarone – 2 e 3 giugno

_____________________________________________________