Giro d’Italia e Grande Guerra: festa rosa a Nervesa della Battaglia – 18 maggio 2018

giroditalia2018
Il Giro d’Italia 2018 renderà omaggio alla Grande Guerra. Lo farà venerdì 18 maggio quando la 13. tappa di 220 km che partirà da Ferrara si concluderà a Nervesa della Battaglia, nell’anno del Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, proprio nella località che più di ogni altra ha vissuto in diretta i traumi del conflitto. Rcs, la società organizzatrice che ha già effettuato più di un sopralluogo, porterà così alla ribalta uno dei luoghi chiave del primo conflitto mondiale, le sue ferite, le sue memorie. Il Giro d’Italia approderà a Nervesa salendo dalla Pontebbana dopo avere toccato alcune località nel Veneziano (Mira, Santa Maria di Sala, Noale, Robegano e Martellago). Anticiperà due difficilissime frazioni come la San Vito al Tagliamento-Monte Zoncolan e la Tolmezzo-Sappada (Sorgenti del Piave) prima dell’ultimo riposo e quindi della settimana finale del Giro 2018 che partirà il 4 maggio da Gerusalemme e si concluderà il 27 a Roma con spettacolare passerella finale, forse a cronometro e arrivo in piazza San Pietro.Nella Marca i corridori dovrebbero entrare a Mogliano per attraversare Preganziol e Treviso lungo il Terraglio per poi imboccare la Pontebbana e raggiungere Carità, Visnadello e Spresiano arrivando così a Nervesa. Prima località toccata nel Comune, sarà Bidasio. La frazione verrà attraversata percorrendo la Marosticana. Da lì il tracciato porterà nel centro di Nervesa che verrà superato per imboccare la Panoramica e salire fino al cuore della frazione di Santa Croce. Qui, nei pressi della chiesa, costeggerà il monumento ai ragazzi del 99. Poi il percorso si snoderà lungo la presa VIII, un po’ più avanti rispetto al monumento, per scendere fino a Santi Angeli all’altezza della pista di motocross e quindi procedere, lungo la Dorsale, di nuovo in direzione di Nervesa come nel mondiale 85, transitando accanto all’Ossario e poi costeggiando la chiesa di San Giovanni Battista da cui si ammira l’abbazia di Sant’Eustachio. Lungo tale strada si raggiungerà la frazione di Bavaria percorrendo in discesa via Genio Zappatori. All’incrocio con la Marosticana la carovana girerà a destra in direzione di Giavera imboccando però, prima di raggiungere il centro, la strada che porta ad Arcade. Da lì, lungo la provinciale 51, risalirà verso il centro di Nervesa con arrivo in prossimità di piazza la Piave.
_________
-

101^ Giro d’Italia
arrivo di tappa a Nervesa della Battaglia

La tappa del Giro che venerdì prossimo terminerà a Nervesa dopo lo start da Ferrara e 180 km, segna la prima volta per la cittadina adagiata tra il Piave e il Montello. Nervesa dunque si aggrega alle consorelle Treviso, Conegliano, Castelfranco, Vittorio Veneto, Montebelluna, Riese, San Vendemiano, Vedelago, Valdobbiadene e Asolo che vantano almeno una tappa ospitata. Soprattutto nell’ultimo decennio la provincia di Treviso è stata attraversata moltissime volte. Bilancio complessivo: tra arrivi e partenze la Marca ha ospitato il Giro 32 volte. Dal 1999 ad oggi solo nel 2005 (arrivo comunque a Rossano) la corsa rosa non è transitata sulle nostre strade.
Una gioia iniziata il 1° giugno 1927 con la Pesaro-Treviso vinta da Binda e la partenza del giorno dopo per Trieste. Toccò poi a Vittorio Veneto: 25 maggio 1937 con l’arrivo da Forlì (successo di Servadei) e la partenza del giorno dopo per Merano dove s’impose Bartali. E fino agli anni Settanta è stato un discorso ristretto fra Treviso e Vittorio Veneto (nel 1988 sede delle due semitappe finali del Giro che consacrò per la prima volta vincitore un americano, Anrew Hampsten).
Nel 1977 la prima volta di Conegliano, nel 1991 di Castelfranco, nel 2001 di Montebelluna, nel 2004 di San Vendemiano, nel 2007 di Riese, nel 2009 di Valdobbiadene, nel 2010 di Asolo (arrivo a Casella) e nel 2012 di Vedelago. All’appello manca Oderzo.
27 maggio 2017 – Solo transito ma significativo: la Pordenone-Asiago tappa chiave e non solo perché penultima frazione del Giro del Centenario. Sembrava però un dispetto, 54.1 km di puro e semplice attraversamento sulle strade della Marca, l’ingresso in Pontebbana tra Cordignano e Orsago, poi Conegliano, il Muro di Cà del Poggio, infine di filata per Miane, Combai e Valdobbiadene per entrare nel Bellunese e nel Vicentino con Cima Grappa e poi l’inedita tortuosa Foza per arrivare al capoluogo dei Sette Comuni. Fu l’ultimo attacco di Nibali, Dumoulin trovò qualche alleanza e lì vinse il Giro.
18 maggio 2016 – Tappa di avvicinamento prima delle montagne, da Modena ad Asolo per un dejà vu (2010) nella Città dei Cento Orizzonti. Tappa a Ulissi, in rosa a Milano arriva Nibali che ringrazia Slongo per l’ennesimo successo.
23 maggio 2015 – Passata alla storia come la cronometro del Prosecco e per le due ali di folla incuranti della pioggia lungo i 59.4 km che portavano i girini da Treviso a Valdobbiadene. Il giorno prima a Jesolo Aru aveva appena conquistato la maglia rosa (Contador nella caduta generale arriva appena attardato con la bici cedutagli dal folgorante colpo d’occhio del fido Tosatto) ma nulla può sul terreno preferito del madrileno. A Valdobbiadene vince Kiryienka, poi Sanchez, terzo il pistolero. E’ anche l’anno delle due vittorie di Modolo (Jesolo e Lugano), da quattro anni non vinceva un trevigiano (sull’Etna, Gatto).
28-30 maggio 2014 – Arrivo a Vittorio Veneto, vince da solo Pirazzi, due giorni dopo cronoscalata con arrivo sul Grappa che sancisce il dominio di Quintana.
16 maggio 2013 – Transito nel silenzio irreale a Cà del Poggio, giornata sotto la pioggia, bomba d’acqua a Treviso dove vince Cavendish con Wiggings intirizzito che in equilibrio precario non va sul bagnato e perde le ruote a Villorba.
24 maggio 2012 – Andrea Flash’ Guardini fulmina tutti nella San Vito di Cadore Vedelago, flash di nome e di fatto, la SS Feltrina percorsa alla velocità del suono.
22 maggio 2011 – Da Conegliano alla Gardeccia, tappone dolomitico del Giro tolto d’ufficio a Contador per le note vicende del doping e vinto (postumo) dal compianto Scarponi.
22 maggio 2010 – Da Ferrara ad Asolo passando per il Grappa, prima vittoria di tappa per Nibali che proprio qui aveva conquistato il tricolore Juniores nel 2002.
11 maggio 2009 – Folla oceanica a Cà del Poggio, giornata da Grado a Valdobbiadene con l’urlo per lo scatto di Bruseghin. Petacchi però era ancora uno dei migliori in circolazione, niente da dire.
Prima di questi ultimi dieci anni magici la carovana rosa era apparsa con minor frequenza sulle nostre strade: il 31 maggio 2007 con l’arrivo a Riese e partenza il 1° giugno da Treviso. Nel 2004 San Vendemiano fu tappa d’arrivo (24 maggio) e partenza (25 maggio). Stessa formula per Conegliano nel maggio 2002: arrivo il 28 con Cipollini che sotto il diluvio raggiunge Binda a quota 40 vittorie al Giro e partenza il 29. Il 31 maggio 2001 è la data del cuore per Tosatto: vittoria a Montebelluna, il giorno dopo partenza per il Passo Pordoi. Questo il bilancio totale. Treviso sede di 9 arrivi e 9 partenze, 4 crono e complessive 7 giorni di riposo. Vittorio Veneto 7 arrivi, 7 partenze e la crono finale del 1988. Castelfranco 2 e 2 partenze, Conegliano 2 arrivi e 3 partenze, Montebelluna, San Vendemiano e Riese 1 arrivo e 1 partenza, Asolo 2 arrivi. Valdobbiadene, Vedelago e Nervesa 1 arrivo.
articolo di Riccardo Menegatti per www.gazzettino.it
__________
-

La tappa

Partenza Gara 11:30
La Tappa, quasi completamente piatta, attraversa da sud verso nord la Pianura Padana fino al Montello dove in un circuito di circa 30 km presenta alcune piccole asperità che non dovrebbero impedire la volata di gruppo finale. Nel finale si toccano alcuni dei luoghi simbolo della Grande Guerra a partire dal Piave e altri più moderni e attuali del vino. In fase di avvicinamento si attraversano zone del Polesine orientale che non venivano toccate da una tappa del giro da oltre 30 anni.

COMUNI E LOCALITÀ IN PROVINCIA DI TREVISO INTERESSATE DAL GIRO D’ITALIA 2018

Zero Branco, Quinto di Treviso, Treviso (v.d.Repubblica), Villorba, Vascon, Maserada sul Piave, Spresiano, Nervesa della Battaglia, Santi Angeli, Montello e Dorsale, Bavaria, Arcade, arrivo a Nervesa della Battaglia.

IL GIRO D’ITALIA 2018 E GRANDE GUERRA TRA PIAVE E MONTELLO.

Il percorso degli ultimi chilometri  fino all’arrivo di Nervesa. Partendo dalla frazione di Bidasio, in cui è visibile il Monumento con la Croce dell’ex Cimitero Militare di Bidasio e il Parco dell’ex Villa La Rotonda, si arriverà alla Barca da ponte, all’incrocio con Via Brigata Piacenza, e alla Croce, conosciuta per essere citata nella famosa canzone militare La Tradotta. Dopo un veloce passaggio affianco a ciò che resta di Villa Soderini Berti, i ciclisti attraverseranno l’arrivo e si avvieranno lungo la strada che li condurrà verso la Panoramica. Toccheranno Santa Croce del Montello, città dei Ragazzi del ’99, con il Monumento dedicato a E.A. Mario, il Monumento ai Ragazzi del ’99 e il sentiero storico Brigata Lucca. Passeranno inoltre vicino al Sacrario Militare del Montello e al Sacello Francesco Baracca. Dopo sarà la volta dell’Abbazia di Sant’Eustachio, che a maggio si potrà ammirare di nuovo in tutto il suo splendore dopo l’importante opera di restauro conservativo. I corridori attraverseranno idealmente anche la zona in cui un tempo sorgeva l’elegante Certosa del Montello per arrivare poi al Monumento a San Mauro e al Cippo Mario Fiore nella frazione di Bavaria. Dopo qualche chilometro in direzione Giavera del Montello e Arcade, la corsa tornerà a Nervesa della Battaglia dove terminerà con l’arrivo in Via Roma.

info tratte da www.gazzetta.it

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______

Tags: , , ,

Newsletter
Marcadoc


Primavera del Prosecco Superiore 2018

Vespa Rent Dolomiti: esperienza VESPA

Mostra Teodoro Wolf Ferrari a Conegliano

Malanotte d’Estate, eccellenze del Piave

Reptiles Day a Longarone – 2 e 3 giugno

_____________________________________________________