Museo Luigi Bailo

Bentornato Bailo!

Ha riaperto il 29 ottobre 2015 il Museo civico Luigi Bailo di Treviso, la Galleria del Novecento. A 12 anni dalla chiusura e dopo 3 anni di lavori di recupero strutturale torna a nuova vita la sede storica dei Musei cittadini, il Museo Luigi Bailo, inaugurato al pubblico nel 1888 nell’ex convento degli Scalzi di Borgo Cavour, oggi in veste completamente rinnovata sia nell’architettura che negli allestimenti.

Il progetto ridisegna un nuovo museo dentro una fabbrica antica: la funzione originaria dell’edificio, luogo ritirato e di meditazione, evolve nel ruolo del museo contemporaneo, un luogo aperto, accogliente e propositivo nella vita della città.

La rinnovata sede accoglie la Galleria del Novecento, ricca di 340 opere, il cui filo conduttore è rappresentato dalla raccolta di Arturo Martini (1889-1947), la più importante tra quelle oggi esistenti dello scultore. I suoi capolavori animano il chiostro cinquecentesco e gli spazi circostanti. Al centro del chiostro è collocato, quale perno ideale della collezione, il gruppo statuario di Adamo e Eva, restituito alla città nel 1993 grazie a una pubblica sottoscrizione e a cui il progetto regala maggiore visibilità fin dall’esterno della struttura.

Ma non solo Martini si può ammirare nel nuovo museo: attorno a lui si snoda il percorso dedicato agli artisti trevigiani più rappresentativi, dai protagonisti della pittura veneta della fine dell’Ottocento (Luigi Serena, Guglielmo Ciardi, Giovanni Apollonio), ai sodali di sperimentazione nelle avanguardie (Gino Rossi), agli altri artisti trevigiani nella stagione fra le due guerre mondiali: Nino Springolo, Bepi Fabiano, Lino Bianchi Barriviera, Giovanni Barbisan. Completa il percorso la sezione dedicata alla gipsoteca di Carlo Conte e alla scuola di incisione trevigiana.

Il progetto architettonico-museografico si è sviluppato in stretta relazione al piano museologico grazie al lavoro congiunto e condiviso del gruppo di lavoro formato da Maria E. Gerhardinger, Emilio Lippi, Eugenio Manzato, Marta Mazza e Nico Stringa e dei progettisti Marco Rapposelli, Piero Puggina e Heinz Tesar.

Museo Luigi Bailo – Borgo Cavour, 24 a Treviso

Il Museo Bailo
Si articola negli spazi dell’antico convento fondato nel XV sec. dai Padri Gesuati di S. Girolamo e passato nel 1681 ai Carmelitani Scalzi. Tracce delle antiche architetture sopravvivono nei due chiostri e negli ambienti prospicienti. Nel luogo della chiesa, originariamente di Ognissanti, ha sede attualmente la Biblioteca Comunale.

Gli spazi a destinazione museale sono stati intitolati al fondatore e primo direttore dell’istituto museale civico, l’abate Luigi Bailo (1835-1932). Il Museo ospitava le raccolte di archeologia, completate dal lapidario antico e medievale e la Pinacoteca.

Il complesso, danneggiato durante la I Guerra Mondiale e ancora più gravemente durante la II, fu riaperto nel 1952 e, dal 1959, divenne sede della raccolta comunale d’arte moderna. Dal luglio 2003 è rimasto chiuso a causa dei lavori di restauro, conclusi ad ottobre 2015. Con la riapertura si proporrà come sede della prestigiosa collezione museale permanente di arte moderna, che ha come fulcro la raccolta di opere di Arturo Martini.

Museo Luigi Bailo – Borgo Cavour, 24 a Treviso

ORARI
Da martedì a domenica 10,00-18,00
Chiuso lunedì

articolo collegato: Perché ora a Treviso sembra di essere a Berlino



_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______