Gipsoteca Museo Canoviano

museocanova

Alla morte del fratellastro Antonio Canova, Monsignore Giovanni Battista Sartori volle chiuderne lo Studio romano, dove erano stati realizzati numerosi capolavori, e traslocare a Possagno tutti i modelli in gesso, i marmi invenduti, i dipinti, i bozzetti e quant’altro si trovava nei magazzini.
Per ospitare tutte queste collezioni, Sartori decise di edificare una Galleria, presso la Casa Natale dell’artista, per permettere a tutti i visitatori, gli studiosi e gli appassionati di arte di ammirare tutte assieme i capolavori di Antonio Canova.

Il Museo Canoviano di Possagno presenta una articolata serie di edifici espositivi,
di epoche diverse, e numerose collezioni delle opere di Antonio Canova.


LE GRAZIE
-

Il Museo di Canova diventa un’esperienza infinita

In occasione del 260° anniversario della nascita di Antonio Canova, a Possagno, Fondazione Canova propone una serie di iniziative che arricchiscono il Museo di contenuti ed esperienze culturali

dal 8 novembre

Divina Paolina

Al centro della Sala degli Specchi, completamente riallestita per l’occasione, viene presentata una delle opere più belle del Museo di Canova, Paolina Bonaparte: la prima opera del Canova ricostruita filologicamente dai danni di guerra, una decina d’anni fa, con la tecnica del reverse engineering

dal 1 dicembre

Canova Experience

Il digitale incontra le opere di Antonio Canova.
Un progetto con Asolana Group.

dal 16 dicembre

1917-2017 Possgno e Canova

Tra il Brenta e il Piave, a 100 anni dal bombardamento della Gypsotheca.

260 anni fa, il primo novembre 1757, a Possagno, nasceva Antonio Canova, nella Casa di Pasino, il nonno scalpellino, burbero e bisbetico quanto basta.
Ma Pasino è stato anche il nonno che non esitò a ipotecare quella stessa Casa per pagare al nipote, rimasto orfano di padre, le spese di frequenza all’Accademia di Venezia.
Un anniversario importante questo del 260° della nascita: un evento che ha dato il via a una straordinaria carriera d’artista, a un successo senza precedenti in tutta Europa… E a Possagno, a uno dei primi musei del Veneto.
E oggi a uno dei centri culturali più conosciuti nel mondo dove si conservano non solo i dipinti, le incisioni, le memorie di Antonio Canova, ma soprattutto la collezione pressoché completa dei modelli originali in gesso dello scultore. Dai quali sono uscite decine di repliche in marmo presenti nei principali musei della Terra.
Consapevole di questo immenso patrimonio, Fondazione Canova di Possagno ha programmato una serie di iniziative di forte impatto culturale:

DIVINA PAOLINA, 8 novembre

Riallestimento della Sala degli Specchi per dare accoglienza alla sorella di Napoleone, ritratta da Canova come Venere Vincitrice, donna fascinosa già ai suoi tempi, bellissima dèa per sempre.
Il modello in gesso di Paolina Borghese è stata la prima opera in gesso ricostruita con il sistema 3D e del reverse engineering: a più di dieci anni da quell’importante restauro integrativo, viene riproposta al grande pubblico degli appassionati di Canova.

CANOVA EXPERIENCE, 1 dicembre

Fondazione Canova, in collaborazione con Asolana Group, porta all’interno del Museo un progetto totalmente innovativo di comunicazione integrata che, utilizzando tecnologia 3D e virtual reality, consente al visitatore un’esperienza immersiva nel sito museale.
Saranno messe a disposizione dei visitatori più esigenti alcuni servizi innovativi: il virtual tour, sia nel sito del Museo sia da remoto; la consultazione on line di moltissimi (e preziosi) documenti dell’archivio canoviano; la scansione 3D delle opere canoviane con possibilità di studiarne le strutture e la composizione; una esperienza virtuale, fruibile anche con i visori oculus, che attinge da una eccezionale e inedita repository di video, immagini, animazioni, ipertesti…
Un progetto dal grande valore storico e sociale, l’avvio di un percorso di investimento e di sviluppo nell’edutainment, a favore da un lato del mondo della scuola, dell’educazione e della ricerca attraverso le moderne tecnologie digitali, dall’altro verso quanti vivono in situazioni di disabilità, ma desiderano avvicinarsi al mondo dell’arte e poter ammirare le opere conservate nel Museo di Possagno.

1917-2017: POSSAGNO E CANOVA:
Tra il Brenta e il Piave, 16 dicembre

Forse era la vigilia di Natale di cento anni fa, quando una granata di grosso calibro, centrò in pieno la grande Galleria dei Gessi canoviani di Possagno: un disastro senza precedenti, dal quale il Museo non si è mai completamente risollevato.
Ancora oggi, chi visita la Gypsotheca incontra le drammatiche testimonianze delle lacerazioni in alcune statue.
Del resto, la guerra, dopo Caporetto, era arrivata a Possagno e in tutta la Pedemontana del Grappa: le granate cadevano a decine ogni giorno in quella tragica battaglia d’arresto nelle ultime settimane del 1917. La popolazione civile era stata sgomberata, prima a Ca’ Rainati e dopo a Marsala in Sicilia. Le truppe francesi erano state incaricate di presidiare il territorio avevano preso possesso delle case svuotate e del Museo.
Per l’anniversario della Grande Guerra, vengono ricostruite alcune scene di quella battaglia che sconvolse Possagno e il territorio ai piedi del Grappa, attraverso immagini e documenti originali e inediti.

Informazioni:
Fondazione Canova ONLUS – Gypsotheca e Museo Antonio Canova
via A. Canova, 74 31054 Possagno TV – T: 0423 544 323 – @: posta@museocanova.it


-

GIPSOTECA

Ala “Ottocentesca”
(detta anche la “Basilica” o la “Galleria”)

Fin dal 1832 Monsignor Sartori incaricò l’architetto veneziano Francesco Lazzari perché progettasse la costruzione della “raccolta dei gessi” (gipsoteca). Era il tempo in cui a Possagno veniva chiuso il poderoso cantiere del Tempio, era abbattuta la vecchia chiesa e veniva trasformato l’assetto viario e urbanistico del piccolo paese. Ora si aggiungeva la nuova fabbrica della Gipsoteca che fu completata nel 1836: Lazzari aveva edificato una grande basilica, un vero e proprio inno all’arte canoviana. L’edificio si presenta con una alta e solenne volta a botte, divisa in tre settori; l’illuminazione arriva solo dai tre lucernari alla sommità del soffitto; un’ampia abside raccoglie a sud il grandioso modello dell’Ercole e Lica.

Per il visitatore che entra per la prima volta al Museo, la visione d’insieme della Gipsoteca rappresenta una scena di grande suggestione.

Durante la Prima Guerra mondiale, due colpi di artiglieria colpirono il Museo: alcuni gessi andarono completamente distrutti, decine furono lesionati, scheggiati… Una grandiosa opera di restauro di Stefano e Siro Serafin, padre e figlio, consentirono di far rinascere la Gipsoteca: il portone del museo fu riaperto ai visitatori nel 1922.

Allo scoppio della Seconda Guerra mondiale, per timore di nuovi bombardamenti, la Gipsoteca fu svuotata, le statue furono caricate su cari trainati da buoi e depositate all’interno del Tempio di Possagno, dove rimasero fino al 1946 quando ritornarono nella loro collocazione originale.


Ala Scarpa

Nel 1957, le opere canoviane di Possagno trovarono una più adeguata sistemazione grazie ad un nuovo edificio, costruito dal grande architetto veneziano Carlo Scarpa: la nuova ala, ricca della luce solare che piove dall’alto, è apprezzata ogni anno da migliaia di visitatori che vogliono studiare i materiali, i modelli progettuali e la disposizione delle opere che Carlo Scarpa ha sapientemente collocato nell’alta sala a torre e nel corpo allungato che si restringe fino alla piscina delle Grazie.

Scuderia

Il cortiletto del pozzo è chiuso, verso sera, dalla Scuderia della Casa; il piccolo stabile ospitò per tutto il Settecento le pecore che fornivano la lana al nonno di Canova, Pasino; nei primi decenni dell’Ottocento, il fabbricato è diventato idoneo per i due animali da traino che servivano ai Canova: un cavallo era adibito ai lavori dei campi prossimi a casa, l’altro conduceva la carrozza che portava Antonio Canova da Venezia o da Roma al suo paese natale. La carrozza, munita di vetri e fanali per il viaggio anche notturno, veniva posteggiata nel porticato attiguo alla Scuderia.

Carlo Scarpa, nel 1957, volle collegare la sua ala nuova del Museo alla Scuderia, allestendovi l’esposizione di numerose opere canoviane, tra cui spicca un grande cavallo.


ADONE INGHIRLANDATO DA VENERE

La Casa Canova

La Casa di Antonio Canova si snoda lungo il crinale che si stende verso la Pastega, nel territorio sudorientale di Possagno, costruita secondo un asse Est/Ovest, per consentire di avere la facciata al sole e rivolta al Giardino, al Brolo e ai vasti campi che oggi costituiscono il Parco Canoviano.

La costruzione della Casa del Canova risale con molta probabilità al Seicento e presenta una tipica struttura veneta, con il corpo centrale su più piani, dove si svolgeva la vita domestica e notturna, gli annessi alla Casa (cantina, sbrattacucina, cucina), il portone d’ingresso alla proprietà e ai fondi rustici (con un vistoso arco in pietra sotto cui passavano i carri carichi di foraggio), i lunghi porticati per il deposito dei materiali da lavoro (pietre degli scalpellini, lana per i lanaioli, frutti per i contadini), la stalla per gli animali da traino, il serraglio per il carro, i pozzi (se ne contano tre, oggi, nella proprietà canoviana)…

Dopo il terremoto del 1695, la Casa fu ristrutturata e ampliata con nuovi locali e aggiunta di camere per far posto alla famiglia che diventava sempre più numerosa. L’abitazione canoviana che il visitatore vede oggi a Possagno è quella che Antonio Canova ristrutturò tra la fine del Settecento (costruzione della “Torretta”) e l’inizio dell’Ottocento (quando volle ricavare la cosiddetta “Sala degli Specchi”).

Interno della Torretta

I materiali usati nella costruzione della Casa sono ricavati dal territorio possagnese: terracotta, pietra, legno. I mobili, quei pochi che sono rimasti, sono originali del primo Ottocento, quelli che anche Canova utilizzava nelle sue frequenti visite a Possagno da Roma.

Oggi, nella Casa del Canova si ammirano alcune pregevoli collezioni: i dipinti canoviani (15 oli su tela e 35 tempere di eccezionale leggerezza e soavità), le incisioni (commissionate da Canova ad alcuni artisti bassanesi e romani per creare il catalogo delle opere in marmo e diffonderlo ai maggiori committenti di statue), i disegni, alcuni marmi, gli strumenti da lavoro, alcuni vestiti dell’Artista. Il turista può, inoltre, ammirare, alcuni settori della Casa recentemente aperti al pubblico dopo il restauro avvenuto con il cofinanziamento europeo: la camera dove è nato Antonio Canova e dove si trova il noto dipinto di Thomas Lawrence, il seminterrato della Casa (con la Cantina e i locali di disbrigo) e, soprattutto, lo Studio della pittura, nella “Torretta”.

Infine, nei locali della Cucina, dove ogni cosa è rimasta com’era dai tempi del Canova, l’Ente che gestisce il Museo ha recentemente installato dei laboratori didattici multimediali e di manipolazione dell’argilla, a servizio soprattutto dei giovani Studenti che visitano la Gipsoteca.

Il Museo, L’Ala nuova

Nel 1992, su progetto dell’architetto Gemin, allievo di Carlo Scarpa, è stata realizzata la Nuova Ala del Museo Canoviano, aumentando così gli spazi espositivi e l’offerta di servizi culturali.

I locali dell’Ala Nuova si articolano in tre piani, ad oriente dell’edificio scarpiano di cui conserva l’ispirazione in molti elementi architettonici: le finestre al soffitto, le pareti a vetro, la visione dell’ambiente naturale esterno, ecc. Obiettivo di questo edificio è quello di creare un graduale passaggio dalle collezioni canoviane al vasto Parco antistante che consente al visitatore di continuare il cammino tra una variegata vegetazione e in lunghi percorsi espositivi all’aperto.

In questa Ala Nuova, l’Ente che gestisce il Museo organizza convegni e conferenze, presenta libri e pubblicazioni, espone mostre d’arte di autori italiani e stranieri.

Nell’Ala Nuova del Museo Canoviano ha sede l’Associazione “Amici del Canova”, un gruppo di giovani studiosi che prestano attività di volontariato al Museo e che propongono servizi di accompagnamento ai visitatori della Gipsoteca.

Lo scoperto

IL PORTICATO E IL GIARDINO

La Casa di Canova è collegata alla Gipsoteca da un ampio Porticato retto da colonne bianchissime a sezione ottagonale: verso sera, si accede al Cortiletto del pozzo, un piacevole spazio scoperto, interno agli edifici, pavimentato di ciottoli del Piave (cogolà), e alla Scuderia affiancata ad una rigogliosa pianta di Glicine; a mattino, invece, proprio di fronte alla facciata della Casa, si apre il Giardino di Casa Canova che consente una passeggiata serena tra il verde e i fiori. Tra il Giardino e la Casa, un marciapiede in pietra Biancone del Grappa accoglie il visitatore.

IL BROLO

L’ampio spazio verde di Casa Canova è caratteristico per la sua struttura veneta: vicino alla porta della Casa, vi sono le aiuole di fiori (un bellissimo roseto distribuito in file di aiuole circolari) e, più a sud, dagli antichi “piedoni” in pietra fino alla Cancellata, si apre il Brolo, cioè il frutteto, con alberi diversi e rari: dalla Peonia arbusta al Bosso delle Baleari, dalla Buganvillea alla Laestroemia, dalle Magnolie stellata e bovata alla Forsizia al Leccio al Calicanto nigro e bianco; nell’angolo a sud-est, un vigoroso pino italico, piantato da Canova stesso nel 1799, offre ancora oggi la sua ombra nei caldi pomeriggi d’estate. Tra gli alberi da frutto, crescono il Pero, il Melo, il Ciliegio, il Fico bianco e nero, il Pesco, il Susino, la Vite…

IL PARCO

Il Brolo è delimitato a mezzogiorno da una splendida Cancellata in ferro battuto, costruita dai sapienti artigiani locali e messa in opera nel tardo Settecento, si apre il cosiddetto Parco, un vasto terreno coltivato a foraggio, che forniva il pasto agli animali da stalla (cavalli e pecore) di Casa Canova, e delimitato da una cinta di piante ad alto fusto ed a chioma fitta. La tradizione vuole identificare quest’area con i quattro campi chiamati “persei”, acquistati da Canova con il guadagno (3.000 zecchini!) della statua del Perseo, conclusa nel 1801.

Nel 1997, il Parco è stato restaurato con fondi europei e oggi viene adibito a mostre di scultura all’aperto, a feste, concorsi d’arte ed esibizioni musicali…


ERCOLE E LICA

Antonio Canova

Antonio Canova fu uno scultore (Possagno 1757 – Venezia 1822) tra i più rappresentativi artisti del neoclassicismo europeo. Lavorò dapprima nel Veneto e le sue opere giovanili vennero influenzate dal Rococò e dal Barocco veneziano. Compì i primi studi tra Asolo e Venezia dove scolpì l’Orfeo ed Euridice (1773), il Dedalo e Icaro (1779) e l’Apollo (1779). Ebbe il favore dei papi e di Napoleone ed esercitò un grande ascendente sulla scultura del tempo. Nel 1781 si trasferì a Roma, ove, pur conservando una sua personalità e dimostrando qualità artistiche contrastanti con la fredda rigidezza dell’Accademismo, trasse ispirazione dai capolavori classici e dal Neoclassicismo romano.
La sua personalità dominò la prima metà dell’Ottocento. Nel 1783 realizzò il monumento a Clemente XIV (Roma, Santi Apostoli), prima opera di impronta neoclassica, nella quale ridusse il movimentato insieme berniniano in uno schema geometrico che applicò anche nel monumento a Clemente XIII (Roma, S. Pietro), concluso nel 1792. In contemporanea scolpì l’Amore e Psiche (Parigi, Louvre), che testimonia un sempre crescente interesse dell’artista per l’antico, manifestato anche nelle opere successive (Monumento Emo, 1792, Venezia, Museo Navale; Adone e Venere, 1795, Ginevra, Villa Fabre ad Eaux-Vives; Ebe, 1796, Berlino). Nel 1802 si recò a Parigi per scolpire il Ritratto di Napoleone e nel 1805 iniziò il Paolina Borghese raffigurata come Venere vincitrice (1808, Roma, Galleria Borghese). Nel 1813 ultimò la Venere italica (Firenze, Palazzo Pitti) ed il gesso delle Tre Grazie (il marmo è di tre anni dopo; S. Pietroburgo, Ermitage), dove l’arte canoviana raggiunge il massimo di astrazione formale e di voluta freddezza.

Museo Canova
Via Canova, 74  31054 Possagno
web: www.museocanova.it    tel +39 (0)423 544323
mail: posta@museocanova.it

ORARI DI APERTURA – aperto dalle 9.30 alle 18 con orario continuato tutti i giorni escluso il lunedì
La biglietteria chiude mezz’ora prima della chiusura

articoli collegati:

Tempio Canoviano a Possagno

Asolo, il Canova e il Palladio

Il Canova e Possagno

___________

Il Centro Guide e Servizi Turistici di Treviso organizza delle Visite Guidate Gratuite il primo venerdi del mese alle ore 15,00 (con prenotazione obbligatoria con 15 gg di anticipo)
> clicca QUI per leggere la news

Per info:

CENTRO GUIDE E SERVIZI TURISTICI
Vicolo del Cristo, 4 31100 TREVISO
Tel/Fax 0422 56470 – cell 348 1200427 – info@guideveneto.it www.guideveneto.it

-

-

_______

MiniGuide e Mappe Turistiche della Marca Trevigiana in pdf
da scaricare e stampare =>
clicca qui

_______

Marcadoc.it non e’ responsabile
di eventuali variazioni di programmi e orari,
si consiglia di verificare presso gli organizzatori.

Per maggiori informazioni: info@marcadoc.it

_______

By

Tags: , , , ,

Newsletter
Marcadoc


A tavola nei Ristoranti del Radicchio

Fiori d’Inverno, le mostre del Radicchio IGP

Cantina La Vis, grandi vini dal Trentino

Tour del Prosecco – l’originale!

Shop.ViticoltoriPonte.it, la cantina a casa tua!

Arcangelo Piai – Fotografo